Orta San Giulio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Orta San Giulio
comune
Orta San Giulio – Stemma
Orta San Giulio – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Novara-Stemma.png Novara
Amministrazione
Sindaco Giorgio Angeleri (lista civica) dal 26/05/2014
Territorio
Coordinate 45°48′00″N 8°24′00″E / 45.8°N 8.4°E45.8; 8.4 (Orta San Giulio)Coordinate: 45°48′00″N 8°24′00″E / 45.8°N 8.4°E45.8; 8.4 (Orta San Giulio)
Altitudine 294 m s.l.m.
Superficie 6,65 km²
Abitanti 1 167[1] (31-12-2010)
Densità 175,49 ab./km²
Frazioni Corconio, Imolo, Legro
Comuni confinanti Ameno, Bolzano Novarese, Gozzano, Miasino, Pettenasco, San Maurizio d'Opaglio
Altre informazioni
Cod. postale 28016
Prefisso 0322
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 003112
Cod. catastale G134
Targa NO
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti ortesi
Patrono santa Maria Assunta, san Giulio di Orta
Giorno festivo 15 agosto, 31 gennaio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Orta San Giulio
Sito istituzionale

Orta San Giulio (Òrta in piemontese e in lombardo) è un comune italiano di 1.161 abitanti della provincia di Novara, fa parte del circuito dei borghi più belli d'Italia ed è insignito della bandiera arancione da parte del Touring Club Italiano.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Orta è situata a metà della sponda orientale del Lago d'Orta, all'estremità di un promontorio collinare che digrada verso la riva, a 45 chilometri dal capoluogo Novara.

Il nucleo principale dell'abitato sorge in riva al lago di fronte all'Isola di San Giulio, parte anch'essa del territorio comunale, mentre a mezza costa sul retrostante rilievo collinare sorge la frazione di Legro. La frazione Imolo è costituita da poche abitazioni affacciate sul lago, lungo il corso della statale 229 in direzione di Gozzano, mentre il piccolo nucleo di Corconio si trova alcuni chilometri più a sud, nascosto dalla strada, su una terrazza ad una cinquantina di metri sul livello del lago.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lago d'Orta e Riviera di San Giulio.

La storia della città di Orta è intimamente legata a quella del territorio del Lago d'Orta.

Orta è sempre stato il centro principale della Comunità della Riviera, un autonomo consorzio di comuni esistito dal medioevo fino a metà Settecento. La città ebbe anche un sistema di fortificazioni, distrutte nel 1311 e mai ricostruite in quanto la posizione appartata garantiva adeguata sicurezza, tanto che nella sua storia subì un solo saccheggio, nel 1524, ad opera degli Sforza.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma del comune (visibile ad esempio sulla facciata del Broletto) reca la scritta Hortus Conclusus (giardino chiuso), da cui il nome Orta deriva.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Basilica di San Giulio, Palazzo Penotti Ubertini, Villa Crespi (Orta San Giulio), Castello di Buccione e Sacro Monte di Orta.
Orta San Giulio in un disegno del generale Belga Charles Rouen (ca 1868)

Il centro di Orta, completamente pedonalizzato, è caratterizzato da viuzze strette molto pittoresche: la principale corre parallela alla riva del lago e si interseca con alcune ripide viette che si allontanano dal lago portando verso il Sacro Monte (Patrimonio Mondiale dell'UNESCO) o verso l'ampia zona dei parcheggi.

Al centro del paese si trova Piazza Motta, vero e proprio salotto affacciato sul lago, dalla quale partono le imbarcazioni dirette all'Isola di San Giulio. La piazza è circondata su tre lati da edifici ben proporzionati allo spazio, per buona parte porticati. Sul lato nord si trova il broletto o Palazzo della Comunità della Riviera di San Giulio, risalente al 1582, costituito da un portico al piano terra, usato per il mercato, e una sala per riunioni al primo piano; qui si esercitava il potere legislativo, oltre che esecutivo per mezzo del Consiglio Generale (composto dai deputati del feudo vescovile) ed è considerato il simbolo del lungo periodo di autogoverno della regione. La costruzione è un connubio di elementi classici e rustici, come gli affreschi sulla facciata e l'irregolare scala esterna, le piccole colonne del portico e il tetto in beole. L'edificio culmina con una piccola torre campanaria.
L'attuale sede del municipio di Orta è villa Bossi, con un bel giardino affacciato sul lago.

Di fronte al broletto inizia un'ampia strada in salita denominata "Motta" (via Caire Albertoletti), interamente pavimentata in sassi, alla cui sommità è posta la parrocchiale di Santa Maria Assunta, costruita nel 1485 e ricostruita nella seconda metà del XVIII secolo. La salita è fiancheggiata da antiche case tipiche e alcuni palazzi storici tra cui Palazzo Gemelli, risalente al XVI secolo caratterizzato da tre diversi corpi di fabbrica, la cornice arrotondata e alcuni dipinti in facciata e, sul lato opposto, il neoclassico palazzo De Fortis Penotti.

Fa parte del comune di Orta San Giulio l'unica isola del Lago d'Orta, l'Isola di San Giulio che dista circa 400 metri dalla riva. L'isola è dominata dall'edificio dell'ex seminario, costruito nel 1844 sulle rovine del castello. Il seminario ospita oggi il convento di suore benedettine di clausura Monastero Mater Ecclesiae. Sull'isola si trova anche la Basilica di San Giulio, il più importante monumento romanico del novarese.

Orta San Giulio è servita come location per alcune riprese di diverse pellicole tra cui lo sceneggiato televisivo del 1978 Il balordo ed il film Il piatto piange del 1974.

Legro[modifica | modifica wikitesto]

La frazione Legro del comune di Orta San Giulio è stata recentemente ribattezzata "paese dipinto"; dal 1998, su modello di Arcumeggia, in provincia di Varese, il centro storico è stato decorato con una serie di affreschi sui muri delle case da artisti provenienti da tutta Italia e dall'Europa. I soggetti dei dipinti richiamano ai film ambientati e girati sul lago d'Orta e alle storie del poeta Gianni Rodari. Tale insieme costituisce oggi il "Museo del Cinema all'Aria Aperta".[2]

Persone legate a Orta San Giulio[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2004 2009 Stefano Cusinato lista civica Sindaco
2009 in carica Cesare Natale lista civica Sindaco

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Orta San Giulio fa parte della Comunità Collinare Unione dei Comuni del Cusio e aderisce all'Ecomuseo del Lago d'Orta e Mottarone.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Nel comune di Orta San Giulio esistono due stazioni ferroviarie sulla linea Domodossola-Novara:

Immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Legro, Paese Dipinto
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte