Guglielmo Gorni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Guglielmo Gorni (Romprezzagno, 7 agosto 1945Foligno, 28 novembre 2010) è stato un filologo e accademico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Attività accademica[modifica | modifica sorgente]

Dopo essere stato docente di letteratura italiana nell'università di Firenze e a lungo in quella di Ginevra (1977-2002), ha occupato la cattedra di Filologia della letteratura italiana nell'Università "La Sapienza" di Roma.

Attività filologica[modifica | modifica sorgente]

Guglielmo Gorni si occupò perlopiù di testi mediolatini e volgari, tra i quali ha curato l'edizione delle Lettere inedite di Baldassare Castiglione, del Liber Pergaminus di Mosè del Brolo, delle Rime di Leon Battista Alberti, delle Rime di Luigi Da Porto.

Di fondamentale importanza i suoi studi danteschi, che hanno portato nel 1996 a una nuova e discussa edizione critica del testo della Vita Nova, che rompe con le tradizionali divisioni e scelte stilistiche ferme fino ad allora all'edizione Barbi del 1921: l'intervento più macroscopico del Gorni è la suddivisione del testo dantesco in 31 paragrafi secondo una logica nuova, laddove quello barbiano era diviso in 42 capitoli, scansione accettata per tutto il Novecento.