WrestleMania I

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da WWF WrestleMania I)
WrestleMania I
Promosso da World Wrestling Federation (WWF)
Brand Unico
Data 31 marzo 1985
Sede Madison Square Garden
Città New York
Spettatori 19.121
Cronologia pay-per-view
Nessuno WrestleMania I WWF The Wrestling Classic
Progetto Wrestling

WrestleMania (in seguito conosciuta come WrestleMania I) è stata la prima edizione di WrestleMania organizzata dalla World Wrestling Federation. Ebbe luogo il 31 marzo 1985 al Madison Square Garden di New York. L'affluenza di pubblico fu di 19,121 paganti. L'evento venne visto in televisione da più di 1 milione di persone attraverso la Tv via cavo, rendendolo lo spettacolo con il maggior ascolto sulle tv a circuito chiuso negli Stati Uniti all'epoca.

Lo show vide la presenza di nove incontri di wrestling. Il main event fu un incontro di coppia tra Hulk Hogan & Mr. T contro Roddy Piper & Paul Orndorff.

Antefatto[modifica | modifica sorgente]

Durante gli anni ottanta, la World Wrestling Federation (WWF) di Vince McMahon decise di capitalizzare il successo crescente copiando l'idea di un grosso avvenimento annuale pay-per-view dalla Jim Crockett Promotions. McMahon sfidò lo Starrcade di Jim Crockett, che aveva debuttato con successo nel 1983, creando WrestleMania.[1]

In occasione della prima edizione di WrestleMania, Vince McMahon pubblicizzò l'evento su MTV. In aggiunta, furono ingaggiate a peso d'oro diverse celebrità come Muhammad Ali, Liberace e Cyndi Lauper. La WWF trasmesse due speciali televisivi di wrestling su MTV. Il primo fu The Brawl to End It All, trasmesso il 23 luglio 1984, nel quale venne mostrato un match in diretta dal Madison Square Garden di New York. Wendi Richter sconfisse The Fabulous Moolah vincendo la cintura WWF Women's Championship, con un'entusiasta Lauper nel suo angolo.[2] A The War to Settle the Score, trasmesso il 18 febbraio 1985, Leilani Kai, accompagnata da Moolah, sconfisse la Richter, ancora assistita dalla Lauper, strappandole il titolo Women's Championship.[3]

Due altri titoli furono messi in palio a WrestleMania: il WWF Intercontinental Championship e il WWF Tag Team Championship. Prima dell'evento, Greg Valentine aveva avuto un feud con Tito Santana per il titolo Intercontinentale. Valentine sconfisse Santana il 24 settembre 1984 vincendo la cintura.[4] Mike Rotunda e Barry Windham vinsero il WWF Tag Team Championship tre mesi prima di WrestleMania da Adrian Adonis e Dick Murdoch.[5]

Nei mesi precedenti a WrestleMania, Roddy Piper iniziò a condurre in WWF un talk-show intitolato "Piper's Pit". In una delle puntate del segmento, egli colpì violentemente Jimmy Snuka alla testa con una noce di cocco, e i due iniziarono un feud. Come parte della storyline, Piper reclutò "Cowboy" Bob Orton come sua guardia del corpo per difendersi dagli attacchi del "selvaggio" Snuka. Nel corso di un'altra puntata del Piper's Pit, Piper criticò aspramente la nascente "Rock 'n' Wrestling Connection", e questo lo portò a confrontarsi con Hulk Hogan, leader della fazione. Nel febbraio 1985, i due si scontrarono a The War to Settle the Score, dove Hogan vinse per squalifica dopo un'interferenza da parte di Paul Orndorff e Mr. T. Il feud portò a un match a coppie tra i quattro a WrestleMania.[6]

Risultati[modifica | modifica sorgente]

# Risultati Tipo di incontro Durata
1 Tito Santana sconfisse The Executioner Incontro singolo 04:50
2 King Kong Bundy (con Jimmy Hart) sconfisse Special Delivery Jones (Bundy schienò Jones dopo una "valanga" e una big splash) Incontro singolo 00:23
3 Ricky Steamboat sconfisse Matt Borne Incontro singolo 04:37
4 David Sammartino (con Bruno Sammartino) contro Brutus Beefcake (con Johnny Valiant) terminò in doppia squalifica Incontro singolo 12:43
5 The Junkyard Dog sconfisse Greg Valentine (con Jimmy Hart) per countout (Valentine schienò JYD con un roll-up mentre era appoggiato sulle corde per aiutarsi. Turbato dal risultato, Tito Santana venne nell'arena e comunicò la scorrettezza all'arbitro che fece ripartire il match. Valentine andò fuori dal ring, dando a JYD la vittoria per cont-out. Comunque Valentine mantenne il titolo) Incontro valido per il WWF Intercontinental Title 07:05
6 Nikolai Volkoff e The Iron Sheik (con Classy Freddie Blassie) sconfissero The US Express (Mike Rotundo e Barry Windham) (con Cap. Lou Albano) e vinsero i WWF Tag Team Championship (Volkoff schienò Windham dopo che Sheik colpì Windham con il bastone di Blassie) Incontro valido per il WWF Tag Team Championship 06:55
7 André the Giant sconfisse Big John Studd (con Bobby Heenan) in un $15,000 Body Slam match (André the Giant eseguì la Body Slam che gli consegnò la vittoria. Dopo il match, Andrè The Giant gettò una parte dei soldi tra il pubblico prima che la borsa gli venisse strappata di mano da Heenan) Body Slam Match 05:53
8 Wendi Richter (con Cyndi Lauper) sconfisse Leilani Kai (con The Fabulous Moolah) e vinse il WWF Women's Championship Incontro valido per il WWF Women's Championship 06:12
9 Hulk Hogan e Mr. T (con Jimmy Snuka) sconfissero Roddy Piper e Paul Orndorff (con Cowboy Bob Orton) (con Muhammad Ali come arbitro speciale) (Hogan schienò Orndorff dopo che Orton colpì accidentalmente quest'ultimo saltando dall'angolo del ring) Tag team 13:13

Altre Presenze[modifica | modifica sorgente]

Commentatori
Intervistatori
Annunciatori sul ring

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Shaun Assael e Mike Mooneyham, Sex, Lies and Headlocks: The Real Story of Vince McMahon and the World Wrestling Federation, Crown Publishing Group, 2002, p. 74, ISBN 978-0-609-60690-2.
  2. ^ Schramm, Chris, Moolah: Twenty-eight years was the reign in Slam! Sports, Canoe.ca, 5 ottobre 1998. URL consultato il 7 maggio 2008.
  3. ^ Lelani Kai's reign (1), WWE. URL consultato il 7 maggio 2008.
  4. ^ Greg Valentine's reign, WWE. URL consultato l'11 agosto 2008.
  5. ^ Rotundo and Windham's reign, WWE. URL consultato l'11 agosto 2008.
  6. ^ John Milner, Rowdy Roddy Piper in Slam! Sports, Canoe.ca, 22 marzo 2005. URL consultato l'8 maggio 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

wrestling Portale Wrestling: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di wrestling