Ralph Meeker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ralph Meeker nel film Ada Dallas (1961)

Ralph Meeker, nome d'arte di Ralph Rathgeber (Minneapolis, 21 novembre 1920Woodland Hills, 5 agosto 1988), è stato un attore cinematografico e televisivo statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Dopo gli studi compiuti alla Northwestern University di Chicago, Meeker iniziò a recitare in spettacoli goliardici, a fianco di future star dello spettacolo quali Charlton Heston, Jean Hagen e Patricia Neal[1]. Trasferitosi a New York, lavorò per un certo periodo come attore presso compagnie di repertorio, trovando la grande occasione quando - ancora relativamente sconosciuto - fu chiamato a sostituire Marlon Brando nella versione teatrale di Un tram che si chiama desiderio[1]. La sua interpretazione nel ruolo di Stanley Kowalski gli procurò diverse offerte cinematografiche.

nel film Lo sperone nudo (1953)

Dopo il debutto sul grande schermo nel drammatico Quattro in una jeep (1951), film vincitore dell'Orso d'oro al Festival del cinema di Berlino nel 1951, Meeker approdò a Hollywood e, dopo una breve parentesi come controfigura di Henry Fonda[2], ottenne alcuni ruoli minori in Teresa (1951), di Fred Zinnemann, e nel western Lo sperone nudo (1953), di Anthony Mann, in cui interpretò il soldato nordista Roy Anderson.

Nel 1954 Meeker tornò al teatro per interpretare il vagabondo Hal Carter nella pièce Picnic di William Inge, andata in scena con successo a Broadway e che gli valse il New York Critic's Circle Award nel 1954. Il ruolo sarà interpretato l'anno successivo sul grande schermo da William Holden nel film omonimo (1955).

Dopo una serie di parti di attraente "duro" dal fisico atletico e dal ringhio facile, Meeker ottenne in rapida successione alcuni ruoli cinematografici di rilievo, primo fra tutti quello del detective Mike Hammer, il rude e arrogante investigatore nato dalla penna di Mickey Spillane, nel film Un bacio e una pistola (1955), per la regia di Robert Aldrich. L'interpretazione di Meeker, più complessa e meditata rispetto ai ruoli di azione che l'attore interpretò durante la sua trentennale carriera[1], gli valse recensioni favorevoli e contribuì a fare del film un "classico" del genere noir.

Nel 1957, Meeker interpretò il ruolo del soldato yankee che odia gli indiani nel western La tortura della freccia (1957) di Samuel Fuller, e fu tra i protagonisti del celebre dramma bellico Orizzonti di gloria (1957) di Stanley Kubrick, in cui interpretò l'intenso ruolo del caporale Philippe Paris che, condannato a morte, finisce per crollare emotivamente malgrado la sua grinta e il suo coraggio. L'attore non fu più altrettanto fortunato negli anni successivi, limitando la propria attività cinematografica a ruoli di spalla, pur in pellicole di pregio e di vasto consenso presso il pubblico, come Quella sporca dozzina (1967), ancora per la regia di Aldrich, nel ruolo dello psicologo militare Stuart Kinder, e Il massacro del giorno di San Valentino (1967) di Roger Corman, in cui interpretò il gangster George "Bugs" Moran.

Meeker intensificò la sua attività di interprete sul piccolo schermo, dove già aveva iniziato a lavorare sin dalla prima metà degli anni cinquanta. Innumerevoli le sue partecipazioni a serie televisive di successo, tra le quali sono da ricordare Alfred Hitchcock presenta (1955-1959), di cui interpretò il primo episodio della serie, intitolato Revenge, a fianco di Vera Miles, Ironside (1968-1974), Il virginiano (1970), Toma (1974), Cannon (1975), Sulle strade della California (1973-1975), Pepper Anderson agente speciale (1977), CHiPs (1979).

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Dopo un breve matrimonio (1964-1966) con la collega Salome Jens, l'attore si risposò con Colleen Meeker. L'unione durò fino alla morte di Meeker, sopraggiunta il 5 agosto 1988 per un attacco cardiaco.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Doppiatori italiani[modifica | modifica sorgente]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Ralph Meeker è stato doppiato da:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Il chi è del cinema, De Agostini, 1984, Vol. II, pag. 349
  2. ^ Le Garzantine - Cinema, Garzanti, 2002, pag. 763

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 117581602 LCCN: n85201996