Sanidino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sanidino
Azulicite.jpg
Classificazione Strunz VIII/J.06-20
Formula chimica (K,Na)(Si,Al)4O8
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallino trimetrico

 

Sistema cristallino monoclino

 

Classe di simmetria prismatica

 

Parametri di cella  
Gruppo puntuale 2/m
Gruppo spaziale C 2/m
Proprietà fisiche
Densità 2,55 - 2,63 g/cm³
Durezza (Mohs) 6 - 6,5
Sfaldatura perfetta
Frattura concoide, a volte irregolare
Colore incolore (allocromatico)
Lucentezza vitrea
Opacità  
Striscio bianco
Diffusione  
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce - Minerale

Il sanidino è un minerale, appartenente al gruppo del feldspato, alcalino.

Si presenta in cristalli prismatici o tabulari, spesso geminati. È biancastro o incolore, con stria bianca. Traslucido, ha lucentezza vitrea sulle facce del cristallo. Si trova in molte rocce vulcaniche, tra cui trachiti e rioliti. Si trova anche in alcune rocce metamorfiche di contatto. È insolubile in quasi tutti gli acidi, si dissolve completamente se immerso in acido fluoridrico, acido che va utilizzato con estrema prudenza.

Abito cristallino[modifica | modifica wikitesto]

In genere euedrale, forma da rettangolare a quadrata. Possibile abito aciculare specie nelle sferuliti.

Origine e giacitura[modifica | modifica wikitesto]

È possibile trovare il sanidino nei pressi del Vesuvio o anche dopo le eruzioni del vulcano.

Forma in cui si presenta in natura[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia