Guido Novello da Polenta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Guido Novello da Polenta (1275 circa – 1333) fu un nobile e poeta ravennate, podestà della città dal 1316 al 1322. Viene principalmente ricordato per essere stato il mecenate di Dante Alighieri, che morì proprio a Ravenna sotto il governo di Guido Novello[1][2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Origini e famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Ostasio (n. 1282) e nipote di Guido il Vecchio (ca. 1250-1310), esercitò la funzione pubblica in diversi comuni cispadani, fino a diventare podestà di Ravenna dal 22 giugno 1316[1][2], succedendo al fratello Lamberto, al 1322, quando fu eletto capitano del popolo a Bologna[3] e lasciò la signoria ravennate all'arcivescovo e fratello Rinaldo da Polenta.

Podestà di Ravenna (1316-1322)[modifica | modifica wikitesto]

Il soggiorno di Dante[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Dante Alighieri § Il soggiorno ravennate (1318-1321).

La politica di Guido fu improntata alla ricerca della pace[2], favorendo la nascita di un cenacolo culturale di cui lui stesso faceva parte[3]. Fu in queste circostanze che l'esule fiorentino Dante Alighieri, verso il 1318/1319, prese residenza nella città romagnola, rimanendovi fino alla fine dei suoi giorni ed esercitando un'incisiva autorità poetica e morale tra gli intellettuali ravennati[4]. Così Augusto Torre ritiene quali fossero i rapporti tra i due uomini:

Rinaldo.

Dante alla corte di Guido Novello, Andrea Pierini
« È senz'altro ammissibile che i rapporti fra D. e Guido siano stati molto cordiali: all'amore per lo studio e per la poesia, alla venerazione e ammirazione per il sommo poeta si aggiungeva in Guido l'aiuto che gli veniva da D. nelle trattative con Venezia »
(Augusto Torre, Polenta, Guido Novello da, cit.)

Nonostante la politica pacifica, nel breve periodo in cui Guido Novello governò Ravenna, quest'ultima ebbe gravi tensioni con Venezia, dovute alla disputa sul commercio del sale[1][2]. Venezia, dopo che la sua flotta fu attaccata da quella ravennate, risposte alleandosi con Forlì, città retta da quegli Ordelaffi che furono tra i primi protettori del Sommo Poeta[5]: fu forse per questo motivo che Guido Novello decise di inviare Dante a Venezia, visti i buoni rapporti tra lui e i signori forlivesi[6]. Dante riuscì nell'evitare lo scoppio del conflitto, ma morì ai primi del settembre 1321 dopo aver contratto la malaria nelle paludi di Comacchio. Guido Novello fu fortemente scosso per l'improvvisa scomparsa dell'illustre ospite, tanto da rendergli solenni funerali nella basilica di San Francesco[1][2].

La caduta[modifica | modifica wikitesto]

Mentre esercitava la carica di capitano del popolo a Bologna, il fratello Rinaldo fu assassinato dal cugino Ostasio I da Polenta, che si impadronì della signoria[7]: Guido continuò a lottare per riprendere il possesso di Ravenna e vendicare così la morte del fratello, ma morì prima di riprendersi la città (1333)[2].

L'attività poetica[modifica | modifica wikitesto]

Guido Novello non fu soltanto un mecenate, ma compose lui stesso delle poesie dal sapore stilnovista, datate da Pier Giorgio Ricci come antecedenti al soggiorno ravennate di Dante[2]. Dovette, inoltre, godere di un certo credito come letterato, se Dante allude a Guido Novello nella sua terza ecloga come il motivo principale che gli impedisce di raggiungere Giovanni del Virgilio a Bologna[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Andrea Mazzucchi, Guido Novello da Polenta, Internet Culturale, 2012. URL consultato il 3 luglio 2015.
  2. ^ a b c d e f g h Augusto Torre, Polnta, Guido Novello da in Enciclopedia Dantesca. URL consultato il 3 luglio 2015.
  3. ^ a b Poesia italiana - Il Trecento, 1978, cit., pp. 3-5.
  4. ^ Marco Santagata, Cronologia della vita di Dante Alighieri, Mondadori, 2012. URL consultato il 3 luglio 2015.
  5. ^ Giorgio Petrocchi, Vita di Dante, p. 221.
  6. ^ Pietro Desiderio Pasolini dall'Onda, Delle antiche relazioni fra Venezia e Ravenna, p. 158. URL consultato il 3 luglio 2015.
  7. ^ Rinaldo venne però presto ucciso dal cugino di Guido Novello, Ostasio, figlio di Bernardino, che ne usurpò il potere; si veda Lessico Universale Italiano in Enciclopedia Treccani, XVII.)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Podestà di Ravenna Successore
Lamberto I da Polenta 1316 - 1322 Rinaldo da Polenta
Predecessore Signori di Ravenna Successore Coa fam ITA Da Polenta.jpg
Lamberto I da Polenta 13161322 Ostasio I da Polenta
Controllo di autorità VIAF: (EN304911629