Numeri pari e dispari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Parità" rimanda qui. Se stai cercando la proprietà inversione spaziale in fisica, vedi Parità (fisica).
bussola Disambiguazione – "Parità" rimanda qui. Se stai cercando l'operatore di inversione spaziale in meccanica quantistica, vedi Operatore parità.

In matematica, qualsiasi numero intero è o pari o dispari. Se è un multiplo di due, è un numero pari, altrimenti, è un numero dispari. Esempi di numero pari sono: -4, 0, 8 e 70. Esempi di numero dispari sono -5, 1 e 71.

L'insieme dei numeri pari può essere scritto come:

Pari = 2Z = {..., -6, -4, -2, 0, 2, 4, 6, ...}.

L'insieme dei numeri dispari può essere scritto così:

Dispari = 2Z + 1 = {..., -5, -3, -1, 1, 3, 5, ...}.

La caratterizzazione di un intero relativa all'essere pari o dispari si dice parità. Essa equivale alla appartenenza ad una delle due classe di resti modulo 2: [0]2 per gli interi pari, [1]2 per i dispari.

Un numero espresso con il sistema di numerazione decimale è pari o dispari a seconda che la sua ultima cifra sia pari o dispari. Ovvero, se l'ultima cifra è 1, 3, 5, 7, o 9, è dispari, altrimenti è pari. La stessa idea è valida se si usa una qualsiasi base pari. In particolare, un numero espresso nel sistema di numerazione binario è dispari se l'ultima cifra è 1 e pari se l'ultima cifra è 0; un intero espresso nella base 4 è pari se la sua ultima cifra è 0 o 2, è dispari in caso contrario, cioè se la sua ultima cifra è 1 o 3. In sistemi di numerazione a base dispari, il numero è pari o dispari a seconda della parità delle somma delle sue cifre, ovvero a seconda della sua radice fondamentale.

I numeri pari formano un ideale nell'anello degli interi, i numeri dispari invece no. Un intero è pari se è congruente a 0 modulo l'ideale, in altre parole se è congruente a 0 modulo 2, e dispari se è congruente a 1 modulo 2.

Tutti i numeri primi sono dispari con una eccezione: il numero primo 2. Tutti i numeri perfetti conosciuti sono pari; non si sa se esistano dei numeri perfetti dispari.

La congettura di Goldbach asserisce che qualsiasi numero pari maggiore di 2 può essere rappresentato come una somma di due numeri primi. I calcoli eseguiti con i moderni computer hanno mostrato che questa congettura è vera per interi fino ad almeno 4 × 1014, ma non è ancora stata trovata una dimostrazione generale.

Aritmetica dei numeri pari e dispari[modifica | modifica wikitesto]

Le leggi seguenti possono essere verificate usando le proprietà di divisibilità, e il fatto che 2 è un numero primo:

Addizione e sottrazione[modifica | modifica wikitesto]

  • pari ± pari = pari;
Dimostrazione: 2n ± 2m = 2(n ± m) che è pari.
  • pari ± dispari = dispari;
Dimostrazione: 2n ± (2m+1) = 2(n ± m) + 1 che è dispari.
  • dispari ± dispari = pari.
Dimostrazione: (2n+1) ± (2m+1) = 2(n ± m) + 2 = 2(n ± m + 1) che è pari.
  • dispari ± pari = dispari.
Dimostrazione: vedi la 2.

Moltiplicazione[modifica | modifica wikitesto]

  • pari × pari = pari;
Dimostrazione: 2n × 2m = 4nm ed essendo 4 multiplo di 2 allora il numero è pari.
  • pari × dispari = pari;
Dimostrazione: 2n × (2m+1) = 4nm + 2n = 2(2nm+n) quindi il risultato è pari.
  • dispari × dispari = dispari;
Dimostrazione: (2n+1) × (2m+1) = 4nm+2n+2m+1 = 2(2nm+n+m)+1 forma base di un numero dispari.

Divisione[modifica | modifica wikitesto]

La divisione di due numeri interi non dà necessariamente come risultato un numero intero. Ad esempio, 1 diviso 4 è uguale a 1/4, che non è né pari né dispari, in quanto il concetto di pari o dispari si applica solo agli interi. Ma quando il risultato è un intero:

  • pari / dispari = pari;
Dimostrazione: Sia A un qualsiasi numero pari e B un qualsiasi numero dispari. Un numero si dice pari quando nella sua scomposizione in fattori primi è presente il numero 2 con qualsiasi esponente diverso da 0. Se dividiamo quindi un numero pari per un dispari, il fattore 2 non verrà mai "intaccato". Quindi il risultato sarà di nuovo 2 moltiplicato per qualcosa che è la forma base di un numero pari.
  • dispari / dispari = dispari;
Dimostrazione: siano A e B dispari. Se per assurdo C=A/B fosse un numero pari, allora sarebbe anche vero che C*B = A e A sarebbe un numero pari (per la dimostrazione data sopra della moltiplicazione tra pari e dispari). Ma questo sappiamo che non può essere per le ipotesi iniziali, quindi abbiamo un assurdo.
  • pari / pari può dare un risultato o pari o dispari.
Dimostrazione: 2n / 2m = n/m che può essere un risultato pari o dispari a seconda dei casi
  • dispari / pari non da mai un risultato intero.
Dimostrazione: (2n+1) / 2m = 2n/2m + 1/2m = n/m + 1/2m. 2m, con m intero, è sicuramente maggiore di 1. Quindi la frazione dà sempre un risultato compreso fra 0 e 1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica