Maria Gabriella di Savoia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maria Gabriella di Savoia
NIKAIA-GillyRueN28-Plaque.jpg
Nome completo Maria Gabriella Giuseppa Aldegonda Adelaide Margherita Ludovica Felicita Gennara di Savoia
Onorificenze Principessa Reale[1]
Altri titoli Dama di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, Cavaliere di Gran Croce
Nascita Napoli, 24 febbraio 1940
Dinastia Casa Savoia
Padre Umberto II
Madre Maria José
Coniuge Robert Zellinger de Balkany (separati nel 1976 e divorziati nel 1990.)
Figli Maria Elisabetta Zellinger de Balkany (1972)
Religione Cattolicesimo

Maria Gabriella di Savoia (Maria Gabriella Giuseppa Aldegonda Adelaide Margherita Ludovica Felicita Gennara di Savoia; Napoli, 24 febbraio 1940) è un membro di Casa Savoia, figlia dell'ultimo re d'Italia Umberto II e di Maria José.

Regno di Sardegna
(1831-1861)
Regno d'Italia
(1861-1946)
Casa Savoia

Great coat of arms of the king of italy (1890-1946).svg

Dinastia dei Savoia-Carignano

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Portata con la famiglia in esilio in Portogallo all'indomani del referendum istituzionale del 2 giugno 1946, ha vissuto l'infanzia con il padre a Cascais. Conseguita la Maturità Scientifica presso il Liceo Italiano di Madrid, si iscrisse poi alla Scuola per Interpreti dell'Università di Ginevra conseguendo il diploma di Interprete - traduttore in italiano, francese e spagnolo. Trasferitasi in seguito a Parigi, terminò con successo dopo quattro anni di studio l'Ecole du Louvre, famoso istituto di storia dell'arte. Ha creato la Fondazione Umberto II e Maria José di Savoia, centro di studi storici sul casato che ancora prima di unificare l'Italia aveva governato territori d'Europa divenuti poi italiani, francesi e svizzeri. È stata presidente della Fondazione professor Mario Dogliotti, che prende il nome dal noto cardiochirurgo torinese, diretta ad aiutare i bambini malati di famiglie bisognose.

Di animo libero e anticonvenzionale, non volle legarsi con matrimoni reali, rifiutando le richieste di Juan Carlos di Borbone, futuro re di Spagna e dello scià di Persia Mohammad Reza Pahlavi. Il 16 giugno 1969 sposò civilmente a Saint-Mesme (matrimonio religioso a Eze-sur-Mer il 21 giugno 1969) il finanziere Robert Zellinger de Balkany (Iklod, Ungheria, 4 agosto 1931), dal quale si è separata nel 1976 e divorziata nel 1990[2]. La coppia ha una figlia, Maria Elisabetta Zellinger de Balkany (Losanna, 2 marzo 1972) a sua volta sposatasi a Chêne-Bourg presso Ginevra il 31 ottobre 2002 con Olivier Janssen dal quale ha avuto due figli: Gabriella Luisa Maria Asia Janssens (Bangkok, 7 marzo 2004) e Tommaso Janssens (Ginevra, 13 gennaio 2006)[3].

In questi ultimi anni Maria Gabriella, sull'esempio della madre, si è dedicata alla ricerca storica sulla casa di Savoia, pubblicando vari libri con fotografie inedite, tra cui I gioielli di casa Savoia e La vita alla corte dei Savoia. Allieva a Parigi di Oskar Kokoschka, è nota acquerellista.

I rapporti con Vittorio Emanuele[modifica | modifica sorgente]

Maria Gabriella e le sorelle, Maria Pia e Maria Beatrice, soprattutto dopo la morte della madre, Maria José, intrattengono con Vittorio Emanuele rapporti assai difficili, per via dell'eredità che l'ultima regina d'Italia ha lasciato alla propria morte[senza fonte]. All'inizio del 2006, le tre sorelle presentarono le proprie dimissioni dall'ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, presieduto dai capi di casa Savoia.

In occasione dell'arresto del fratello per i fatti di Campione d'Italia, da cui è stato tra l'altro prosciolto, Maria Gabriella ha rilasciato alcune forti dichiarazioni:

« Mio fratello sta distruggendo quanto mio padre fece in trentasette anni di esilio. D'ora in poi, per me sarà solo il signor Savoia. »

[senza fonte]

« La moglie e il figlio di mio fratello avrebbero dovuto fare di più per Vittorio Emanuele. Marina Doria, specialmente, è una donna assai attaccata ai soldi, in quanto proviene da una famiglia di imprenditori falliti. »

[senza fonte]

« Alla luce di questi ultimi fatti, penso proprio che quei tre possano soltanto tornare a Ginevra per coltivare fiori. »

[senza fonte]

Inoltre ha annunciato di sostenere Amedeo di Savoia nella disputa dinastica.[senza fonte]

Albero genealogico[modifica | modifica sorgente]

Maria Gabriella di Savoia Padre:
Umberto II, re d'Italia
Nonno paterno:
Vittorio Emanuele III, re d'Italia
Bisnonno paterno:
Umberto I, re d'Italia
Trisnonno paterno:
Vittorio Emanuele II, re d'Italia
Trisnonna paterna:
Maria Adelaide d'Asburgo-Lorena
Bisnonna paterna:
Margherita di Genova
Trisnonno paterno:
Ferdinando di Savoia-Genova
Trisnonna paterna:
Elisabetta di Sassonia
Nonna paterna:
Elena del Montenegro
Bisnonno materno:
Nicola I del Montenegro
Trisnonno materno:
Granduca Mirko Petrović-Njegoš
Trisnonna paterna:
Anastasia Martinović
Bisnonna paterna:
Milena del Montenegro
Trisnonno paterno:
Pietro Vukotić
Trisnonna paterna:
Jelena Voivodić
Madre:
Maria José del Belgio
Nonno materno:
Alberto I, re del Belgio
Bisnonno materno:
Filippo del Belgio
Trisnonno materno:
Leopoldo I, re del Belgio
Trisnonna materna:
Luisa d'Orléans (1812-1850)
Bisnonna materna:
Maria di Hohenzollern-Sigmaringen
Trisnonno materno:
Carlo Antonio di Hohenzollern-Sigmaringen
Trisnonna materna:
Giuseppina di Baden
Nonna materna:
Elisabetta di Wittelsbach
Bisnonno materno:
Carlo Teodoro, duca in Baviera
Trisnonno materno:
Massimiliano Giuseppe, duca in Baviera
Trisnonna materna:
Ludovica di Baviera
Bisnonna materna:
Maria José di Braganza
Trisnonno materno:
Michele I, re di Portogallo
Trisnonna materna:
Adelaide di Löwenstein-Wertheim-Rosenberg

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Dama di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
«Restituì l'Onorificenza nel 2006»

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ R. Decreto 1º gennaio 1890
  2. ^ Sardimpex, Savoia. URL consultato il 14 novembre 2009.
  3. ^ Almanach de Saxe Gotha, The Kingdom of Italy. House of Savoy. URL consultato il 14 novembre 2009.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Maria Gabriella di Savoia, Stefano Papi, Vita di corte in casa Savoia, Milano, Mondadori Electa, 2005, ISBN non esistente.}}
  • Maria Gabriella di Savoia, Stefano Papi, Jewellery of the House of Savoy, Milano, Mondadori Electa, 2005, ISBN non esistente.}}
  • Maria Gabriella di Savoia, Romano Brancalini, Casa Savoia. Diario di una monarchia. 1861-1946: cronaca e storia nelle fotografie inedite della Fondazione Umberto II, Milano, Mondadori, 2001, ISBN non esistente.