John & Solfami

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: I Puffi.

John & Solfami
Universo I Puffi
Nome orig. Johan et Pirlouit
Lingua orig. Francese
Autore Peyo nome d'arte di Pierre Culliford
Etnia Europei

Creati da Peyo, John & Solfami sono noti in Italia come personaggi occasionali della serie di cartoni animati de I Puffi, ma anche come protagonisti di una serie televisiva di cartoni animati che prende il loro nome trasmessa da Italia 1 a partire dal 1983.

Di ambientazione medievale, le storie narrano le avventure del cavaliere John, al servizio del buon re, e del suo scudiero Solfami, a cavallo della sua capra, armato solo del suo mandolino a tre corde e temuto per essere stonato come una campana.

La loro prima apparizione sugli schermi italiani risale al lungometraggio Il flauto a sei Puffi, dove appunto incrociano i piccoli ometti blu per la prima volta. In realtà la storia della relazione tra i Puffi e i due personaggi umani è inversa: il loro creatore, Pierre Culliford, meglio noto come Peyo, introdusse i Puffi nell'avventura del 23 ottobre 1958 della striscia di fumetti dedicata a John e Solfami (nome originale francese: Johan et Pirlouit) che teneva su Le journal de Spirou, proprio nella storia La Flûte à six schtroumpfs che ispirò il lungometraggio, in cui un mago evoca i Puffi per aiutare i due personaggi nella ricerca di un flauto magico[1].

Fumetti[modifica | modifica sorgente]

John & Solfami
fumetto
Titolo orig. Johan & Pirlouit
Lingua orig. francese
Paese Belgio
Autore Peyo
Testi Peyo
Disegni Peyo
Editore Dupuis
1ª edizione 1952

John & Solfami (Johan & Pirlouit)

La serie a fumetti inizialmente si chiamava semplicemente Johan. Peyo creò il personaggio di Johan con brevi storie a strisce per il quotidiano La Derniere Heure nel 1946, per poi passare al quotidiano Le Soir nel 1951. La figura del ragazzo, denominato "piccolo paggio", pian piano cambiò nei lineamenti ed i lunghi capelli biondi, lasciarono il posto ad un caschetto. Col passaggio all'editore Dupuis nel 1952, Peyo disegnò la prima avventura lunga (44 tavole) in cui capelli di Johan divennero scuri.

La storia, dapprima suddivisa in puntate sul settimanale Le journal de Spirou, venne in seguito ripubblicata per intero in albo cartonato (1954); nello stesso anno, con la terza grande avventura, Johan non apparve più come paggio, ma come scudiero del re; gli venne affiancato Pirlouit, aggiunta niente affatto secondaria, tanto che il fumetto fu ribattezzato: Johan et Pirlouit. Bisognerà aspettare altri quattro anni affinché i due eroi incontrino i Puffi.

I personaggi di Johan & Pirlouit vennero editi per la prima volta in Italia con i nomi tradotti rispettivamente, come Roland e Tipitì, sul quindicinale Tipitì a cura delle Edizioni Dardo (di proprietà di Gino Casarotti). Anche I Puffi vennero pubblicati, con il nome di: Strunfi[2].

Quando "Tipitì" scomparve dalle edicole, il Corriere dei Piccoli acquistò la serie e il nome Strunfi venne corretto in Puffi, mentre Roland e Tipitì divennero Rolando e Pirulì ed apparvero sul corrierino e sui mensili Albi Sprint. In seguito al doppiaggio del film Il flauto a sei Puffi e con l'avvento dei cartoni animati i loro nuovi nomi furono John e Solfami.

Finalmente nel 2014 parte anche in Italia la ristampa di tutte le avventure con John e Solfamì L'integrale (il nome di Solfamì appare per la prima volta con l'accento) ad opera della casa editrice RW Edizioni che si occupa anche di tutte le altre opere di Peyo. Il volume presenta una ricca introduzione sugli inizi della carriera fumettistica di Peyo e sulla genesi dei suoi personaggi, corredata da foto, tavole originali e strisce a fumetti che precedono l'uscita degli albi con avventure lunghe di seguito elencate.

