James Francis Stephens

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

James Francis Stephens (Shoreham-by-Sea, 16 settembre 179222 dicembre 1852) è stato un entomologo, ornitologo e zoologo inglese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Stephens studiò al Christ's Hospital[1]. Fu impiegato nell'ufficio dell'Ammiragliato, Somerset House, dal 1807 al 1845. Nel suo tempo libero, assisteva William Elford Leach nell'organizzazione della collezione di insetti del British Museum (nel 1818 fu distaccato al British Museum e, al completamento del suo lavoro, ritornò all'Ammiragliato). Costituì anche una vasta collezione di insetti, che contiene molti campioni tipo. Dopo il suo pensionamento, la sua collezione fu acquistata dal British Museum.

Nel 1833, fu tra i fondatori dell'associazione che poi divenne la Royal Entomological Society of London.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Illustrazione di Trichoptera da "British Entomology" di Stephens

Stephens fu l'autore delle seguenti opere:

  • General zoology, o Systematic natural history London, Stampato da G. Kearsley, in parte con George Shaw e come unico autore per gli ultimi 6 volumi dei 16 volumi totali, dopo la morte di George Shaw (1800–1826) - I-II Mammalia (1800), III- Amphibia (1802), Pisces (1803-4), VI Insecta (1806), VII-VIII Aves (1809-120, IX-XIV, pt. 1. Aves (J. F. Stephens da solo) (1815–26), XIV, pt. 2 Indice generale alla Zoologia di G. Shaw e J. F. Stephens (1826)
  • Nomenclature of British Insects: Being a Compendious List of Such Species (1829).
  • A systematic Catalogue of British insects: being an attempt to arrange all the hitherto discovered indigenous insects in accordance with their natural affinities. Containing also the references to every English writer on entomology, and to the principal foreign authors. With all the published British genera to the present time(1829.)
  • Illustrations of British Entomology; or, a synopsis of indigenous insects, containing their generic and specific distinctions; with an account of their metamorphoses, times of appearance, localities, food, and economy, as far as practicable. In ten volumes. (1828–1846). Disponibile in formato PDF. Quest'opera, seguendo un sistema di classificazione più vecchio, consiste di 7 volumi di Mandibulata (insetti dotati di mandibole, cioè con parti boccali adatte alla masticazione), 4 volumi di Haustellata (insetti con parti boccali adatte alla aspirazione, come la spirotromba dei Lepidoptera) e 1 volume di supplementi. Le tavole sono colorate a mano, con disegni realizzati da C.M. Curtis e John Obadiah Westwood.

La disputa con Curtis[modifica | modifica sorgente]

La Illustrations of British Entomology di Stephens, spesso semplicemente intitolata British Entomology, entrò immediatamente in competizione con l'opera British Entomology (1824–1839) di John Curtis. Questo portò a una disputa piena di acrimonia, che divise il mondo dell'entomologia britannica in fazioni opposte per oltre trent'anni. Essi non si riconciliarono mai nonostante i tentativi di riappacificazione portati avanti dall'intimo amico di Stephens John Obadiah Westwood[2].

Charles Darwin[modifica | modifica sorgente]

Mentre era allUniversità di Cambridge, lo studente Charles Darwin divenne un entusiasta collezionista di insetti. Egli trasmise a Stephens le registrazioni degli insetti più rari che aveva catturato e fu estremamente felice quando, nell'opera Illustrations of British entomology, si trovò citato per aver catturato insetti descritti in 33 voci, nelle quali, ad eccezione di due, erano riportate esattamente le sue parole. Nella sua autobiografia, Darwin ricordò: "Nessun poeta si sentì più deliziato nel vedere il suo primo poema pubblicato di quanto fossi io nel vedere nell'opera di Stephens Illustrations of British Insects le parole magiche, 'catturato da C. Darwin, Esq.' ", sebbene le parole esatte utilizzate nella pubblicazione fossero leggermente diverse: "catturato dal Rev. F. W. Hope e da C. Darwin, Esq., nel Galles del Nord" e "preso nel Galles del Nord da C. Darwin, Esq."[3].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Stephens James Francis (1792-1852), entomologo di Yolanda Foote in Dictionary of National Biography disponibile online (ultimo accesso 22 luglio 2008)
  2. ^ (EN) s:Quarrel between James Francis Stephens and John Curtis
  3. ^ Darwin Online: Darwin's insects in Stephens' Illustrations of British entomology (1829-32)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 67248625 LCCN: nr00019563