Command & Conquer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il primo videogioco della serie, vedi Command & Conquer: Tiberian Dawn.
Il logo della serie

Command & Conquer è una serie di videogiochi sviluppata prima da Westwood Studios (1995-2003) e in seguito da Electronic Arts. Tranne che per Renegade, si tratta di strategici in tempo reale (RTS) con ambientazioni fantapolitiche che si collocano nel futuro prossimo oppure in scenari storici alternativi.

La serie ha avuto un enorme successo presso il pubblico e ha contribuito in maniera notevole alla storia degli RTS; le varie versioni hanno venduto complessivamente più di 25 milioni di copie.[1] La serie è stata sempre molto amata dai fan sia per l'ambientazione realistica delle campagne, che però concede alcune incursioni nella fantascienza, che per i filmati di briefing con attori in carne ed ossa mescolati a spettacolari scene in computer grafica (di elevatissima qualità per l'epoca di prima pubblicazione). Ad esempio alcuni degli attori dei filmati di intermezzo, come lo storico Kane (Joseph D. Kucan, anche regista dei filmati della serie), sono diventati veri cult nel circuito di appassionati che è nato intorno a queste pubblicazioni.

La saga si è successivamente sviluppata generando una serie di filoni paralleli, come nel 1996 con la pubblicazione di Command & Conquer: Red Alert e nel 2003 con Command & Conquer: Generals

Ambientazioni[modifica | modifica wikitesto]

Scena di Red Alert 2

Command & Conquer[modifica | modifica wikitesto]

I giochi della serie sono ambientati in un universo parallelo al nostro. Inizialmente, con il primo Command & Conquer, la trama si sviluppava nella lotta fra la Global Defense Initiative (GDI), organizzazione militare alle dipendenze dell'ONU, e la Fratellanza di Nod (NOD), un'organizzazione militare terroristica guidata dal carismatico Kane, mentre contemporaneamente un meteorite si schiantava sulla terra rilasciando un anomalo ibrido minerale-entità biologica chiamato Tiberium, ambito dagli scienziati e dalle industrie, ma avversato dalla popolazione poiché tossico e causa di mutazioni genetiche.

Dopo la pubblicazione di Command & Conquer, però, la Westwood si incentrò su una trama differente con Command & Conquer: Red Alert, che racconta di come Albert Einstein riuscì ad inventare la macchina del tempo e ad usarla per eliminare Adolf Hitler, generando una linea temporale differente dove però a causare la Seconda Guerra Mondiale è Stalin all'alba degli anni '50, causando distruzioni immani.

Vi è poi l'eccezione di Generals e la sua espansione Zero Hour, completamente slegati dagli altri giochi e ambientati in un futuro prossimo dove gli Stati Uniti e la Cina sono in lotta contro la Global Liberation Army, un'organizzazione terroristica.

Red Alert[modifica | modifica wikitesto]

Command & Conquer e Red Alert, ufficialmente, non sono legati[2]: il primo cioè non è ambientato successivamente al secondo, dal punto di vista cronologico.

All'inizio della serie, però, si è cercato di collegare le due differenti ambientazioni. Ad esempio, il personaggio di Kane di Tiberian Dawn fa delle apparizioni nei filmati di Red Alert come consigliere di Stalin, lasciando intendere che dopo alcuni anni sarebbe tornato formando la Fratellanza dei Nod (in caso di vittoria dell'URSS, per la quale sarà il protagonista nel filmato finale dedicato alla vittoria dei russi, ma anche in caso di vittoria degli alleati, poiché in Tiberian Dawn sono presenti gli stessi stati nati dopo il crollo del comunismo e dell'Unione Sovietica).

