Marisa Sannia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marisa Sannia
Marisa Sannia al Festival di Sanremo 1970
Marisa Sannia al Festival di Sanremo 1970
Nazionalità Italia Italia
Genere Musica leggera
Folk
Pop
Periodo di attività 1966-2008
Etichetta Fonit-Cetra, CGD, EMI Italiana, CBS, NAR International
Album pubblicati 7
Studio 7
Sito web

Marisa Sannia (Iglesias, 15 febbraio 1947Cagliari, 14 aprile 2008) è stata una cantautrice e attrice italiana. Nota per alcuni successi di musica leggera negli anni sessanta, è stata interprete di canzoni d'autore, attrice e ha poi iniziato una ricerca artistica che l'ha portata a diventare un'apprezzata cantautrice in lingua sarda. È stata conosciuta anche con il soprannome "La gazzella di Cagliari".

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dopo essere stata una giocatrice di basket di buon livello nel Cus Cagliari (venne anche convocata in nazionale), Marisa Sannia iniziò la sua carriera musicale nei primi anni sessanta vincendo un concorso per voci nuove che le permise di ottenere un contratto discografico con la Fonit Cetra.

Il suo talento venne notato da Sergio Endrigo e Luis Enriquez Bacalov che cercarono di valorizzarlo, componendo per lei il pezzo d'esordio discografico Tutto o niente e promuovendo la sua partecipazione, nel 1967, a trasmissioni televisive come Scala reale e Settevoci.

La notorietà ricevuta dalle apparizioni televisive le consentì di partecipare, nello stesso anno, a due musicarelli: I ragazzi di Bandiera Gialla e Stasera mi butto, al fianco di Giancarlo Giannini.

Dopo alcuni discreti successi (Una cartolina, Sarai fiero di me - premio della critica discografica) e la partecipazione al Festivalbar del 1967 dove si classificò terza nel girone giovani, Marisa Sannia conobbe la vera popolarità nel 1968, quando si classificò seconda al Festival di Sanremo con Casa bianca, scritta e musicata interamente dallo stesso Don Backy e cantata in coppia con Ornella Vanoni, che diverrà un grande successo, tanto da essere inserita nella colonna sonora del film "Alfredo Alfredo", di Pietro Germi. Nell'autunno del medesimo anno, "Io ti sento", brano composto da A. Trovaioli, sarà la colonna sonora del film di Dino Risi Straziami, ma di baci saziami.

Dopo il successo sanremese, Marisa Sannia pubblicò il suo primo album. Seguirono alcuni dischi di successo come Una lacrima, La compagnia (composta da Carlo Donida e Mogol e ripresa nel 1976 da Lucio Battisti e poi nel 2007 da Vasco Rossi), L'amore è una colomba, Com'è dolce la sera stasera e La mia terra.

Marisa Sannia lavorò anche per il cinema e partecipò a varie manifestazioni canore come Canzonissima, il Festival Internazionale di Musica Leggera di Venezia, Una Canzone per l'Europa in Svizzera e nuovamente a Sanremo nel 1970 ,nel 1971 e nel 1984. Nel suo repertorio La Sannia privilegiò sempre la canzone pop d'autore incidendo brani di Endrigo, Vecchioni, De Gregori, Lauzi, Minghi, de Moraes, Bacalov, Battisti etc etc.

Nei primi anni settanta si dedicò al teatro partecipando a due musical (Caino e Abele e Storie di periferia) di successo accanto a Tony Cucchiara e successivamente in alcuni lavori diretti da Giorgio Albertazzi. Sempre sotto l'ala protettrice di Sergio Endrigo, partecipò anche all'album L'Arca, una raccolta di canzoni di Vinicius de Moraes dedicate all'infanzia. Nel 1973 pubblicò un disco con canzoni tratte dai film di Walt Disney intitolato Marisa nel paese delle meraviglie. Per la sua figura elegante ed eterea la Sannia fu scelta da numerose riviste femminili come indossatrice e fotomodella per stilisti affermati.

Nel 1976 venne pubblicata la sua prima raccolta come cantautrice intitolata La pasta scotta.

All'inizio degli anni ottanta Marisa Sannia apparve anche nello sceneggiato televisivo George Sand accanto a Albertazzi, Anna Proclemer e Paola Borboni e partecipò al film di Pupi Avati Aiutami a sognare. Nel 1984 il ritorno a Sanremo con Amore amore a cui seguì un lungo periodo di lontananza dalle scene.

Nel 1993 il ritorno con un disco in lingua sarda nel quale musicò i versi di Antioco Casula, poeta sardo attivo nella prima metà del Novecento, dal titolo Sa oghe de su entu e de su mare. In seguito Marisa Sannia ritornò al teatro con Albertazzi in Le memorie di Adriano - Ritratto di una voce del 1995.

Nel 1997 incise il nuovo disco Melagranàda in collaborazione con lo scrittore bilingue Francesco Masala in una raccolta tratta dall'opera Poesias in duas limbas. Nel 2002 partecipò a Canzoni per te, programma del "Premio Tenco e disco tributo a Sergio Endrigo, interpretando Mani bucate.

Nel 2003 uscì la terza raccolta in lingua sarda, Nanas e janas, con parole e musiche inedite scritte da lei stessa. Questa ricerca poetica e musicale è riassunta nel recital Canzoni tra due lingue sul cammino della poesia presentato in importanti rassegne italiane ed estere come La Notte dei Poeti all'anfiteatro romano di Nora, al Festival di Taormina e nell'ambito della rassegna Roma Incontra il Mondo. Nel gennaio 2006 prende parte al concerto tributo a Sergio Endrigo, intitolato "Ciao Poeta" e raccolto in un CD/DVD, in cui interpreta "La rosa bianca" e "Come stasera mai".

Il 16 settembre 2007, Marisa Sannia partecipa al Festival "Mille e un Nuraghe", IV edizione, a Perfugas, dove propone poesie di Antioco Casula e Francesco Masala, una prosa lirica di Giulio Angioni (Il mare) e in anteprima alcuni brani del suo ultimo lavoro discografico, che verrà pubblicato postumo, intitolato Rosa de papel, sulla vita e le poesie di Federico Garcia Lorca. Durante il concerto viene accompagnata al piano e alla chitarra da Marco Piras.

L'ultimo suo lavoro, pubblicato postumo e distribuito Felmay - Egea distributions nel novembre 2008 (con un'anteprima al Premio Tenco), è Rosa de papel, dedicato alla vita e alla poesia di Federico García Lorca. Si tratta di una raccolta di 12 canzoni, particolarmente cara alla cantante che ha musicato le poesie del periodo giovanile del poeta. Tra le canzoni: "El nino mudo", "Rosa de papel", "Laberytos y espejos", "Aguila de los ninos".

Come autrice ha vinto il Festival della Canzone d'Autore per Bambini. Marisa Sannia ha all'attivo moltissime partecipazioni in lavori di altri artisti e alcune sue composizioni sono state interpretate anche in Spagna dalla cantante Ester Formosa.

A causa di una improvvisa e grave malattia Marisa Sannia è deceduta il 14 aprile 2008. Nell'agosto dello stesso anno alla sua memoria viene dato il riconoscimento del premio "Maria Carta". Nel Settembre del 2009 l'artista Maria Lai dedica alla figura della Sannia un concerto presso il piazzale della Stazione dell'arte a Ulassai.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

33 giri[modifica | modifica sorgente]

CD[modifica | modifica sorgente]

45 giri[modifica | modifica sorgente]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Autori Vari (a cura di Gino Castaldo), Dizionario della canzone italiana, editore Armando Curcio (1990); alla voce Sannia Marisa
  • Eddy Anselmi, Festival di Sanremo. Almanacco illustrato della canzone italiana, edizioni Panini, Modena, alla voce Marisa Sannia

Controllo di autorità VIAF: 56821821 LCCN: no98019729