André the Giant

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
André the Giant
Fotografia di {{{nome}}}
Nome André René Roussimoff
Ring name André Roussimoff
Butcher Roussimoff
Giant Roussimoff
Monster Roussimoff
Eiffel Tower
Monster Eiffel Tower
Jean Ferré
Géant Ferré
André the Giant
Giant Machine
Nazionalità Francia Francia
Nascita Grenoble[1]
19 maggio 1946
Morte Parigi
27 gennaio 1993
Peso 215 - 290[2] kg
Altezza dichiarata 226 cm
Allenatore Frank Valois
Édouard Carpentier
Debutto 1963
Ritiro 1992
Progetto Wrestling

André René Roussimoff, meglio noto col nome d'arte di André the Giant (Grenoble, 19 maggio 1946Parigi, 27 gennaio 1993), è stato un wrestler e attore francese di origini bulgare e polacche. La sua apparizione cinematografica più famosa è quella nel ruolo di Fezzik, il gigante del film La storia fantastica. La sua dimensione era il risultato di acromegalia, e lo ha portato a essere chiamato "The Eighth Wonder of the World" ("L'ottava meraviglia del mondo")[3][4].

Nella World Wrestling Federation (ora conosciuta come WWE), Roussimoff è stato una volta WWF Champion[5] e una volta WWF World Tag Team Champion.[6] Nel 1993, André è stato il primo wrestler introdotto nella WWF Hall of Fame.[7][8]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

André Roussimoff nacque a Grenoble, in Francia, da Boris e Mariann Roussimouff, genitori rispettivamente di origini bulgare e polacche. André sosteneva di avere avuto una precocità fisica impressionante: a 12 anni, pare fosse già alto 192 cm e pesasse 90 kg. Un fatto che fece pensare fosse affetto da acromegalia, malattia degenerativa meglio conosciuta come "gigantismo", un disturbo che causa la crescita delle ossa in modo accelerato negli anni, e rende lo sviluppo continuativo anche oltre l'età della maturità fisica. Impossibilitato ad entrare nello scuolabus, veniva accompagnato a scuola da un vicino di casa.[9] Roussimoff era uno studente dal buon profitto, ma lasciò la scuola abbastanza presto poiché non riteneva fosse necessario un diploma per lavorare in qualità di agricoltore. Lavorò dapprima in una fattoria e successivamente si trasferì a lavorare in fabbrica come operaio. Nessuna di queste due professioni, però, lo gratificava.[10] Determinato nell'usare a suo vantaggio le sue dimensioni, André entrò nel mondo della lotta professionale molto giovane andandosene da casa ancora minorenne.

Gli inizi[modifica | modifica sorgente]

André the Giant colpisce con un calcio King Kong Bundy

All'età di 18 anni, Roussimoff si trasferì a Parigi dove venne introdotto nel mondo del wrestling dal promoter locale Edouard Carpentier. Carpentier fece assumere ad André i ring name "Monster Eiffel Tower" e "Monster Roussimoff" con i quali iniziò lentamente a farsi una certa reputazione combattendo nel circuito di Parigi e zone limitrofe. Grazie alle buone performance sul ring e al riscontro del pubblico ammaliato dalla mole del gigante, Carpentier decise di portarlo in Nord America. André iniziò quindi a combattere in Canada nella Grand Prix Promotions. Nei primi tempi André veniva presentato come "Jean Ferré" o "Géant Ferré", nome preso in prestito dal mitico gigante francese.[11] Il promoter canadese e wrestler Frank Valois incontrò Roussimoff nel 1966, diventando il suo manager. Da lì in poi Andrè girò il mondo lottando in Inghilterra, Germania, Nuova Zelanda, ed Africa.[11][12]

Debuttò in Giappone nel 1970, accreditato come "Monster Roussimoff", nella federazione International Wrestling Enterprise, lottando sia da singolo che in coppia. Il primo titolo arrivò con la conquista della cintura di campione di coppia insieme a Michael Nador.[12][13] Fu durante questo primo periodo trascorso in Giappone che i dottori gli diagnosticarono per la prima volta che soffriva di acromegalia.[12]

Trasferitosi nel 1971 a Montreal, in Canada, divenne molto famoso nella zona, esibendosi spesso in match da "tutto esaurito" al Montreal Forum.[14] All'epoca veniva frequentemente impiegato in handicap match nel corso dei quali lottava da solo contro due o più avversari contemporaneamente, uscendone quasi sempre vittorioso. Nel 1972 André Roussimoff lottò svariate volte nella American Wrestling Association (AWA) di Verne Gagne come attrazione speciale ed attirando su di sé l'attenzione di Vince McMahon Sr., fondatore della World Wide Wrestling Federation (WWWF).[15] McMahon suggerì diversi cambiamenti all'immagine di André. Sentiva che Roussimoff avrebbe dovuto essere presentato come un enorme, inamovibile mostro. Fu lui che gli consigliò di metter su ancora più peso e che coniò per lui il ring name "André the Giant", rendendolo famoso in tutto il mondo.[16][17]

World Wide Wrestling Federation / World Wrestling Federation[modifica | modifica sorgente]

André the Giant con Tommy Seigler negli anni settanta prima di un match

All'inizio del 1973, quando aveva 27 anni, debuttò nella World Wide Wrestling Federation. André divenne una stella in un periodo nel quale il wrestling professionistico non era ancora un evento di massa, ma la sua fama lo precedette in molti scontri. Divenne in poco tempo famoso al grande pubblico in qualità di face della federazione, presentato come una sorta di "gigante buono" con i bambini ma terribile con gli avversari. La sua popolarità crebbe sempre più anche grazie a svariati interventi in diverse trasmissioni televisive, talk show e altri eventi.

Per tutti gli anni settanta e la prima metà degli ottanta André fu uno dei wrestler più amati nel panorama del wrestling professionistico. In WWF Gorilla Monsoon insisteva nel presentarlo affermando che il gigante non era mai stato sconfitto per schienamento o sottomissione in 15 anni di attività prima della sconfitta patita a WrestleMania III per mano di Hogan. Tale affermazione, tuttavia, non era veritiera. Infatti André aveva perso altri incontri al di fuori della WWF; nel 1984 era stato chiaramente schienato da El Canek in Messico, e nel giugno 1985 Antonio Inoki lo aveva fatto cedere per dolore.[18][19] Inoltre aveva pareggiato per limite di tempo un match della durata di 1 ora contro Harley Race e Nick Bockwinkel. Le sue principali rivalità furono con Ernie "Big Cat" Ladd, Don Leo Jonathan e Blackjack Mulligan. Durante l'evento organizzato nel 1976 allo Shea Stadium, negli Stati Uniti, prese parte ad un match pugilistico contro Chuck Wepner nel quale André lanciò il suo avversario (denominato Bayonne Bleeder, "il sanguinatore di Bayonne") fuori dal ring, nella terza fila di spettatori. Quattro anni più tardi, ebbe il suo primo incontro con Hulk Hogan quando la WWF ritornò allo Shea Stadium dopo diversi anni di assenza. Nonostante la rivalità sul ring che li vide spesso contrapposti l'uno contro l'altro, Hogan e Roussimoff svilupparono una forte amicizia, ricordata con affetto ancora oggi da Hogan che non manca di onorare la memoria del gigante francese nelle interviste odierne.

National Wrestling Association e New Japan Pro Wrestling[modifica | modifica sorgente]

L'8 dicembre 1978 in Australia André conquista l'Australasian Tag Team Title in coppia con Ron Miller. Neanche un mese dopo passa alla National Wrestling Alliance per un breve periodo, dove comunque riesce a conquistare i titoli di coppia regionali NWA US Tag Team Title (Tri-State) e NWA Florida Tag Team Title entrambi in coppia con "The American Dream" Dusty Rhodes.

In Giappone André partecipa a più riprese al "Madison Square Garden Tournament" sia in singolo che in coppia. Nel 1978 arriva in finale ma viene sconfitto da Antonio Inoki per conteggio fuori dal ring; nel 1979 per un punto sfiora l'accesso alla finale del torneo, evento ripetutosi poi nel 1980. Sempre nel 1980 partecipa alla prima edizione del "MSG Tag Tournament" classificandosi terzo in coppia con "The Hangman", mentre nel 1981 partecipa solo in coppia con Renè Goulet e trionfa nella manifestazione sconfiggendo in finale Inoki e Tatsumi Fujinami, schienando Fujinami. Nel 1982 vince finalmente il torneo da singolo sconfiggendo in finale Killer Khan, che aveva sostituito Antonio Inoki infortunatosi poco prima del match.

Faida con Killer Khan (1981)[modifica | modifica sorgente]

Una delle rivalità più memorabili del tempo fu quella con Killer Khan, il "gigante della Mongolia". Secondo la storyline, Khan aveva spezzato una caviglia ad André durante un match disputatosi il 2 maggio 1981 a Rochester, New York.[20] In realtà, André si era rotto la caviglia cadendo dal letto la mattina precedente all'incontro.[10][21] L'infortunio e la successiva riabilitazione furono quindi inserite nella storyline del feud André/Khan. Dopo un ricovero al Beth Israel Hospital di Boston, André ritornò a combattere pronto a vendicarsi. I due si scontrarono il 20 luglio 1981 al Madison Square Garden in un match che terminò con una doppia squalifica. Il feud continuò attraverso l'estate e l'autunno successivi. Il 14 novembre 1981 al Philadelphia Spectrum, André sconfisse sonoramente Killer Khan in quello che venne pubblicizzato come il "Mongolian Stretcher Match", nel quale il perdente avrebbe potuto tornare negli spogliatoi solo in barella.[22] In questo periodo André inizia ad essere universalmente conosciuto come "il campione senza corona" perché, pur non avendo ancora vinto titoli mondiali come wrestler singolo, sembra comunque imbattibile.

