Diopside

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diopside
Diopside Aoste.jpg
Classificazione Strunz VIII/F.01-50
Formula chimica CaMgSi2O6
Proprietà cristallografiche
Sistema cristallino  
Classe di simmetria  
Parametri di cella  
Gruppo puntuale 2/m
Gruppo spaziale C 2/c
Proprietà fisiche
Densità   g/cm³
Durezza (Mohs)  
Sfaldatura  
Frattura  
Colore  
Lucentezza  
Opacità  
Striscio  
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce - Minerale

La diopside è un minerale.

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

La diopside si presenta in cristalli prismatici allungati, più spesso in aggregati colonnari e granulari di colore verde, giallo, azzurro, bruno e biancastro. Questo minerale è pesante, duro, fragile e insolubile in acido. Quando è trasparente, costituisce una pietra d'ornamento usata anche in gioielleria.

Origine e giacitura[modifica | modifica wikitesto]

La diopside si trova in rocce intrusive e filoniane profonde, in rocce metamorfiche ricche di calcio e nelle diaclasi. Si trova soprattutto in Brasile.

Varietà[modifica | modifica wikitesto]

La schefferite è una varietà di diopside di colore marrone ricca di manganese che presenta frequentemente la pseudosfaldatura[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Schefferite mineral information and data — mindat.org. URL consultato il 6 agosto 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia