Sagittarius serpentarius

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Serpentario
Sagittarius serpentarius -Masai Mara, Kenya-8 (2).jpg
Segretario
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Falconiformes
Famiglia Sagittariidae
Genere Sagittarius
Specie S. serpentarius
Nomenclatura binomiale
Sagittarius serpentarius
J. F. Miller, 1779

Il serpentario o segretario (Sagittarius serpentarius J. F. Miller, 1779) è un uccello rapace africano. È l'unica specie del genere Sagittarius e della famiglia Sagittariidae.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome del genere, Sagittarius, deriva dall'analogia tra le penne sulla testa del serpentario e le frecce di un arciere.[senza fonte]Un'altra ipotesi è che il nome sia una corruzione francese dell'arabo saqr-et-tair, "uccello cacciatore".[senza fonte]

L'epiteto specifico serpentarius si riferisce all'abilità di questo uccello come cacciatore di serpenti.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Particolare

Ha un aspetto inconfondibile, caratterizzato da un corpo e una testa simili a quelli di un'aquila e lunghe zampe da cicogna. È alto circa 130 cm e lungo 140 cm. La testa ha un becco ricurvo, e una cresta di piume. La coda ha due piume centrali oblunghe. Il piumaggio è nero, bianco e grigio.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Si trova principalmente nelle praterie e nelle savane dell'Africa subsahariana, dal Senegal alla Somalia e verso sud fino al Capo di Buona Speranza. Non è un uccello migratore. Può vivere a diverse altitudini, dalla costa fino agli altopiani. Nidifica sugli alberi, specialmente sulle acacie, ma passa quasi tutta la giornata a terra.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Insieme al caracara, è fra i pochissimi uccelli da preda a non cacciare in volo. Si nutre di insetti, piccoli mammiferi, rettili, uccelli, uova, e occasionalmente di carogne. Alcune fonti riportano attacchi da parte dei serpentari a giovani gazzelle.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Il serpentario è monogamo ed esibisce un complesso rituale di accoppiamento che include voli rituali e versi gutturali. L'accoppiamento avviene talvolta a terra e talvolta sugli alberi. I nidi vengono costruiti a 5–7 m di altezza, e una coppia vive in un nido almeno 6 mesi prima di deporvi le uova. Il nido è largo 2,5 m e profondo 30 cm, costruito con bastoncini.

Il serpentario femmina depone 2-3 uova ovali, di colore verde pallido, nell'arco di 2-3 giorni, sebbene il terzo uovo sia quasi sempre non fecondato. Le uova vengono covate dalla femmina per 45 giorni prima di schiudersi. Occasionalmente, i neonati possono avere comportamenti fratricidi.

I piccoli sono in grado di nutrirsi da soli dopo circa 40 giorni, ma spesso gli adulti continuano a imbeccarli per qualche tempo. A 60 giorni di età i piccoli iniziano a sbattere le ali, e intorno a 80 giorni sono in grado di volare giù dal nido. Da quel momento, imparano rapidamente a cacciare al suolo.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il serpentario appare nell'emblema nazionale del Sudafrica e del Sudan.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli