Paolo Rosola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

{{Sportivo |Nome= Paolo Rosola |Sesso = M |Immagine= |CodiceNazione = Italia Italia |Disciplina= ciclismo |Specialità= strada, pista, ciclocross, mountain bike |TermineCarriera= 1990 - ciclista |GiovaniliAnni= |GiovaniliSquadre= |Squadre= |- bgcolor=#FFFFFF | | 1978 || Int. Assicurazioni Int. Assicurazioni ||

|- bgcolor=#FFFFFF | 1979 || Sapa Assicurazioni Sapa Assicurazioni || |- bgcolor=#FFFFFF | 1980-1981 || Magniflex Magniflex || |- bgcolor=#FFFFFF | 1982-1983 || Atala Atala || |- bgcolor=#FFFFFF | 1984 || Bianchi Bianchi || |- bgcolor=#FFFFFF | | 1985-1986 || Sammontana Sammontana ||

|- bgcolor=#FFFFFF | 1987-1989 || Gewiss Gewiss || |- bgcolor=#FFFFFF | 1990 || Gis Gelati Gis Gelati || |- bgcolor=#FFFFFF

|- bgcolor=#FFFFFF

|Allenatore= |- bgcolor=#FFFFFF | | 1993 || Mecair Mecair|

 || 1994-1996 

|- bgcolor=#FFFFFF | Gewiss Gewiss| 1997-2006 meneger Paola Pezzo

 || 2006 || Saccarelli|

2014 Direttore Sportivo RUSVELO |- bgcolor=#FFFFFF

|- bgcolor=#FFFFFF

|- bgcolor=#FFFFFF Paolo Rosola (Gussago, 5 febbraio 1957) è un dirigente sportivo, ex ciclista su strada e pistard italiano. Professionista dal 1978 al 1990, vinse dodici tappe al Giro d'Italia.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Fin dalle categorie giovanili abbina all'attività su strada anche il ciclocross e la pista, svolgendole entrambe a buon livello. Ottiene però su strada le maggiori soddisfazioni e grazie alle sue doti di velocista si conquista una notevole fama soprattutto sulle strade del Giro d'Italia, che lo vedono sempre protagonista praticamente per tutto il corso degli anni ottanta.

In totale conquista alla corsa rosa 12 vittorie di tappa dal 1981 al 1988, un bottino sicuramente notevole se si considera il fatto che si è trovato spesso a duellare negli sprint con avversari molto forti come Giuseppe Saronni, Francesco Moser, Guido Bontempi e lo svizzero Urs Freuler. Si trova a vestire anche la maglia rosa, in due tappe del Giro d'Italia 1983. Oltre alle affermazioni al Giro è riuscito anche ad ottenere alcune vittorie in brevi corse a tappe e nella Milano-Torino nel 1984.

Ha chiuso la carriera professionistica nel 1990 e al termine di essa si è dedicato con buoni risultati alla mountain bike. Ad inizio anni novanta ha fatto parte dello staff tecnico della Gewiss mentre successivamente è rimasto nell'ambiente della mountain bike ben 3 medaglie OLIMPICHE e 5 MONDIALI come allenatore e della campionessa olimpica Paola Pezzo. e altri atleti. Attualmente Direttore sportivo della formazione femminile RUSVELO MTB

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

2ª tappa Giro d'Italia (Bibione > Ferrara)
3ª tappa Giro d'Italia (Comacchio Lido Spina > Fano)
15ª tappa Giro d'Italia (Savona > Orta San Giulio)
18ª tappa Giro d'Italia (Sarnico > Vicenza)
Milano-Torino
12ª tappa Giro d'Italia (Rieti > Città di Castello)
9ª tappa Giro d'Italia (Matera > Crotone)
18ª tappa Giro d'Italia (Monza > Domodossola)
6ª tappa, 2ª semitappa Giro di Danimarca (Christiansborg > Christiansborg)
3ª tappa Tour de Suisse (Liestal > Murten)
5ª tappa, 1ª semitappa Settimana Ciclistica Internazionale (Trapani > Partinico)
8ª tappa Giro d'Italia (Roccaraso > San Giorgio del Sannio)
10ª tappa Giro d'Italia (Bari > Termoli)
20ª tappa Giro d'Italia (Madesimo > Como)
2ª tappa Vuelta a España (Albacete > Valencia)
2ª tappa Settimana Ciclistica Internazionale
1ª tappa Coors Classic
2ª tappa Coors Classic
3ª tappa Coors Classic
6ª tappa Coors Classic
10ª tappa Giro d'Italia (Carrara > Salsomaggiore)
20ª tappa Giro d'Italia (Arta Terme > Lido di Jesolo)
5ª tappa, 2ª semitappa Giro di Danimarca (Køge > Slagelse)
Gran Premio del Canton Argovia
3ª tappa Ruta del Sol (Cadice > La Palma del Contado)

Piazzamenti[modifica | modifica sorgente]

Grandi giri[modifica | modifica sorgente]

1978: 82º
1979: 109º
1981: 103º
1982: ritirato
1983: 111º
1984: 94º
1985: 129º
1986: 117º
1987: 126º
1988: 102º
1989: 127º
1990: 139º
1987: fuori tempo (7ª tappa)

Classiche[modifica | modifica sorgente]

1982: 46º
1984: 4º
1986: 76º
1987: 23º

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]