La reale connessione fra le due storie, però, rimane sempre poco chiara, soprattutto dopo la pubblicazione di Red Alert 2 (e relativo cambiamento del team di sviluppo) che sconvolgerebbe la trama. Si può ipotizzare però che il gioco sia ambientato in un'ulteriore divergenza temporale dovuta agli esperimenti con i viaggi nel tempo di Einstein (soluzione adottata nel gioco annullato Tiberian Incursion)[senza fonte], che condurrebbero così da un lato alla ripresa della guerra fra sovietici e alleati in Red Alert 2, dall'altro alla catena di eventi che avrebbe condotto alla serie Tiberium con la lotta fra GDI e Nod.[3]

Un'ulteriore fonte di dubbio è data dal gap tecnologico: in Red Alert sono presenti unità e strutture come macchine del tempo, torrette lancia-fulmini, carri armati generatori di sismi e così via. Queste però si perdono nella serie Tiberium, dove anzi le unità fantascientifiche come i carri invisibili o le torri laser vengono presentate nel primo gioco come nuove armi segrete particolarmente potenti disponibili nelle ultime missioni, e non evoluzioni di precedenti tecnologie.

Per questi motivi, Red Alert, Red Alert 2 e Red Alert 3 vengono considerati degli spin-off non facenti parte della serie regolare.

Episodi delle serie[modifica | modifica wikitesto]

Serie Tiberium
Serie Red Alert
Serie Generals
Titoli annullati
  • Command & Conquer: Renegade 2: seguito del primo Renegade, la trama avrebbe connesso la serie Tiberium con la storyline di Red Alert 2.
  • Command & Conquer: Continuum: MMORPG annullato dopo la chiusura dei Westwood.
  • Command & Conquer: Tiberian Incursion: strategico in tempo reale.[4][5]
  • Tiberium: sparatutto in prima persona, annullato per scarsa qualità nel settembre 2008.[6]
  • Command & Conquer: Generals 2 (2013): titolo free to play incentrato nell'universo di Command & Conquer: Generals; annullato da Electronic Arts per feedback negativo durante il periodo di Alpha.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Command & Conquer[modifica | modifica wikitesto]

Il primo videogioco della serie, successivamente ribattezzato Command & Conquer: Tiberian Dawn, uscì nel 1995. La storia racconta della guerra fra la Fratellanza di Nod e la Global Defense Initiative, mentre sullo sfondo un meteorite precipita sulla Terra contaminando il pianeta con un misterioso mineriale tossico, il Tiberium, dalle caratteristiche intermedie fra il cristallo e il corpo biologico, in grado di espandersi inglobando tutto ciò che ne viene a contatto.

Premessa: dalle Nazioni Unite alla GDI[modifica | modifica wikitesto]

Le Nazioni Unite costituirono, verso la fine degli anni cinquanta, una squadra segreta militare, munita delle punte di diamante della tecnologia, che avrebbe agito in ogni frangente "caldo" del pianeta, dai conflitti etnici a organizzazioni terroristiche. Durante gli anni, tuttavia, alcune informazioni sfuggivano nel seguito degli eventi in cui questo team interveniva, ma le Nazioni Unite continuavano a negare l'esistenza di questo team. Tuttavia, agli inizi degli anni novanta, la squadra fallì un attentato contro Saddam Hussein, e la verità alla fine fu scoperta. Il primo contatto con il grande pubblico fu così disastroso, da spingere così le Nazioni Unite a creare una base più ampia per un'organizzazione in difesa della pace: la Global Defense Initiative (GDI). Con la GDI, nata nel 12 ottobre 1995, le Nazioni Unite placarono gli scetticismi sollevati dai media, avendo reso pubblici gli intenti di un'organizzazione nata ed agente nell'ombra fino ad allora.

L'alba del Tiberium[modifica | modifica wikitesto]

Pochi anni prima della proclamazione della nascita della GDI, un meteorite cadde vicino al fiume Tevere in Italia. Uno studioso di alto rango della GDI, il dottor Moebius, per primo trovò ciò che il meteorite conteneva: una sostanza aliena, che prese il nome di Tiberium (dal luogo di ritrovamento). Dopo i primi studi, e dopo la morte di alcuni suoi colleghi, si compresero gli effetti devastanti di questa sostanza, composta in parte da materiali sconosciuti, che si comportano come fossero organici. Tale sostanza ha la caratteristica di assorbire in poco tempo tutte le sostanze nutritive e i minerali della terra, e fu per questo che in breve ricoprì gran parte del pianeta; le uniche parti quasi sprovviste erano i deserti e i poli, privi di minerali. Inoltre altera in modo irreversibile gli esseri che ne vengono a contatto, mutando il loro DNA. Nonostante il dottor Moebius avvertì il mondo sull'enorme pericolosità che il Tiberium rappresentava, questa sostanza scatenò una nuova "febbre dell'oro", poiché, per la sua composizione, il suo trattamento controllato avrebbe potuto portare a risultati altrimenti inimmaginabili. Era in atto un grande dibattito comunque sulle origini del Tiberium. C'era chi affermava che si trattava semplicemente di un meteorite vagante arrivato sulla Terra per puro caso, e chi lo considerava opera di alieni, con lo scopo di indebolire le difese del pianeta per poi invaderlo.

Ma una su tutte di queste teorie prese piede, diffusa da un gruppo molto conosciuto, che in questi anni riemerse dall'ombra. Questo gruppo era la Fratellanza di Nod, e il suo profeta era un uomo chiamato Kane. Kane stesso affermò di aver trovato lui per primo, e non il dottor Moebius, il Tiberium. E se fosse stato per puro caso o per lungimiranza, i fatti parlavano da sé. I Nod avevano infatti già sviluppato la tecnologia per raccogliere e trattare il Tiberium, per fornirlo al mondo intero come un'opportunità di miglioramento del genere umano. E contrariamente alle credenze comuni, il nome del Tiberium non era stato dato dal dottor Moebius, ma proprio da Kane. E le sue origini non erano date dal nome del fiume Tevere: è stato Kane a dargli quel nome, in onore dell'imperatore romano Tiberio.

L'ideologia di Kane si mostra subito pericolosa nei confronti della GDI: sovvertire l'ordine mondiale a favore delle nazioni sfruttate o dimenticate da quelle più ricche (in quest'ottica la GDI è come un cane al guinzaglio con cui esse tengono sotto controllo il mondo), ottenere la pace tramite il potere e la forza ("Peace through power" è uno slogan che verrà ripetuto molte volte nel gioco) e infine condurre l'umanità al successivo stadio della sua evoluzione tramite il Tiberium, visto non come pericolo e minaccia per l'ecosistema ma come strumento dal potenziale enorme, da sfruttare grazie al suo potere di causare mutazioni negli organismi, come spinta per una nuova evoluzione degli esseri viventi.

Nel corso della campagna GDI, il giocatore guiderà le proprie forze attraverso alcuni teatri di guerra dell'Europa centrale e orientale nel tentativo di trovare e circondare il centro operativo dei Nod, dove Kane dirige la propria setta, e sconfiggerli. Tramite la manipolazione dei mass-media Kane farà credere al mondo che la GDI si è macchiata di raid contro i civili per mantenere il potere, il che taglierà finanziamenti all'organizzazione ad un certo punto della storia.

Nel corso della campagna Nod, il giocatore opererà delle incursioni in diversi paesi africani, scacciando le truppe GDI e dipingendole come forze d'occupazione agli occhi dei paesi del Terzo Mondo. Ottenendo la superiorità strategica e di mezzi, la Fratellanza si farà strada fino al quartier generale del continente in Sud Africa, dove tenterà di prendere il controllo dell'avanzato e segreto cannone orbitale a ioni, dalla devastante potenza distruttiva. Nella scena finale il giocatore potrà infatti scegliere se attaccare con quest'arma la Casa Bianca, il parlamento inglese e il Big Ben, la Porta di Brandeburgo o la Torre Eiffel.

Red Alert[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1996 uscì Command & Conquer: Red Alert, uno spin-off della saga ambientato in un passato "alternativo". Si tratta infatti di una rielaborazione in chiave immaginaria di come si sarebbe potuto sviluppare l'universo delle guerre mondiali nel caso in cui si fosse potuto creare un paradosso temporale eliminando Adolf Hitler ed evitando la nascita della dittatura nazista.

Premessa[modifica | modifica wikitesto]

L'universo parallelo di Command & Conquer quindi comincia a differenziarsi da quello vero nel 1924, anno in cui Einstein si trasportò dal 1946 quando, terminata la Seconda guerra mondiale, realizza ed utilizza una macchina del tempo chiamata Cronosfera per alterare il corso della storia: eliminare Adolf Hitler per scongiurare la serie di eventi che portò allo sfacelo della Seconda Guerra Mondiale. Einstein sfruttò il principio della fisica quantica, secondo il quale una entità in flusso di continuum spazio-temporale, venendo a contatto con una entità nativa della sua linea temporale, provocherebbe l'effetto del paradosso temporale - lo spostamento dell'entità in flusso nella sua linea temporale originaria, ma anche la dislocazione dell'entità nativa in un'altra dimensione. Einstein si trasportò così nell'anno 1924, in cui Hitler era in prigione a causa del suo "Putsch della birreria", e lo eliminò dal suo tempo con una stretta di mano - un contatto fisico che causò il paradosso temporale, che oltre ad eliminare la figura di Hitler, riportò Einstein nel 1946, in un nuovo universo senza la dittatura nazista. In questo nuovo universo, la Seconda guerra mondiale così come la conosciamo noi non ebbe mai inizio, e soprattutto l'avanzamento tecnologico fu molto più rapido: tecnologie come il GPS, razzi sofisticati, supercomputer, satelliti ed altre scoperte erano attive già negli anni cinquanta. L'URSS guidata da Stalin era diventata una superpotenza al pari degli Stati Uniti d'America: in pochi anni, l'Unione Sovietica superò la barriera del suono, costruì le prime testate atomiche, e sviluppò l'esercito a grandi livelli. Fu questo l'errore di Einstein: Stalin, senza Hitler, aveva piede libero in Europa, col risultato di divenire un pericolo ben maggiore di quello che sarebbe stato Hitler.

Queste erano le due fazioni prima della guerra: gli Alleati e i Sovietici.

La coalizione delle nazioni alleate[modifica | modifica wikitesto]

La coalizione comunemente chiamata col nome di Alleati, aveva come principali membri la Germania, la Francia, l'Italia, la Grecia, la Turchia, la Spagna ed altri paesi del Nord europeo.

Venne creata per bloccare la cortina di ferro che scendeva sull'Europa. Non disponeva di grandi quantitativi di materiale bellico, quindi si basavano su tattiche di guerriglia e sulla straordinaria potenza navale fornita dalla Gran Bretagna e dalla Scandinavia.

Creata nel 1953, le sue forze armate consistevano in 3.4 milioni di effettivi, più 1.7 milioni di forze di resistenza.

L'Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche[modifica | modifica wikitesto]

L'URSS venne creata nel 1922 in Russia. Con Stalin a capo, il suo scopo divenne assoggettare il mondo intero alla sfera d'influenza comunista. Più di 14 milioni erano gli iscritti alle forze armate, più 7 milioni di forze irregolari.

La Seconda Grande Guerra[modifica | modifica wikitesto]

La Germania e la Russia stipularono il trattato di Rapallo per avvicinare due nazioni divise sul piano geopolitico, ma unite dalla sconfitta della Grande Guerra. Tuttavia, la nascita e la formazione del Partito Nazista, fortemente nazionalista e anti-comunista, fece effetto su molti tedeschi che cercavano riscossa dalla umiliazione subita dalla Prima Guerra Mondiale, ma il partito crollò nel 1926 a causa della sua inefficienza organizzativa e, con la "sparizione" di Hitler, l'assenza di una figura carismatica che potesse guidarlo. Finita l'era del Partito Nazista, la Germania divenne un paese libero e democratico, migliorando le relazioni con il resto dell'Europa - ma cominciarono i problemi con l'Unione Sovietica, accusata da uno dei membri del Partito Nazista prima del suo scioglimento di aver infiltrato i media, e che sia stata questa la causa della disfatta dell'ideologia nazista. I rapporti con l'Urss peggiorarono, tanto che il trattato di Rapallo venne respinto. Nel contempo, gli Stati Uniti lanciarono un programma di difesa globale in cui invitarono anche l'Unione Sovietica, che guardò con favore all'inizio alle Nazioni Unite, ma poi rivolse l'attenzione alla pessima situazione diplomatica con la Germania. Così l'Urss chiese delle scuse officiali al paese per l'abrogazione del trattato, e chiese di legalizzare di nuovo il Comintern. La Germania accettò di inviare le scuse, ma rifiutava il Comintern come piattaforma globale del comunismo, e quindi respinse la richiesta di far nascere di partiti comunisti e socialisti in Germania. I Sovietici minacciarono un intervento armato. Proprio quando questi cominciarono a mobilizzare l'esercito, le nazioni europee crearono la Allied Nations Coalition, organizzazione militare simile alla NATO, che permetteva l'aiuto immediato di tutti i membri in caso uno di essi venisse attaccato da una nazione estranea all'organizzazione. Il pretesto per la guerra arrivò poco dopo, quando Stalin conquistò la Polonia e si mosse verso Ovest: tutti gli stati d'Europa, quindi, gli dichiararono immediatamente guerra.

Le mire espansionistiche di Stalin presero così forma nel 1953, conquistando tre quarti dell'Europa nonostante la strenua resistenza dei paesi europei, e solo la Gran Bretagna e pochi altri stati furono risparmiati. Tuttavia ci volle tempo per le Nazioni Unite per comprendere la potenza militare della Russia, che possedeva punte di diamante come i MIG e i lanciamissili V2. Le Nazioni Unite erano riluttanti ad aiutare l'Europa e gli Alleati, e fu solo dopo un certo tempo che capirono che il continente europeo era solo il primo delle mire staliniane, tempo in cui si schierarono contro il colosso sovietico alcune delle più potenti nazioni del mondo come gli Stati Uniti d'America, l'India e il Giappone. Grazie anche all'aiuto della mente brillante di Albert Einstein e della sua tecnologia della Cronosfera, gli Alleati riuscirono infine a far retrocedere la potenza russa e a piegarla fino all'assedio di Mosca, dove Stalin venne ucciso, e la macchina da guerra sovietica fermata.

I costi furono enormi: l'Europa venne decimata, le vittime furono più di cento milioni. Una tragedia immane, la Seconda Grande Guerra (così chiamata nel presente alternativo) fu più terrificante e grande della Seconda Guerra Mondiale nel presente originale: il tentativo di Einstein di portare pace al XX Secolo risultò essere un boomerang. È curioso notare come questa guerra sia iniziata con lo stesso evento che fece scattare la sua analoga nell'universo reale, ossia proprio l'invasione della Polonia, anche se con le fazioni rovesciate, dato che l'invasore fu l'Unione Sovietica.

Le conseguenze della guerra[modifica | modifica wikitesto]

Quattro furono le principali imposizioni degli Alleati sull'Unione Sovietica:

  • L'Unione Sovietica doveva essere dissolta, e i confini territoriali dovevano tornare quelli antecedenti alla Rivoluzione Russa.
  • Il Partito Comunista doveva essere dissolto, e tutti i membri di spicco dovevano essere eliminati. Così fu, tranne per quello che si suppose essere il consigliere personale di Stalin, un uomo conosciuto soltanto con il nome di Kane, che non venne mai trovato.
  • Tutti gli avanzamenti tecnologici bellici portati avanti dall'Unione Sovietica dovevano diventare dominio degli Alleati. Tuttavia, fanatici del regime distrussero le tecnologie di spicco dei ricercatori sovietici.
  • L'Unione Sovietica doveva essere per dieci anni sotto il totale controllo delle Nazioni Unite. Dopodiché avrebbe acquistato libertà ma sotto vigilanza delle Nazioni Unite fino all'anno 2000.

Successivamente alla guerra, si possono imboccare due sviluppi differenti dell'arco temporale:

  • l'Unione Sovietica cerca segretamente di ricostruire la propria potenza militare, sviluppando soprattutto tecnologie segretissime speciali come l'utilizzo di soldati dotati di poteri psichici (linea temporale che conduce a Red Alert 2).
  • se si considera Red Alert come il predecessore di Tiberian Dawn, le Nazioni Unite formano un'organizzazione segreta con compiti militari, pacificazione mondiale e lotta al terrorismo, mentre uno degli ex-consiglieri di Stalin, cioè Kane, ritorna dopo alcuni anni alla guida di una setta terrorista chiamata "la Fratellanza di Nod" (linea temporale che conduce alla serie classica di Command & Conquer, nella saga del Tiberium), che inizialmente avrebbe dovuto prendere piede proprio in Unione Sovietica.

Generals[modifica | modifica wikitesto]

Ambientata in un 2010 alternativo, contiene principalmente reali unità odierne. L'azione è ambientata in un ipotetico scontro tra gli USA (alleati con la Cina) e la Global Liberation Army (GLA, o Esercito di Liberazione Globale, ELG), una organizzazione terroristica fornita di armi di distruzione di massa molto simile in mezzi e caratteristiche ad Al Qaeda. Il gioco si discosta molto dai precedenti, sia per dinamiche di gioco che per l'inserimento di numerose variazioni nella gestione delle unità (come l'aggiunta dei "generali" e armi/unità speciali ad essi collegati).

Nei primi anni del ventunesimo secolo la Repubblica Popolare Cinese sta cominciando ad essere considerata una superpotenza. Il programma "Modern Way", introdotto dal governo comunista, introdusse maggiore libertà civile per i propri cittadini, migliori condizioni di vita, e soprattutto migliorò la forza economica, specialmente nella manifattura e nell'agricoltura. I politici cinesi sono uomini giovani, nuovi, molto lontani dai loro precedenti. Il mondo approva queste nuove leggi e la Cina ha cominciato a ricevere consensi dall'estero.

Recentemente, i rapporti tra la Cina e gli Stati Uniti d'America sono peggiorati, poiché gli Stati Uniti non sono contenti del fatto che la Cina stia diventando una superpotenza. Un'operazione americana per impedire un attacco terrorista ad un laboratorio cinese fallì orribilmente, portando alla distruzione del prototipo "Iron Fighter". Una guerra di parole quindi scoppiò tra Washington e Pechino, ma una nuova minaccia scoppiata nel medio oriente, l'Esercito di Liberazione Globale, costrinse le due superpotenze a collaborare fra loro.

Il conflitto iniziò ufficialmente quando, nel bel mezzo di una parata militare cinese a Pechino, dei terroristi fecero esplodere una piccola bomba atomica sulle forze militari cinesi. Il governo cinese andò su tutte le furie e ordinò immediatamente guerra totale all'organizzazione terroristica. L'esercito cinese si precipitò di corsa nell'area e mise a ferro e fuoco le basi che l'ELG aveva costruito nelle vicinanze. Dopo aver respinto i terroristi fuori dalla Cina e avendo vinto battaglie su battaglie, i cinesi si prepararono a colpirli nella loro terra natale. Sfortunatamente i cinesi sottovalutarono la forza militare dell'ELG nell'area, e subirono un'atroce sconfitta che scioccò il mondo intero.

L'esercito cinese allora occupò la capitale del Kazakistan, mentre gli Americani mandarono delle forze "di pace" per cercare di calmare le due fazioni. L'ELG però riuscì a far insorgere i civili contro gli "oppressori" cinesi e americani che furono sconfitti. Questa mossa piacque davvero poco agli americani che prepararono delle loro basi aeree in Turchia per togliere di mezzo l'ELG. Queste basi però furono distrutte prima che fossero in grado di rappresentare una minaccia per l'organizzazione. I cinesi allora provarono a mandare dei camion con dei missili nucleari con il logo dell'ELG contro le principali basi terroristiche, sperando così di distruggere l'organizzazione dall'interno mettendoli uno contro l'altro. Queste bombe però furono intercettate e usate contro i cinesi stessi. I terroristi infine, nonostante la presenza di una notevole forza militare americana e cinese nell'area, riuscirono a conquistare la base missilistica a Baikonur Cosmosdrome. L'ELG era quindi in grado di lanciare missili ovunque nel mondo.

Questa mossa però costo caro ai terroristi, poiché Washington dichiarò guerra all'organizzazione e mandò l'intero esercito americano in medio oriente per distruggere l'ELG. Baghdad fu messa a ferro e fuoco, i terroristi in un atto disperato lanciarono una delle loro superarmi, la SCUD storm, contro la loro stessa città per fermare gli americani, ma fallirono, e la mossa risultò solo in un atroce massacro di civili. Subito dopo una flotta navale d'assedio americana arrivò alle coste del Kazakistan, mettendo a ferro e fuoco le basi dell'ELG nell'area. A questo punto a Washington arrivò un comunicato da parte dei terroristi, dove dicevano di voler negoziare la pace. Washington però sospettò che fosse un inganno e infatti i negoziatori americani furono uccisi da alcuni kamikaze, a Karbala. Dopo ciò l'ELG riuscì a convincere un generale cinese ad unirsi alla loro causa, ma gli americani, con l'autorizzazione del governo cinese, distrussero le forze terroriste e cinesi nell'area, nonostante l'ELG avesse costruito pure un sito nucleare. Gli Americani quindi scoprirono che il quartier generale dell'organizzazione si trovava ad Akmola. Con l'aiuto dell'esercito cinese, gli americani lanciarono un assalto in vasta scala contro la fortezza dell'ELG. Nonostante la resistenza disperata, il quartier generale fu ridotto in macerie, ed apparentemente, la guerra terminò.

Ma fu solo questione di tempo per capire che l'ELG era tutt'altro che sconfitta. L'organizzazione costruì una nuova base missilistica e la usò per radere al suolo una base americana nel nord dell'Europa. La risposta dell'America fu immediata, e la base missilista dell'organizzazione distrutta. Dopo aver distrutto una base dell'ELG in Somalia grazie all'aiuto dell'USS Raegan, una portaerei, gli americani trovarono dei documenti riguardanti delle armi chimiche di distruzione di massa che l'ELG stava costruendo. Il laboratorio principale fu scoperto in Russia, e un commando americano si infiltrò nelle vicinanze, scatenando una valanga da una montagna che travolse il laboratorio. Dopo gli americani scoprirono che il capo delle ricerche, il dottor Thrax, non si trovava lì al momento della valanga e che si procurava le risorse necessarie per le ricerche da dei pozzi petroliferi in Iran. Gli americani vennero paracadutati nell'area e riuscirono a distruggere la base terroristica nelle vicinanze e la stazione radio che diffondeva propaganda che incitava la popolazione locale a ribellarsi contro gli americani. Dopodiché assaltarono la base principale del dottor Thrax che nel frattempo aveva costruito 4 silo con i suoi nuovi missili chimici, pronti a devastare il continente americano. Le forze americane raggiunsero in fretta la posizione e, con grande stupore, scoprirono che una base dell'ELG si unì a loro, poiché pensavano che il dottor Thrax con le sue armi chimiche avrebbe ucciso tutti. Le forze americane quindi, con l'aiuto dei loro nuovi alleati, riuscirono a distruggere i 4 silo prima del lancio e la base principale del dottor Thrax fu rasa al suolo dall'aviazione americana, che lo uccisero.

