Flaminio Bertoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Flaminio Bertoni

Flaminio Bertoni (Varese, 10 gennaio 1903Parigi, 7 febbraio 1964) è stato un designer e scultore italiano. È universalmente considerato come uno dei maggiori stilisti d'automobili di tutti i tempi.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Masnago, comune poi accorpato alla città di Varese, appena conseguita la licenza tecnica nel 1918, Flaminio Bertoni entrò come apprendista nella Carrozzeria Macchi. Cinque anni dopo, alcuni tecnici francesi in visita alla Macchi, vista la creatività del giovane disegnatore, lo esortano a fare esperienza in Francia.

Una Citroën Traction Avant

In quegli anni, la Francia era il centro della ricerca automobilistica, la fucina delle idee che diedero vita all'automobile moderna. Bertoni, che parlava un pessimo francese, a scanso di equivoci si presentò ad André Citroën esibendo un suo brevetto per il sollevamento pneumatico dei finestrini. Venne assunto immediatamente.

Ritenendo d'aver accumulato sufficiente esperienza, un paio d'anni più tardi, Bertoni rientrò nella sua Varese ed aprì uno studio di progettazione; aveva, però, idee troppo progredite per l'imprenditoria italiana del tempo, ancora basata sul concetto di famiglia-impresa e su progetti di immediato utilizzo, ma di breve respiro; di conseguenza ritornò a Parigi, nel 1931, per non fare più ritorno in Italia.

Una Citroën 2CV del 1949

Dopo una breve esperienza nella Société Industrielle de Carrosserie, rientrò alla Citroën, trovandosi ad essere l'uomo giusto, al posto e nel momento giusti. Gli venne commissionata la forma della futura "Citroën Traction Avant" e, per la prima volta nella storia dell'automobile, ne realizzò il progetto in tridimensione, eseguendo la maquette della vettura in scala, grazie sue doti di scultore. Da allora firmò le più importanti automobili Citroën fino al 1964, tra cui la "2CV" e la "DS".

Gli eventi e le conseguenze della seconda guerra mondiale si scontrarono spesso con il carattere imprevedibile e per nulla docile di Bertoni. Nel 1940 venne arrestato per il suo rifiuto di firmare un atto di fedeltà alla Francia, in abiura della sua patria d'origine. Nel 1944 fu nuovamente arrestato con l'accusa di aver contribuito al funzionamento della Citroën durante il periodo bellico.

Una Citroën DS

Si trattava, però, di una maldestra montatura per addossare l'onta del collaborazionismo a cittadini non francesi, ben presto sgonfiatasi e, nel 1961, definitivamente emendata con la nomina a Cavaliere delle Arti e delle Lettere che Bertoni ricevette dallo scrittore André Malraux, allora Ministro della Cultura nel Governo De Gaulle.

Colpito da un ictus il 6 febbraio 1964, Bertoni morì il giorno dopo, all'età di 61 anni, nella cittadina di Antony, dove è sepolto con la moglie Lucienne Marodon e il secondogenito Serge, lontano dall'Italia che non volle rinnegare e ignorato dagli Italiani che s'innamorarono delle linee armoniose della "Due Cavalli" e della "Diesse", senza sapere che l'autore era uno di loro.[1]

Nel gennaio 2003 è stata intitolata a Bertoni la scalinata a Masnago, suo quartiere natale, che da via Caracciolo porta in via Cola di Rienzo[2].

Il 10 maggio 2007 è stato inaugurato a Varese il Museo Bertoni, nello stesso edificio che ospita il liceo artistico e alcuni uffici della provincia.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Livio Gatti Bottoglia, Flaminio Bertoni, la matita degli dei, mensile Civetta, maggio 2000
  2. ^ Scalinata dedicata a Flaminio Bertoni a Masnago.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 56752452