Ritorno alla World Wrestling Federation[modifica | modifica sorgente]

Faida con Big John Studd (1983-1986)[modifica | modifica sorgente]

Un'altra rivalità molto sentita fu quella contro il possente Big John Studd che si autodefiniva "il vero gigante" del wrestling.[20] Nel corso dei primi anni ottanta, André e Studd si combatterono senza sosta in giro per il mondo, per stabilire chi meritasse veramente tale appellativo. Nel dicembre 1984, Studd e Ken Patera mandarono KO André durante un match di coppia procedendo poi a tagliargli la folta chioma afro che aveva sempre sfoggiato fin lì.[20] Dopo essersi vendicato di Patera, André sfidò Studd in un "Body Slam Match" nel corso della prima edizione di WrestleMania, tenutasi il 31 marzo 1985 al Madison Square Garden di New York. André sollevo e schiacciò Studd al tappeto aggiudicandosi l'incontro e il premio di 15,000 dollari in palio, del quale gettò una parte al pubblico prima che la borsa gli venisse strappata dal manager di Studd, Bobby "The Brain" Heenan.[23]

L'anno seguente a WrestleMania II, il 7 aprile 1986, vinse una Battle Royal di 20 combattenti (tra cui 14 lottatori della WWF e 6 atleti della NFL) eliminando negli ultimi istanti Jim "The Anvil" Neidhart e Bret "The Hitman" Hart, entrambi membri della Hart Foundation.

A metà anni ottanta la sua condizione peggiorò, e il suo corpo appariva molto stressato. Perse diversi chili, soffriva di continui problemi alle ginocchia e alla schiena, ma rimase parte integrante della federazione quando essa si espanse a livello nazionale.

Dopo WrestleMania 2, André continuò i suoi feud con Studd e King Kong Bundy. Circa in quel periodo, André richiese un permesso per assentarsi a causa dei problemi di salute dovuti all'acromegalia che stavano iniziando seriamente a causargli problemi di mobilità e per partecipare ad una tournée in Giappone; inoltre doveva anche recitare nel film La storia fantastica. Per spiegare al pubblico l'assenza di André, venne ideata una storyline nella quale Bobby Heenan suggeriva che il gigante fosse scappato perché intimorito dai suoi protetti Studd e Bundy. Infatti, era stato fissato un match di coppia nel quale André e un partner avrebbero dovuto scontrarsi con i due lottatori di Heenan. André the Giant però non si presentò sul ring, e il presidente WWF Jack Tunney lo sospese a tempo indeterminato.[24] Nell'estate 1986, André fece ritorno negli Stati Uniti, iniziando a combattere indossando una maschera sotto l'identità di "Giant Machine" in una stable chiamata "The Machines" dove Big Machine e Super Machine erano gli altri membri. Gli annunciatori della WWF non fecero menzione del fatto che la nuova gimmick di André non fosse altro che una scopiazzatura evidente del personaggio "Super Strong Machine", interpretato da Junji Hirata nella New Japan Pro Wrestling.[25] I Machines venivano presentati come "un nuovo tag team dal Giappone" le cui identità dei membri erano sconosciute, anche se era ovvio a tutti che Giant Machine fosse in realtà André the Giant. Heenan, Studd e Bundy si rivolsero allora al presidente Tunney, il quale disse a Heenan che se fosse stato in grado di provare che André e Giant Machine erano la stessa persona, André sarebbe stato licenziato dalla federazione. La storyline non ebbe però piena conclusione, e alla fine del 1986, Giant Machine "scomparve" semplicemente mentre André fu reinserito a tempo pieno nei ranghi della WWF. In questo periodo Roussimoff iniziò a sfoggiare il look caratteristico che lo contraddistinguerà per tutto il resto di carriera: capelli corti, folti basettoni, e l'inconfondibile costume nero con unica bretella trasversale.

Faida con Hulk Hogan (1987)[modifica | modifica sorgente]

André the Giant con il manager Bobby "The Brain" Heenan durante la sua fase da Heel della federazione

La sua carriera prese una svolta nel 1987 quando, durante una puntata dello storico Piper's Pit, voltò le spalle all'amico di vecchia data, l'allora campione mondiale WWF Hulk Hogan, lanciandogli una sfida per l'edizione di WrestleMania III. Dietro tutto questo, come da storyline, c'era il malvagio manager Bobby "The Brain" Heenan, arcinemico di Hogan, che fece il lavaggio del cervello ad Andrè, convincendolo che Hogan mandava avanti la loro amicizia solo per paura che Andrè un giorno avrebbe potuto sconfiggerlo e strappargli quindi l'ambito titolo WWF. WrestleMania III fu un evento a dir poco storico, in cui Hogan fece l'impossibile: sollevò con una Body Slam il massiccio André per poi schienarlo, subito dopo averlo colpito con il suo famoso Legdrop. I 93.173 spettatori presenti quella sera al Pontiac Silverdome di Detroit nel Michigan, ricorderanno per sempre questo momento, così come i parecchi milioni di spettatori a casa sparsi per il mondo. Per la precisione, anche se la WWF cercò di sottolineare l'eccezionalità dell'evento in maniera spropositata, questa non fu la prima volta nella quale André venne sollevato da terra e scaraventato al tappeto. In passato lo stesso Hogan lo aveva già alzato diverse volte durante i loro match in Giappone (dove però il "buono" era André e Hogan invece il "cattivo"), e lo stesso avevano fatto svariati altri wrestler come Antonio Inoki, Stan Hansen, Strong Kobayashi, Kamala, Butcher Vachon, El Canek, Otto Wanz, Riki Choshu, Harley Race, ed altri.[26] Comunque, nell'ambito degli incontri di wrestling americano, il successo della rivalità tra Hogan e André the Giant significò l'inizio di un nuovo modo di concepire i grandi incontri e le nuove strategie di mercato per attirare il grande pubblico. Un tale riscontro di pubblico rivoluzionò l'intero modo di concepire il business dello sport intrattenimento.

Dopo la sconfitta a WrestleMania III, André e il suo manager Bobby Heenan non si arresero comunque, e durante la prima edizione delle Survivor Series, tenutesi nel novembre del 1987, André the Giant uscì vittorioso e "sopravvissuto" durante un match a squadre 5 contro 5 a eliminazione in cui la squadra da lui capitanata affrontò quella di Hogan. André eliminò Bam Bam Bigelow per ultimo aggiudicandosi così il match.

Il controverso WWF Championship (1988)[modifica | modifica sorgente]

Grazie a questa vittoria, Andrè ottenne l'opportunità di sfidare nuovamente Hogan per il titolo: infatti, il 5 febbraio 1988 il gigante conquistò l'ambita cintura durante una puntata del Saturday Night's Main Event con l'aiuto del "Million Dollar Man" Ted DiBiase, che corruppe l'arbitro Earl Hebner (fratello gemello del più noto Dave Hebner) per fargli registrare un illegale conteggio di 3 sul campione Hogan, che invece aveva sollevato la spalla dopo il secondo conteggio. Subito dopo la vittoria, come da accordi segretamente presi in precedenza, André consegnò la cintura di campione WWF a DiBiase, che pagò al gigante una grossa cifra pur di ottenere l'ambito titolo. Già da parecchi mesi Dibiase, subito dopo aver debuttato con la gimmick del Million Dollar Man durante l'autunno del 1987, aveva tentato in ogni modo di convincere Hogan a vendergli la preziosa cintura di campione, senza però alcun risultato. L'allora Presidente della WWF Jack Tunney intervenne dichiarando che il titolo non poteva passare di mano venendo "regalato" o "comprato" da terzi, e dichiarò il titolo vacante, asserendo e ribadendo che la cintura poteva passare di mano solo per schienamento o sottomissione durante un match per il titolo regolarmente organizzato. Venne quindi scelto di indire per WrestleMania IV (tenutasi il 27 marzo 1988) un torneo eliminatorio per incoronare un nuovo campione indiscusso. Il torneo prevedeva una partenza dagli ottavi di finale, ma il Presidente Tunney offrì ad André e Hogan (i due ultimi detentori del titolo) di saltare il turno preliminare passando direttamente ai quarti di finale. I due combatterono in modo reciprocamente sleale, talmente forte era il malumore dell'uno verso l'altro, tanto da essere entrambi squalificati dal torneo (che venne poi vinto da Macho Man Randy Savage in finale contro DiBiase). Successivamente André e Ted DiBiase formarono l'estemporaneo tag team denominato "Mega Bucks" per scontrarsi con i "Mega Powers" formati da Hogan e Macho Man nel main event di SummerSlam 88. Il team DiBiase–André perse l'incontro, nonostante l'arbitraggio smaccatamente favorevole messo in atto nei loro confronti da Jesse "the Body" Ventura, che partecipava al match in qualità di arbitro speciale della contesa.

Contemporaneamente allo sviluppo della rivalità con i Mega Powers, André partecipò anche a vari match che lo videro contrapposto a Hacksaw Jim Duggan, dai quali, nonostante Duggan fosse un face favorito del pubblico, uscì sempre vincitore.

Faida con Jake Roberts e Ultimate Warrior (1989)[modifica | modifica sorgente]

André the Giant contro Jake "The Snake" Roberts

L'anno successivo, il 1989, vide André occupato in vari feud con Jake "The Snake" Roberts, nel quale, secondo la storyline, André sfidava la sua paura atavica per il serpente di Jake, il pitone Damien, e con Ultimate Warrior (che riuscì a sua volta, dopo Hogan a WrestleMania III, ad alzare da terra il gigante per schiacciarlo al tappeto). Nessuna delle due rivalità però si concluse con un vincitore decisivo, anche se André e Roberts si scontrarono in un match a WrestleMania V vinto da Roberts per squalifica.

The Colossal Connection (1989-1990)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Colossal Connection.

Nell'autunno dello stesso anno, il manager Heenan concepì un'idea geniale: mise in coppia André e un altro membro della Heenan's Family, il selvaggio Haku. Una volta creata questa tag team e battezzatala "The Colossal Connection", i due vinsero il titolo Mondiale di Coppia WWF battendo i Demolition (Ax e Smash) durante una puntata di WWF Superstars of Wrestling andata in onda il 30 dicembre 1989.

La coppia, insolita ma efficace, sconfisse tutti i maggiori tag team presenti nella WWF, fra i quali la Hart Foundation e The Rockers, detenendo il titolo fino al 1º aprile del 1990, quando, durante l'edizione di WrestleMania VI a Toronto, in Canada, André e Haku persero le cinture contro i Demolition. Questo fu l'ultimo incontro televisivo che Andrè disputò nella WWE. Alla fine del match il gigante francese licenziò e scaraventò fuori dal ring il manager Heenan, il quale aveva dato ad Andrè (oltre che uno schiaffo umiliante di fronte ad un pubblico di oltre 68.000 tifosi) tutta la colpa della perdita del match e del titolo: Andrè infatti si era trovato intrappolato fra le corde del ring e non era riuscito ad aiutare il suo compagno Haku che nel mentre veniva inchiodato al tappeto da Ax dei Demolition dopo la famosa e letale "Demolition Decapitation".

Apparizioni sporadiche (1990-1992)[modifica | modifica sorgente]

André, ora diventato nuovamente un "face" della federazione, continuò a comparire in WWF nel corso del 1990 e del 1991. In questo periodo accorse in aiuto di Big Boss Man durante il match di questi a WrestleMania VII contro Mr. Perfect.[27]

L'ultima storyline di rilievo alla quale partecipò il gigante francese in WWF si svolse dopo WrestleMania VII ed ebbe come protagonisti i maggiori manager "cattivi" della federazione (Bobby Heenan, Sensational Sherri, Slick, e Mr. Fuji) i quali cercavano ciascuno di reclutare André, solo per ricevere sonori rifiuti da parte del wrestler ed essere umiliati in svariati modi (a Heenan venne rotta una mano, Sherri fu sculacciata, Slick chiuso nel bagagliaio di un'auto che aveva offerto ad André, e Mr. Fuji ricevette una torta in faccia). Infine, Jimmy Hart annunciò di aver finalmente convinto André a firmare un contratto con lui per fargli formare un tag team insieme ad Earthquake. Tuttavia, quando Gene Okerlund chiese la conferma di ciò ad André, egli negò qualsiasi accordo. Questo portò Earthquake ad assalire André alle spalle infortunandolo ad una gamba.[28] Conseguenza di tutto questo fu occasione per l'ultima apparizione di André in WWF a SummerSlam 1991, dove, munito di stampella, assistette dall'angolo i Bushwhackers nel loro match contro i Natural Disasters di Jimmy Hart.[29] In realtà, la dirigenza WWF avrebbe voluto imbastire una rivalità tra André ed Earthquake, ma a causa dei suoi continui problemi di salute, il gigante non riuscì ad andare oltre alcune apparizioni all'angolo degli sfidanti del rivale.

All Japan Pro Wrestling (1990–1992)[modifica | modifica sorgente]

Dopo WrestleMania VI, André trascorse il resto della sua carriera sul ring nella All Japan Pro Wrestling (AJPW). Dal settembre 1990 al 1992 lottò in vari incontri di coppia con Giant Baba come partner.[30] Nel 1990 prese parte alla manifestazione "WWF/AJPW Wrestling Summit" che vedeva coinvolti i wrestler statunitensi e quelli della giapponese AJPW. In coppia con Giant Baba sconfisse i Demoliton (all'epoca campioni mondiali di coppia) in un match non titolato. Combatté il suo ultimo match nel dicembre 1992. La sua ultima apparizione televisiva in assoluto avviene in occasione di uno show celebrativo della NWA/WCW, nel 1992.