Elenco delle avventure[modifica | modifica sorgente]

Titolo Prima pubblicazione a puntate Edizione in album Pubblicazioni italiane Testi Disegni
Le châtiment de Basenhau

(prima apparizione del re post-strisce e del conte de Treville)

Le Journal de Spirou, n. 752-794, 1952-53 Dupuis, 1954 John e Solfamì L’Integrale 01, 2014 Peyo Peyo
Durante un torneo al castello del re, il signore di Basenhau sega la lancia del conte di Treville per farlo perdere, ma John lo scopre, Basenhau viene espulso dal regno e medita vendetta.
Le maître de Roucybeuf

(prima apparizione della strega Rachel)

Le Journal de Spirou, n. 804-831, 1953-54 Dupuis, 1954 John e Solfamì L’Integrale 01, 2014 Peyo Peyo
Il cavaliere Hugues sta tornando a casa dopo tre anni di assenza, ma fermandosi in una locanda, scopre che suo padre è scomparso. Un uomo misterioso lo ha rapito e durante la notte invia due banditi mascherati per uccidere Hugues. John lo salva e, con l'aiuto della strega Rachel, lo aiuta a scoprire il traditore tra i tre sospettati della sua famiglia: il fratello Bertrand , il cugino Thibaud e lo zio Amaury.
Le lutin des bois aux roches

(prima apparizione di Solfami)

Le Journal de Spirou, n. 845-858, 1954 Dupuis, 1955 Albi Sprint anno 2 numero 1, 1971 col titolo “La principessa rapita”;

riedizione in: John e Solfamì L’Integrale 01, 2014

Peyo Peyo
John viene a sapere da un boscaiolo, che un folletto di nome Solfami, terrorizza la gente del posto e ruba il loro cibo. Poco dopo al castello, il re informa John dell'arrivo della principessa Anne, sua nipote. È necessario trovare subito il folletto, ma quando John incontra Solfami, che è solo un piccolo ladro affamato, chiarito l'equivoco, diventa suo amico. John decide di chiedere al re di farne il suo buffone, ma non fa in tempo a tornare al castello, che si è sparsa la voce del rapimento della principessa ad opera del folletto. Dopo i primi dubbi, John capisce che Solfami è innocente e con lui cerca i veri colpevoli.
La pierre de lune

(prima apparizione del mago Omnibus)

Le Journal de Spirou, 1955 Dupuis, 1956 Tipitì 9-12, 1962 col titolo “La pietra di luna” Peyo Peyo
Le serment des vikings Le Journal de Spirou, 1953-54 Dupuis, 1957 Tipitì 13-16, 1963 col titolo “Il principe vichingo” Peyo Peyo
La source des dieux Le Journal de Spirou, 1956 Dupuis, 1958 Tipitì 5-8, 1962 col titolo “La fonte miracolosa” Peyo Peyo
La flèche noire

(prima apparizione di madame Barbara)

Le Journal de Spirou, 1957 Dupuis, 1959 Tipitì 1-4, 1962 col titolo “La banda della freccia” Peyo Peyo
Le sire de Montrésor Le Journal de Spirou, 1957-58 Dupuis, 1960 Tipitì 17-20, 1963 col titolo “Il Sire di Montresor”

ristampa: Albi Sprint anno 2 numero 9, 1971 col titolo “Rolando e Pirulì contro l’usurpatore”

Peyo Peyo
La flûte à six trous

poi ripubblicato come

La flûte à six schtroumpfs

(prima apparizione dei Puffi)

Le Journal de Spirou, 1958-59 Dupuis, 1960 Tipitì 21-27, 1963 col titolo “Il flauto a sei strunfi”;

ristampa: Corriere dei Piccoli 24/33, 1969 col titolo “Il flauto a sei puffi”;

riedizione Planeta De Agostini, 2007 col titolo “John e Solfami Il flauto a sei puffi”

Peyo Peyo
La guerre des sept fontaines Le Journal de Spirou, 1959-60 Dupuis, 1961 Tipitì 28-36, 1963 col titolo “La guerra delle sette sorgenti”;

ristampa: Corriere dei Piccoli 33/45, 1971 col titolo “Il fantasma delle sette sorgenti”

Peyo Peyo
L'anneau des Castellac Le Journal de Spirou, 1960-61 Dupuis, 1962 inedito Peyo Peyo
Le pays maudit Le Journal de Spirou, 1961 Dupuis, 1964 Corriere dei Piccoli 34/48, 1969 col titolo “I Puffi alla riscossa” Peyo Peyo
Le sortilège de Maltrochu Le Journal de Spirou, 1967-70 Dupuis, 1972 Corriere dei Piccoli 18/31, 1970 col titolo “Il cane parlante” Peyo Peyo
Storie successive alla morte di Peyo:
La horde du corbeau Le Lombard, 1994 inedito Yvan Delporte Alain Maury
Les troubadours de Roc-à-Pic Le Lombard, 1995 inedito Yvan Delporte,

Thierry Culliford

Alain Maury
La nuit des sorciers Le Lombard, 1998 inedito Yvan Delporte Alain Maury
La rose des sables Le Lombard, 2001 inedito Luc Parthoens Alain Maury
Les schtroumpfeurs de flûte

Albo fuori serie per il 50º anniversario dei Puffi

(prequel de “Il flauto a sei Puffi”)

Le Lombard, 2008 inedito Luc Parthoens,

Thierry Culliford

Jeroen De Coninck

All'elenco vanno aggiunte le storie brevi pubblicate su riviste[3]:

Titolo Prima pubblicazione Edizione in album Pubblicazioni italiane Testi Disegni
Le dragon vert

(4 tavole)

Risque tout n.2, 1955 inedito Peyo Peyo
Enguerran le preux

(4 tavole)

Risque tout n.9, 1956 Albi Sprint anno 1 numero 3, 1970 col titolo "Le avventure di Rolando e Pirulì gli amici dei Puffi" Peyo Peyo
Sortiléges au chateau

(4 tavole)

Risque tout n.22, 1956 Albi Sprint anno 1 numero 3, 1970 col titolo "Le avventure di Rolando e Pirulì gli amici dei Puffi" Peyo Peyo
A l'auberge du pendu

(4 tavole)

Risque tout n.25, 1956 Albi Sprint anno 1 numero 3, 1970 col titolo "Le avventure di Rolando e Pirulì gli amici dei Puffi" Peyo Peyo
Veillée de Noël

(2 tavole)

Le Journal de Spirou n.975, 1956 inedito Peyo Peyo
Les mille ecus

(2 tavole)

Le Journal de Spirou n.1000, 1957 Albi Sprint anno 1 numero 3, 1970 col titolo "Le avventure di Rolando e Pirulì gli amici dei Puffi") Peyo Peyo
Les anges

(2 tavole)

Le Journal de Spirou n.1027, 1957 inedito Peyo Peyo
Qu’est ce qu’il dit mais qu’est ce qu’il dit?

(4 tavole)

Le Journal de Spirou n.1354, 1964 inedito Peyo Peyo
L'étoile de Noël

(3 tavole)

Le Journal de Spirou n.2071, 1977 inedito Peyo Peyo

Infine, ad opera di André Juillard e Didier Convard, nel 1999 è uscito un album illustrato intitolato Johan et Pirlouit - Le Bois aux Licornes[4], in cui con una grafica completamente diversa da quella di Peyo, alternata a pagine di solo testo, i due personaggi appaiono invecchiati e più realistici. Johan ha i capelli bianchi e si occupa della corretta gestione del regno dopo la morte del re, mentre Solfami continua a provare strumenti musicali continuando a stonare. Sarà un pellegrino a catapultarli in un ultimo viaggio alla ricerca di un unicorno che potrebbe donare a Solfami l'armonia assoluta.

Film d'animazione[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Il flauto a sei Puffi.
Il flauto a sei Puffi
Titolo originale La Flûte à six schtroumpfs
Paese di produzione Belgio, Francia
Anno 1976
Durata 89 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere animazione
Regia Eddie Lateste, Peyo
Soggetto Peyo
Sceneggiatura Yvan Delporte
Produttore José Dutillieu, Roger Guertin

Il flauto a sei Puffi è un film d'animazione con soggetto e regia di Peyo. La pellicola è stata proiettata per la prima volta nei cinema francesi nel 1976 ed è tratta dalla storia a fumetti omonima: "La flûte à six schtroumpfs" del 1960, che ricalca fedelmente con scenografie suggestive, un piacevole commento musicale composto e diretto da Michel Legrandcon e l'aggiunta di vari intermezzi cantati scritti da Ivan Delporte e Peyo. In Italia il film è stato trasmesso più volte da Italia 1 nel periodo natalizio. Dopo il successo della serie animata è stato ridoppiato nel 1983 dal Gruppo Trenta con le nuove voci dei personaggi.

Cartoni animati[modifica | modifica sorgente]

John e Solfami
serie TV cartone
Titolo orig. Johan and Peewet
Lingua orig. inglese
Paese Stati Uniti
Autori
Studio Hanna-Barbera
Rete NBC
1ª TV 1981
Episodi 18 (completa)
Durata ep. 30 min
Reti it. Italia 1, Hiro (rete televisiva) (repliche)
1ª TV it. 1983
Episodi it. 18 (completa)
Durata ep. it. 24'
Studio dopp. it. Gruppo Trenta

I cartoni animati sono stati prodotti negli USA nel 1981 da Hanna-Barbera all'interno della seconda e della terza serie dei Puffi, con 18 episodi di 24 minuti ciascuno preceduti da un'immagine dei due protagonisti sovrastata dal testo "Johan & Peewit in:" ed affiancata dal titolo dell'episodio (cartello non presente nella versione italiana). Nelle stagioni successive Solfami appare sporadicamente e da solo. Il doppiaggio in Italia è a cura del Gruppo Trenta: la voce di John, originalmente di Michael Bell, è di Mauro Gravina; quella di Solfami, originalmente di Frank Welker, è di Marco Guadagno. La prima sigla italiana del 1983, intitolata John e Solfami, è di Henri Seroka, Jacques Zegers e Alessandra Valeri Manera ed è cantata da Cristina D'Avena; mentre la seconda del 1984 dal titolo "Due giovani eroi, John e Solfami" è interpretata dal Coro e orchestra di Augusto Martelli. Nelle sigle non appare mai il titolo "John e Solfami", ma sempre e comunque "I Puffi", nonostante gli episodi siano stati reclamizzati come serie a sé stante e siano accreditati dai giornali e dalle pubblicità, col nome dei due amici umani. Inoltre il nome di John è tale solo nelle canzoni, anche se nei titoli di coda della prima serie viene riportato erroneamente: "La sigla Johan e Solfami". Anche il doppiaggio italiano degli episodi ed il cartello con i nomi dei personaggi accanto a quello dei doppiatori ripropongono fedelmente l'originale "Johan". In ogni caso nella memoria collettiva e, di recente, nelle riedizioni a fumetti, nonché sui siti specializzati e sui libri il giovane scudiero viene sempre indicato come John.

Altro piccolo errore dovuto a traduzioni errate, o discordanti dal doppiaggio, è il titolo dell'episodio 17 dove Mangiatutto non è altri che il gigante Buegrasso. Inoltre l'inserimento dell'episodio 15 nella serie è una forzatura in quanto John e Solfami appaiono solo per pochi secondi.

La maggior parte delle avventure si ispira ai fumetti originali di Peyo, sebbene con numerose discordanze; ad esempio non è presente la storia del Flauto a sei Puffi, già trasposta nel lungometraggio belga del 1976, quindi il primo incontro tra John, Solfami e i Puffi (compresa Puffetta, non ancora creata ai tempi del flauto) avviene in un'altra avventura; inoltre i Puffi sono presenti in tutte le puntate, contrariamente ai fumetti in cui appaiono sporadicamente; infine viene creato per l'occasione il personaggio della Principessa Savina, nipote del re insofferente all'educazione di corte ed abile arciera.

Lista episodi[modifica | modifica sorgente]

Serie 2:

  • 01. Il puffo che puffò fiamme puffanti
  • 02. Il fiore stregato
  • 03. L'incantesimo di Maltrocchio
  • 04. Il folletto della foresta pietrificata
  • 05. L'esercito di Johan
  • 06. La fontana magica
  • 07. Il re impostore
  • 08. Il mago Corvo
  • 09. Il castello del fantasma
  • 10. L'anello di Castellac
  • 11. Il ritorno del puffo meccanico
  • 12. Solfami e il principe di valle Chiara
  • 13. Il bambino fatato

Serie 3:

  • 14. Solfami diventa lupo
  • 15. L’aquilone del puffo inventore
  • 16. Il mostro della palude
  • 17. Solfami incontra Mangiatutto
  • 18. Il burbero folletto

Solfami continua ad apparire sporadicamente nelle serie successive dei Puffi nei seguenti episodi:

Serie 4:

  • I Puffi di pietra
  • I Puffi acchiappafantasmi

Serie 5:

  • La leggenda del grande guerriero (con cameo del re)

Serie 7:

  • Lenticchia al castello del buon re (con apparizione di Johan e del re)

Personaggi principali[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Puffi (Schtroumpfs), I folletti blu. URL consultato il 7 luglio 2008.
  2. ^ Fabrizio Mazzotta, I Puffi e Rinaldo, 15 luglio 2011. URL consultato il 9 agosto 2014.
  3. ^ Sei strunfi per Tipitì in Sole 24 ore, 3 giugno 2008. URL consultato il 7 luglio 2008.
  4. ^ (FR) Johan et Pirlouit - Le bois aux Licornes in dargaud.com. URL consultato il 9 agosto 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]