Aleksandr Dolgopolov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Oleksandr Dolhopolov)
Aleksandr Dolgopolov
Alexandr Dolgopolov 2012 Indian Wells.jpg
Dati biografici
Nazionalità Ucraina Ucraina
Altezza 180[1] cm
Peso 71[1] kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 143-124
Titoli vinti 2
Miglior ranking 13° (16 gennaio 2012)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open QF (2011)
Francia Roland Garros 3T (2010, 2011)
Regno Unito Wimbledon 3T (2013, 2014)
Stati Uniti US Open 4T (2011)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 23-48
Titoli vinti 1
Miglior ranking 42° (9 gennaio 2012)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 2T (2011, 2014)
Francia Roland Garros 2T (2010, 2011, 2012)
Regno Unito Wimbledon 1T (2010)
Stati Uniti US Open 1T (2010, 2011, 2012)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 14 luglio 2014

Aleksandr Aleksandrovič Dolgopolov, nato Oleksandr Oleksandrovyč Dolhopolov (o Dolgopolov) (in ucraino: Олександр Олександрович Долгополов?; Kiev, 7 novembre 1988), è un tennista ucraino. Conosciuto anche come Oleksandr Dolgopolov Jr., ha scelto nel maggio del 2010 di cambiare l'ortografia del nome da Oleksandr in Alexandr [2] per distinguersi dal padre.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dolgopolov nasce da una famiglia di sportivi: suo padre Oleksandr Dolgopolov era anch'egli un tennista mentre sua madre era una ginnasta.

Ha iniziato a giocare a tennis all'età di 3 anni, allenato da suo padre che è stato anche l'allenatore di Andrij Medvedev, uno tra i più noti tennisti ucraini.

In giovane età Dolgopolov, in tour con i genitori nei vari tornei, ha visto giocare tra gli altri Medvedev, Agassi, e Becker. Jim Courier si ricorda di avere palleggiato con Dolgopolov quando era un bambino.

Ha fatto il suo debutto nell'ATP Tour nel 2006 al BCR Open Romania come qualificato; è stato sconfitto al primo turno da Christophe Rochus. Ha fatto parte anche della squadra di Coppa Davis dell'Ucraina negli incontri con la Gran Bretagna, ed è stato sconfitto da Andy Murray.

2010[modifica | modifica sorgente]

Dolgopolov ha iniziato l'anno al Brisbane International 2010, dove si è qualificato per il torneo battendo Joseph Sirianni e Kaden Hensel. Nel tabellone principale ha sconfitto Bernard Tomić 6-4, 6-4, prima di perdere al secondo turno da Radek Štěpánek in tre set. All'Australian Open 2010 è stato eliminato al primo turno delle qualificazioni da Simon Stadler per 8-6 nel terzo set.

Dolgopolov si è qualificato per il Monte Carlo Rolex Masters 2010 con le vittorie su Santiago Ventura e Miša Zverev, ma è stato sconfitto al primo turno da Julien Benneteau per 6-4, 5-7, 6-2. L'ucraino ha proseguito la stagione qualificandosi per il tabellone principale del Mutua Madrileña Madrid Open 2010; nel primo turno ha eliminato Andreas Seppi 6-3, 6-4. Nel secondo match ha affrontato il futuro vincitore del torneo Rafael Nadal, venendo sconfitto per 6-4, 6-3. Al Roland Garros ha battuto Arnaud Clément in un match di 5 set, vincendo per 6-3 il quinto; ha continuato poi eliminando anche la testa di serie n°12 Fernando González in tre set. Al terzo turno è stato sconfitto da Nicolás Almagro per 6-3, 6-3, 6-4.

Comincia la stagione sull'erba AEGON International 2010, dove era testa di serie n°7. Durante il torneo ha sconfitto Jamie Baker, Lu Yen-Hsun, e James Ward, prima di perdere dal futuro campione Michaël Llodra 6-3, 7-5 in semifinale, nonostante il vantaggio per 4-1 nel secondo set. Al Torneo di Wimbledon 2010, Dolgopolov ha battuto Marco Chiudinelli al primo turno, ed è stato eliminato dopo un'ottima prestazione da Jo-Wilfried Tsonga al secondo match, che lo ha sconfitto soltanto al quinto set per 8-10.

2011[modifica | modifica sorgente]

Comincia la stagione a Brisbane in cui elimina al primo turno il russo Igor' Andreev con un doppio 6-4 prima di subire il gioco dell'ex numero uno Andy Roddick. Si iscrive poi al Medibank International Sydney raggiungendo i quarti di finale battendo nei primi due turni la wild card locale Bernard Tomić e la prima testa di serie Sam Querrey perdendo dal futuro vincitore del torneo Gilles Simon. La settimana dopo agli Australian Open raggiunge per la prima volta in carriera i quarti di finale in un torneo dello slam eliminando in successione il kazako Michail Kukuščkin, il tedesco Benjamin Becker, l'ex top-ten e testa di serie n. 13 Jo-Wilfried Tsonga e il numero 4 del mondo Robin Söderling, entrambi in cinque set. Viene poi sconfitto dal futuro finalista Andy Murray in quattro set.

Due settimane più tardi raggiunge la prima finale in carriera in un torneo ATP, al Brasil Open di Costa do Sauipe, ma viene sconfitto da Nicolás Almagro per 6-3, 7-63.

Nel primo Masters 1000 della stagione a Indian Wells viene eliminato al terzo turno da Juan Martín del Potro nel singolare, ma riesce a conquistare il titolo nel torneo di doppio assieme a Xavier Malisse, battendo in finale i campioni olimpici del 2008 Roger Federer e Stanislas Wawrinka, dopo aver eliminato fra gli altri i fratelli Bob e Mike Bryan, n°1 al mondo in questa specialità. La settimana seguente, al Sony Ericsson Open di Miami riesce a battere ancora una volta il francese Tsonga, ma viene fermato agli ottavi di finale dal n°1 Rafael Nadal, che lo batte con un netto 6-1, 6-2.

2012[modifica | modifica sorgente]

L'ucraino inizia la nuova stagione perdendo la finale del torneo di Brisbane contro Andy Murray per 1-6, 3-6 in un'ora e sette minuti di gioco. All'Australian Open viene eliminato al terzo turno da Bernard Tomić in 5 set. Il 16 gennaio ottiene il suo best ranking della carriera piazzandosi al nr. 13 della classifica ATP.

A luglio perde in semifinale al torneo di Umago contro Marin Čilić.

Il 5 agosto vince il torneo di Washington battendo in finale il tedesco Tommy Haas con il punteggio di 6-7, 6-4, 6-1.

Il 28 ottobre perde la finale del torneo di Valencia contro lo spagnolo David Ferrer.

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Singolare[modifica | modifica sorgente]

Vittorie (2)[modifica | modifica sorgente]

Legenda
Grande Slam (0)
ATP World Tour Finals (0)
ATP Masters 1000 (0)
ATP World Tour 500 (1)
ATP World Tour 250 (1)
Numero Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 31 luglio 2011 Croazia Croatia Open Umag, Umago Terra battuta Croazia Marin Čilić 6-4, 3-6, 6-3
2. 5 agosto 2012 Stati Uniti Citi Open, Washington Cemento Germania Tommy Haas 67-7, 6-4, 6-1

Finali perse (4)[modifica | modifica sorgente]

Numero Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 12 febbraio 2011 Brasile Brasil Open, Costa do Sauipe Terra battuta Spagna Nicolás Almagro 6-3, 7-63
2. 8 gennaio 2012 Australia Brisbane International, Brisbane Cemento Regno Unito Andy Murray 6-1, 6-3
3. 28 ottobre 2012 Spagna Open de Tenis Comunidad Valenciana, Valencia Cemento indoor Spagna David Ferrer 6-1, 3-6, 6-4
4. 23 febbraio 2014 Brasile Rio Open, Rio de Janeiro Terra battuta Spagna Rafael Nadal 6-3, 7-63

Doppio[modifica | modifica sorgente]

Vittorie (1)[modifica | modifica sorgente]

Legenda
Grande Slam (0)
ATP World Tour Finals (0)
ATP Masters 1000 (1)
ATP World Tour 500 (0)
ATP World Tour 250 (0)
Numero Data Torneo Superficie Compagno Sfidante in finale Punteggio
1. 19 marzo 2011 Stati Uniti BNP Paribas Open, Indian Wells Cemento Belgio Xavier Malisse Svizzera Roger Federer
Svizzera Stanislas Wawrinka
6-4, 65-7, [10-7]

Tornei minori[modifica | modifica sorgente]

Singolare
Challengers (5)
Futures (5)
Numero Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 26 marzo 2006 Egitto Cairo Terra battuta Rep. Ceca Michal Navrátil 7-62, 6-4
2. 21 maggio 2006 Ucraina Illičivs'k Terra battuta Germania Bastian Knittel 6-3, 6-2
3. 4 giugno 2006 Ucraina Čerkasy Terra battuta Italia Giancarlo Petrazzuolo 3–6, 7–67, 6–2
4. 18 giugno 2006 Bielorussia Minsk Terra battuta Ucraina Vladislav Bondarenko 6–2, 7–5
5. 30 luglio 2006 Italia Modena Terra battuta Kazakistan Andrej Golubev 4–6, 7–68, 7–69
6. 10 giugno 2007 Italia Sassuolo Terra battuta Spagna Héctor Ruiz-Cadeñas 6–1, 6–4
7. 2 agosto 2009 Italia Orbetello Terra battuta Spagna Pablo Andújar 6–4, 6-2
8. 6 settembre 2009 Italia Como Terra battuta Argentina Juan Martín Aranguren 7–5, 7–65
9. 27 settembre 2009 Slovacchia Trnava Terra battuta Algeria Lamine Ouahab 6-2, 6-2
10. 28 febbraio 2010 Marocco Meknes Terra battuta Portogallo Rui Machado 7–5, 6–2

Risultati in progressione[modifica | modifica sorgente]

Statistiche aggiornate al 15 marzo 2014[1]

Torneo 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 Carriera V-P
Grande Slam
Australia Australian Open, Melbourne A Q1 Q3 Q2 Q1 QF 3T 1T 2T 7–4
Francia Roland Garros, Parigi A Q2 Q1 A 3T 3T 1T 1T 2T 5–5
Regno Unito Wimbledon, Londra A A A A 2T 1T 2T 3T 3T 6–5
Stati Uniti US Open, New York A A A A 1T 4T 3T 2T 6–4
Vittorie-Sconfitte -- 0-0 0-0 0-0 3-3 9-4 5-4 3-4 4-3 24-18
ATP World Tour Finals
Regno Unito ATP World Tour Finals, Londra NQ NQ NQ NQ NQ NQ NQ NQ
Vittorie-Sconfitte -- -- -- -- -- -- -- --
Olimpiadi (singolare)
Giochi Olimpici Non disp. A Non disputati A Non disputati
Vittorie-Sconfitte -- --
Coppa Davis (singolare)
Gruppo Mondiale/
Zona Europea/Africana
[3]
EA EA A A A A A EA/PL
Vittorie-Sconfitte 0-1 0-1 -- -- -- -- -- 4-1 4-3
Statistiche Carriera
Anno 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 Totale
Tornei ATP disputati 1 1 0 1 23 30 26 26 3 111
Finali ATP disputate -- -- -- -- -- 2 3 -- 5
Tornei ATP vinti -- -- -- -- -- 1 1 -- 2
Vittorie-Sconfitte totali 0-2 0-2 0-0 1-1 21-23 38-29 34-25 24-27 3-3 121–112
Ranking di fine anno 265° 233° 309° 131° 48° 15° 18° 57° N/A
Legenda sigle
Sigla Risultato Sigla Risultato
V Vincitore Q Turno di Qualificazione
F Finalista RR Round Robin (ATP World Finals)
SF Semifinalista NQ Non qualificato (ATP World Finals)
QF Quarti di Finale PL Play-off World Group (Coppa Davis)
4T Quarto turno EA Turni Zona Europea/Africana (Coppa Davis)
3T Terzo turno A Assente
2T Secondo turno
1T Primo turno
Legenda superfici
Terra battuta (Clay)
Erba (Grass)
Cemento (Hard) outdoor
Cemento (Hard) indoor
Superficie variabile

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Profilo sul sito ATP
  2. ^ Gabashivili cambia nome, 19 luglio 2010. URL consultato il 15 marzo 2014.
  3. ^ È riportato l'ultimo turno disputato dal giocatore.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]