Morte[modifica | modifica sorgente]

André morì il 27 gennaio 1993, stroncato da un infarto nel sonno in un hotel francese, paese in cui era da poco rientrato a causa della scomparsa del padre. Noto per la giovialità del suo carattere e la grande generosità, la sua dipartita fu accolta con incredulo stupore e commozione da colleghi ed amici. Fu il primo wrestler ad essere inserito nella WWE Hall of Fame, inaugurata per questa specifica occasione. Il corpo di André fu cremato secondo le sue volontà e le sue ceneri disperse nel suo ranch a Ellerbe, nella Contea di Richmond (Carolina del Nord).[31] Nel 1999 la WWE ha messo in commercio la videocassetta celebrativa Andre The Giant: Larger than Life (ripubblicata nel 2005 in formato DVD) che ne ripercorre la carriera.

Controversie sulla sua altezza[modifica | modifica sorgente]

All'inizio della sua carriera fu presentato con un'altezza di 7 ft e 0 in (o 7'0", poco più di 213 cm); tale misura fu corretta al rialzo nel corso degli anni settanta, fino a 7'4" (224 cm) o addirittura 7'5" (226 cm), con un peso variabile tra le 309 lb (140 kg) e le 550 lb (249 kg). Stando a quanto dichiarato da Jim Duggan e Bobby Heenan, André era effettivamente alto 7'5". Il giornalista Dave Meltzer scrisse nel suo libro Tributes che Chuck Wepner, che affrontò André in un match "boxer contro wrestler" nel 1976, disse ai reporter che il francese era alto 7'5". Il manager di Wepner disse che André fece sembrare il suo assistito alto quanto un bambino, nonostante fosse alto 6'5½" (circa 197 cm). Nel suo secondo libro, Tributes II,[32] Meltzer scrisse che André fu misurato dalla commissione atletica francese nel 1974, all'età di 28 anni, e che l'altezza risultò essere 6'9¾" (207 cm).[33] Meltzer stimò inoltre l'altezza del wrestler pari a circa 6'11½" (212 cm) comparandolo alla stella della NBA Wilt Chamberlain, con lui sul set di Conan il distruttore nel 1984. Mike Mooneyham, un altro giornalista di wrestling, scrisse nel suo messaggio di cordoglio per la morte del wrestler nel 1994 che l'altezza di questi era 7'2" (219 cm) quando iniziò la sua avventura nel mondo del wrestling.

Le esagerazioni sulla sua altezza derivano dal fatto che Kareem Abdul-Jabbar era noto come lo sportivo più alto nel mondo con i suoi 7'2" (219 cm) ed i promoters vollero indicare André come l'atleta più grande. Inoltre, la visione di André da parte della folla bastava per fargli avere grandi ovazioni di parte dei fan in un tempo nel quale gli altri lottatori difficilmente superavano i 6'6" (198 cm). Il fatto che fosse affetto da acromegalia aiutò a farlo sembrare più grande di quello che era. Operazioni chirurgiche alla schiena e problemi di postura nel corso degli anni contribuirono ad una diminuzione della sua altezza. È però plausibile che, essendo affetto da gigantismo, sia cresciuto di qualche centimetro ancora dopo i 25 anni.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Senza mai sposarsi ufficialmente, Roussimoff ebbe una figlia da Jean Christensen,[10] Robin Christensen Roussimoff, nata nel 1979.

Nel 1974, il coach dei Washington Redskins George Allen offrì un contratto da professionista ad André the Giant come giocatore di football americano, ma lui rifiutò per rimanere nel mondo del wrestling.[34]

André viene citato nel Guinness Book of World Records del 1974 come wrestler più pagato della storia (all'epoca), avendo percepito un compenso di 400.000 dollari in un anno nei primi anni settanta.[35]

André the Giant è stato il primo wrestler in assoluto a comparire sulla copertina della rivista Sports Illustrated.

Roussimoff è stato nominato in via non ufficiale "il più grande bevitore del mondo"[36] per avere bevuto 119 birre nell'arco di 6 ore.[37] Nel corso di una puntata di Legends of Wrestling, Mike Graham raccontò che André una volta bevve 156 birre in una sola sera, episodio confermato da Dusty Rhodes. Nella sua autobiografia, The Fabulous Moolah Lillian Ellison scrisse che André consumò 127 birre in un bar di un hotel a Reading e che poi si addormentò ubriaco nell'atrio dell'albergo. Il personale dell'hotel non riuscì a smuoverlo e tutti dovettero aspettare che si svegliasse.[38]

Nell'agosto 1989 André fu arrestato dallo sceriffo della contea di Linn, nell'Iowa, per aver assalito un cameraman di una televisione locale.[39][40]

Cinema e TV[modifica | modifica sorgente]

André ebbe la sua prima parte d'attore nel 1975 debuttando in un episodio della serie televisiva L'uomo da sei milioni di dollari impersonando "Sasquatch".

