Monazite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monazite
Monazit - Madagaskar.jpg
Classificazione Strunz 08.AD.50
Formula chimica (Ce,La)PO4
Proprietà cristallografiche
Sistema cristallino monoclino
Proprietà fisiche
Densità da 4,6 a 5,7 g/cm³
Durezza (Mohs) da 5,0 a 5,5
Sfaldatura discreta su {100} scarsa su {010}
Frattura da concoide a irregolare
Colore marrone rossiccio, marrone, giallo pallido, rosa, verde, grigio
Lucentezza resinosa, da vitrea ad adamantina
Opacità da translucida ad opaca
Striscio bianco
Diffusione rara
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce - Minerale

La monazite è un minerale fosfato di colore marrone-rossiccio, contenente metalli delle terre rare. Si presenta di solito in piccoli cristalli isolati. Ci sono in realtà almeno quattro diversi tipi di monazite, a seconda della composizione percentuale dei diversi elementi nel minerale:

Gli elementi delle terre rare in parentesi sono elencati nell’ordine dato dalla proporzione relativa in cui si trovano all’interno del minerale, così che il lantanio è la terra rara più comune nella monazite (La), e via dicendo. Il silicio, SiO2, sarà presente in tracce, come pure piccole quantità di uranio e torio. Per via del decadimento alfa del torio e dell’uranio, la monazite contiene una significativa quantità di elio, che può essere estratta mediante riscaldamento.[1]

La monazite è un importante minerale grezzo per torio, lantanio e cerio. Si trova spesso in giacimenti alluvionali. I giacimenti in India sono particolarmente ricchi di monazite. Essa ha una durezza da 5,0 a 5,5 ed è relativamente densa, da circa 4,6 a 5,7 g/cm3.[2]

A causa della presenza di torio al suo interno, la monazite può essere radioattiva. Se si tengono dei campioni, dovrebbero essere posti lontano dai minerali che possono essere danneggiati dalle radiazioni. Grazie alla sua natura radioattiva, la monazite all’interno delle rocce è un utile strumento per datare eventi geologici, come il riscaldamento o la deformazione di una roccia.

Il nome monazite viene dal greco μοναζειν (monazein, “essere solitario”), in allusione ai suoi cristalli isolati. India, Madagascar e Sudafrica hanno grandi giacimenti di sabbie di monazite.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "Helium From Sand", marzo 1931, ‘’Popular Mechanics’’, articolo in fondo a p. 460
  2. ^ Monazite. Handbook of Mineralogy. (PDF). Consultato il 14-10-2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia