Kimberlite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kimberlite
Campione di kimberlite che include diamanti, proveniente da una miniera statunitense.
Campione di kimberlite che include diamanti, proveniente da una miniera statunitense.
Categoria Roccia magmatica
Composizione chimica ultrafemica
Minerali principali olivina, flogopite, piropo
Minerali accessori pirosseni, cromite, ilmenite, melilite, diamante, grafite, calcite, serpentino
Struttura granulare o porfirica
Tessitura brecciata
Peso di volume 2,95-3 tonnellate/m3[1]
Colore nero, azzurro, verdastro, giallo, grigio
Utilizzo per l'estrazione dei diamanti e di piropo (rubino del Capo), per la realizzazione di abrasivi[1]
Sezioni sottili di kimberlite
Sezione di kimberlite vista a un solo polarizzatore
Immagine a nicol paralleli
Carota di kimberlite di Hewn prelevata nella regione delle James Bay Lowlands nell'Ontario settentrionale, Canada. Sono visibili granuli di olivina verde e di granati rosso purpureo. Il campione è lungo 13 centimetri.

La kimberlite è una roccia di tipo peridoditico che costituisce il riempimento di particolari dicchi e camini vulcanici, solitamente si presenta con aspetto brecciato.
È un'importante roccia diamantifera e prende il suo nome dalla città di Kimberley in Sudafrica; in arte mineraria è detta roccia madre in quanto i diamanti che si rinvengono si sono formati direttamente al suo interno.

Origine e giacitura[modifica | modifica sorgente]

I campioni di kimberlite sono delle intrusioni a forma di colonna con un diametro di qualche centinaio di metri formate da materiali provenienti dal mantello terrestre. I diamanti che si trovano nella kimberlite fanno pensare che essa si origini nel mantello, esperimenti hanno dimostrato che i diamanti si possono formare a delle profondità di 100-300 km[1]

L'origine della kimberlite, tuttavia, è fenomeno di discussione. La presenza di mellilite in alcuni ritrovamenti di questa pietra in America fa pensare a qualche basalto alcalino alterato, mentre altri ritrovamenti hanno portato campioni di roccia poco alterati ed in parte serpentinizzati che fanno pensare ad un tufo; in questo caso il diamante presente in questi pezzi di roccia ritrovati fa pensare che sia enallogeno, cioè non cristallizzato in quel luogo[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d Autori Vari, Scheda Kimberlite in: Il magico mondo di Minerali & gemme, De Agostini (1993-1996), Novara

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Scienze della Terra Portale Scienze della Terra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Scienze della Terra