Il suo ruolo cinematografico più noto è quello di Fezzik ne La storia fantastica, ma recitò anche in altri film come Micki e Maude di Blake Edwards, e Conan il distruttore, dove non è accreditato nei titoli di coda perché, nel ruolo del mostro Dagoth, vi appare pesantemente truccato tanto da risultare irriconoscibile.[41][42]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

L'icona[modifica | modifica sorgente]

Il volto stilizzato di André the Giant simbolo del brand Obey

Shepard Fairey, in arte Obey (obbedire), è divenuto famoso per aver stilizzato la faccia di André the Giant presa da un giornale ed averne fatto uno stencil. L'immagine così ottenuta, oggi simbolo del brand Obey, è divenuta un'icona, sia per la sua semplicità che per il suo impatto.[43]

Nel wrestling[modifica | modifica sorgente]

Mosse finali[modifica | modifica sorgente]
Mosse caratteristiche[modifica | modifica sorgente]
Manager[modifica | modifica sorgente]
Musiche d'ingresso[modifica | modifica sorgente]
  • "The Eight Wonder" di Jim Johnston (WWF)
  • "Giant Press" (NJPW)
Soprannomi[modifica | modifica sorgente]
  • "(The) Boss"[8][44]
  • "The Eight Wonder of the World"

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Championship Wrestling from Florida

International Pro Wrestling

  • IWA World Tag Team Championship (1) – con Michael Nador[12][13]

New Japan Pro Wrestling

  • MSG League Winner (1982)
  • International Wrestling Grand Prix Winner (1985)
  • Sagawa Express Cup (1986)

NWA Tri-State

  • NWA United States Tag Team Championship (Tri-State version) (1) – con Dusty Rhodes[47][48]

Professional Wrestling Hall of Fame

  • Classe del 2002

Pro Wrestling Illustrated

Stampede Wrestling

World Championship Wrestling (Australia)

  • NWA Austra-Asian Tag Team Championship (1) – con Ronald Miller[48]