Uno dei leader dell'ELG, conosciuto come Deathstrike però, riuscì a sfuggire agli americani e fu evacuato a bordo di un aeroplano rubato agli americani. Però, dato che il dottor Thrax morì, l'organizzazione entrò nel caos poiché molti avevano interesse a prendere il potere. Deathstrike ordinò ad un generale di eliminare il principe Kassad, il suo principale rivale nella corsa contro il ruolo di comandante dell'ELG. Eliminato Kassad, l'ELG preparò la sua vendetta contro gli americani, prima affondando la loro flotta, includendo la portaerei USS Raegan, a Creta, poi andando in America stessa e rubando le loro armi di distruzione di massa da una delle loro basi principali. Umiliati e scioccati, gli americani decisero che la difesa della madrepatria fosse la priorità, e l'esercito fu ritirato per difendere l'America, lasciando però l'Europa scoperta. L'ELG ne approfittò e mandò un assalto all'ultima grande base americana in Germania, che dopo un lungo assalto, fu rasa al suolo.

L'ELG però si era dimenticata di fare i conti con l'esercito cinese che nel frattempo si era preparato per distruggere qualsiasi traccia rimasta dell'organizzazione. I cinesi mandarono un'enorme forza d'assedio contro la Germania occupata e non esitarono ad usare missili nucleari qualora vi fosse una resistenza eccessiva. La risposta dei terroristi fu un attacco alla Cina stessa, l'obbiettivo era un grosso impianto nucleare che se fosse stato distrutto avrebbe portato devastazione totale nell'area. Questa volta però i cinesi erano pronti: La base resistette fino all'arrivo dei rinforzi. La sconfitta per l'ELG fu catastrofica. I cinesi non risparmiarono o catturarono nessuno, i terroristi furono uccisi dal primo all'ultimo. L'Unione Europea, che capì che la Cina era l'unica speranza di salvezza contro i terroristi, chiese che le forze cinesi entrassero di nuovo in europa per togliere di mezzo l'ELG, ma limitando l'uso delle armi nucleari. Dopo aver distrutto delle statue dell'ELG a Coburg, i cinesi si prepararono per intercettare le ultime forze dell'ELG rimaste in Germania, che stavano cercando di scappare. Grazie ai loro carri Overlord e ai loro elicotteri Helix, tutti i fuggiaschi furono intercettati. Anche in questo caso la Cina si dimostrò senza pietà, tutti i terroristi furono uccisi, neanche uno riuscì a scappare. I cinesi però scoprirono che l'ELG aveva un'ultima fortezza in Germania, precisamente ad Amburgo, dove avevano anche catturato una base americana. I cinesi mandarono un attacco di massa e sbaragliarono le forze terroriste e quelle americane catturate, prima ricatturando la base americana, poi usando le forze combinate degli americani e dei cinesi per radere al suolo l'ultima fortezza dell'ELG. L'organizzazione, sconfitta su tutti i fronti, si arrese. L'esercito cinese entrò in Amburgo e fece una parata militare davanti ai festosi cittadini tedeschi. Dopo la sconfitta dell'ELG venne formata la lega Euroasiana, una lega con a capo la Cina, adesso diventata la maggiore superpotenza del mondo, dato che l'influenza americana non dilaga ormai oltre le loro coste.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 13 Command & Conquer in un'unica compilation, Hardware Upgrade, 4 ottobre 2007. URL consultato il 4 ottobre 2007.
  2. ^ C&C And Red Alert Are Separate. URL consultato l'8 marzo 2008.
  3. ^ C&C Timeline. URL consultato il 7 marzo 2008.
  4. ^ Adam Isgreen, C&C Timeline (I), 18 dicembre 2006. URL consultato il 23 agosto 2007.
  5. ^ Adam Isgreen, C&C Timeline (II), 18 dicembre 2006. URL consultato il 23 agosto 2007.
  6. ^ Tor Thorsen, Tiberium terminated, GameSpot, 30 settembre 2008. URL consultato il 1º ottobre 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]