World Wrestling Federation

Wrestling Observer Newsletter

  • Feud of the Year (1981) vs. Killer Khan
  • Most Embarrassing Wrestler (1989)
  • Worst Feud of the Year (1984) vs. Big John Studd
  • Worst Feud of the Year (1989) vs. The Ultimate Warrior
  • Worst Worked Match of the Year (1987) vs. Hulk Hogan a WrestleMania III
  • Worst Worked Match of the Year (1989) vs. The Ultimate Warrior il 31 ottobre
  • Worst Tag Team (1990, 1991) con Giant Baba
  • Worst Wrestler (1989, 1991, 1992)
  • Wrestling Observer Newsletter Hall of Fame (Classe del 1996)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ André the Giant : Biographie
  2. ^ André the Giant bio, WWE.com. URL consultato il 27 aprile 2008.
  3. ^ Andre the Giant: Bio, WWE. URL consultato il 2 aprile 2011 (archiviato dall'url originale il 1º maggio 2009).
  4. ^ deadurl= no André the Giant official website. URL consultato l'8 luglio 2007 (archiviato dall'url originale il 4 luglio 2007).
  5. ^ Andre the Giant's first reign, WWE. URL consultato il 15 febbraio 2011.
  6. ^ Andre the Giant and Haku's first reign, WWE. URL consultato il 15 febbraio 2011.
  7. ^ Andre the Giant: Bio, WWE. URL consultato il 2 aprile 2011.
  8. ^ a b Brian Solomon, WWE Legends, Pocket Books, 2006, pp. 68–71, ISBN 0-7434-9033-9.
  9. ^ Samuel Beckett Playwright, novelist, and Nobel, Historical Meet-Ups. URL consultato l'8 giugno 2012.
  10. ^ a b c Biography: André the Giant, A&E Network, 1999-01-13.
  11. ^ a b Michael Krugman, André the Giant: A Legendary Life, Pocket Books, 2009, p. 4, ISBN 978-1-4165-4112-7.
  12. ^ a b c d Michael Krugman, André the Giant: A Legendary Life, Pocket Books, 2009, p. 7, ISBN 978-1-4165-4112-7.
  13. ^ a b IWA World Tag Team Title, Wrestling Titles. URL consultato il 23 febbraio 2011.
  14. ^ Heath McCoy, Pain and Passion, ECW Press, 2007, p. 96, ISBN 978-1-55022-787-1.
  15. ^ Michael Krugman, André the Giant: A Legendary Life, Pocket Books, 2009, p. 9, ISBN 978-1-4165-4112-7.
  16. ^ Dusty Rhodes, Dusty: Reflections of an American Dream, Sports Publishing LLC, 2005, pp. 95–96, ISBN 978-1-58261-907-1.
  17. ^ Shaun Assael e Mike Mooneyham, Sex, Lies and Headlocks: The Real Story of Vince McMahon and the World Wrestling Federation, Crown Publishers, 2002, p. 71, ISBN 978-0-609-60690-2.
  18. ^ Michael Krugman, André the Giant: A Legendary Life, Pocket Books, 2009, p. 110, ISBN 978-1-4165-4112-7.
  19. ^ Antonio Inoki: Career History, Puroresu Central. URL consultato il 13 febbraio 2011.
  20. ^ a b c Brian Shields, Main Event: WWE in the Raging 80s, Pocket Books, 2006, pp. 55–58, ISBN 978-1-4165-3257-6.
  21. ^ Michael Krugman, André the Giant: A Legendary Life, Pocket Books, 2009, p. 48, ISBN 978-1-4165-4112-7.
  22. ^ Michael Krugman, André the Giant: A Legendary Life, Pocket Books, 2009, pp. 48–60, ISBN 978-1-4165-4112-7.
  23. ^ WrestleMania I Facts/Stats, WWE. URL consultato il 14 febbraio 2011.
  24. ^ Brian Shields e Kevin Sullivan, WWE Encyclopedia, DK, 2009, pp. 12–13, ISBN 978-0-7566-4190-0.
  25. ^ The Machines' Profile, Online World of Wrestling. URL consultato l'8 luglio 2007 (archiviato il 21 giugno 2007).
  26. ^ "The Improved Tribute to the men who have bodyslammed Andre the Giant!" su YouTube
  27. ^ Michael Krugman, André the Giant: A Legendary Life, Pocket Books, 2009, p. 326, ISBN 978-1-4165-4112-7.
  28. ^ Graham Cawthon, WWF Show Results 1991. URL consultato il 5 marzo 2011.
    «(Date: May 6, 1991 Shown: June 1, 1991)Included an in-ring interview by Gene Okerlund in which Andre the Giant refused Jimmy Hart's offer to become his manager only to have his knee attacked by Earthquake, using Hart's megaphone».
  29. ^ Michael Krugman, André the Giant: A Legendary Life, Pocket Books, 2009, p. 333, ISBN 978-1-4165-4112-7.
  30. ^ Michael Krugman, André the Giant: A Legendary Life, Pocket Books, 2009, p. 335, ISBN 978-1-4165-4112-7.
  31. ^ http://www.wral.com/news/local/video/4797970/ WRAL News, Raleigh, NC.
  32. ^ Dave Meltzer, Tributes II, 2004, p. 68, ISBN 1-58261-817-8.
  33. ^ Height comparison photo. URL consultato l'8 luglio 2007.
  34. ^ www.obsessedwithwrestling.com
  35. ^ Michael Krugman, André the Giant: A Legendary Life, Pocket Books, 2009, p. 18, ISBN 978-1-4165-4112-7.
  36. ^ Michael Krugman, André the Giant: A Legendary Life, Pocket Books, 2009, p. 123, ISBN 978-1-4165-4112-7.
  37. ^ Dmitri Davydov, 5 Coolest Beer Records, MadConomist, 20 maggio 2008. URL consultato il 1º aprile 2011.
  38. ^ Ellison, Lillian, The Fabulous Moolah: First Goddess of the Squared Circle, ReaganBooks, 2003, p. 160, ISBN 978-0-06-001258-8.
  39. ^ The Smoking Gun.
  40. ^ Michael Krugman, André the Giant: A Legendary Life, Pocket Books, 2009, p. 300, ISBN 978-1-4165-4112-7.
  41. ^ Michael Krugman, André the Giant: A Legendary Life, Pocket Books, 2009, p. 79, ISBN 978-1-4165-4112-7.
  42. ^ Full cast and crew for Conan the Destroyer, IMDb.
  43. ^ da "Shepard Fairey in arte Obey. La vita e le opere del re del Poster Art" di Sabina De Gregori
  44. ^ Bobby Heenan, Bobby The Brain, Triumph Books, 2002, p. 73, ISBN 978-1-57243-465-3.
  45. ^ NWA Florida Tag Team Title History, Solie's Wrestling Title Histories. URL consultato il 18 febbraio 2011.
  46. ^ Michael Krugman, André the Giant: A Legendary Life, Pocket Books, 2009, p. 47, ISBN 978-1-4165-4112-7.
  47. ^ NWA United States Tag Team Title (Tri-State), Wrestling Titles. URL consultato il 24 febbraio 2011.
  48. ^ a b Michael Krugman, André the Giant: A Legendary Life, Pocket Books, 2009, p. 27, ISBN 978-1-4165-4112-7.
  49. ^ Stampede Wrestling Hall of Fame (1948–1990), Puroresu Dojo, 2003.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 16216736 LCCN: n/85/259130