Classe Invincible (incrociatore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Classe Invincible
La HMS Invincible, prima nave di questa classe
La HMS Invincible, prima nave di questa classe
Descrizione generale
Naval Ensign of the United Kingdom.svg
Tipo incrociatore da battaglia
Numero unità 3
Proprietario/a Naval Ensign of the United Kingdom.svg Royal Navy
Caratteristiche generali
Dislocamento 17.700 t
Lunghezza 172,8 m
Larghezza 23,9 m
Pescaggio 8,0 m
Propulsione Turbine meccaniche Parsons; 4 eliche; 41.000 CV
Velocità 25,5 nodi
Autonomia 2,270 mn a 23 nodi
3.090 mn a 10 nodi
Equipaggio 784 uomini (fino a 1.000 in tempo di guerra)
Armamento
Armamento artiglieria:
  • 8 pezzi da 12"/45 Mark X (305 mm) (4 torri binate)
  • 16 cannoni da 4"/40 QF (102 mm) (affusti singoli)
  • 7 mitragliatrici Maxim su affusti singoli

siluri:

  • 4 tubi lanciatorpedini da 18" Mark VI (457 mm) (quattro tubi di lancio lungo le fiancate, 1 poppiero)
Corazzatura 150 mm (verticale)
180 mm (paratie stagne)
50 mm (orizzontale)
180 mm (torrette)
180 mm (Barbetta)

dati tratti da[1]

voci di classi di incrociatori presenti su Wikipedia

La classe Invincible di incrociatori da battaglia costituì il primo esempio di questo tipo di imbarcazione militare. La sua creazione fu voluta dall'ammiraglio John Fisher, già responsabile per la creazione della prima corazzata monocalibro, la HMS Dreadnought. Egli visualizzò un nuovo tipo di nave da guerra, una via di mezzo tra l'incrociatore corazzato e la nave da battaglia - avrebbe avuto l'armamento della seconda, ma l'alta velocità del primo.

Progetto e costruzione[modifica | modifica wikitesto]

Le tre navi Invincible, Inflexible and Indomitable furono impostate all'inizio del 1906, secondo le specifiche finali della visione dell'ammiraglio Fisher. Ognuna doveva essere armata con otto cannoni da 12 pollici installati in quattro torrette binate, una a prua, una a poppa ed una ciascuna a centro babordo e centro tribordo. Questo era un armamento equivalente a quello delle navi da battaglia più moderne dell'epoca. Comunque la protezione di cui erano dotate era più debole, la cintura corazzata era spessa 150 mm a metà nave e 100 mm a prua, mentre quella del ponte era spessa solo 20 mm. Per confronto, la cintura corazzata della nave da battaglia HMS Dreadnought era spessa 280 mm. Ma come desiderato dall'ammiraglio Fisher la velocità avrebbe dovuto essere la loro protezione, erano tutte state progettare per i 25 nodi, ma erano in grado di raggiungere anche i 28 nodi.

Servizio[modifica | modifica wikitesto]

Tutte entrarono in servizio nella prima metà del 1908. Inizialmente l'Invincible e l'Inflexible furono assegnate alla Home Fleet, mentre l'Indomitable trasportò il principe di Galles (il futuro re Giorgio V) alle celebrazioni dell'anniversario in Canada, prima di unirsi anch'esso alla Home Fleet.

Nel 1914 l'Invincible venne assegnato alla costa est dell'Inghilterra, come parte della forza dell'ammiraglio David Beatty, mentre l'Inflexible e l'Indomitable, insieme con il più recente l'Indefatigable formarono il nucleo della Mediterranean Fleet. Fu nel Mar Mediterraneo che presero parte alla prima azione navale significativa della prima guerra mondiale, l'inseguimento delle navi da guerra tedesche Goeben e Breslau. La prima azione dell'Invincible fu invece come parte della forza di incrociatori di battaglia che supportarono l'operazione di Heligoland.

Nel novembre 1914, nella battaglia di Coronel lo squadrone dell'ammiraglio Christopher Cradock venne distrutto dallo squadrone tedesco comandato dall'ammiraglio von Spee. In risposta l'Ammiragliato ordinò l'invio di uno squadrone di navi alla caccia dei tedeschi, condotto dall'ammiraglio Doveton Sturdee a bordo dell'Invincible, accompagnato dall'Inflexible e da diversi altri incrociatori. Il risultato fu la battaglia delle isole Falkland nel corso della quale la forza britannica affondò tutto lo squadrone tedesco.

Il 24 gennaio 1915 una forza di incrociatori da battaglia tedeschi entrò nel mare del Nord nei pressi di Dogger Bank, dove vennero affrontati da una forza maggiore di incrociatori da battaglia britannici, tra cui l'Indomitable. Nel corso dell'azione venne affondato l'incrociatore tedesco Blücher. Quello stesso anno l'Inflexible venne incluso nella forza di bombardamento contro le difese costiere turche nei stretto dei Dardanelli, nel corso del quale subì danni significativi. Verso la fine dell'anno gli incrociatori da battaglia britannici vennero organizzati in tre squadroni, di cui il terzo consisteva delle tre navi classe Invincible al comando del rear admiral H.L.A. Hood a bordo dell'Invincible.

Nel maggio 1916 il 3rd Battlecruiser Squadron venne temporaneamente riassegnato alla Grand Fleet per esercitazioni di tiro e venne trasferito a Scapa Flow. Il 30 maggio l'intera Grand Fleet, insieme con gli incrociatori da battaglia di Beatty venne inviato in mare per ricevere una sortita della Hochseeflotte tedesca. Il risultato fu l'epica Battaglia dello Jutland. Per supportare Beatty, l'ammiraglio Hood condusse i suoi tre incrociatori da battaglia all'avanguardia della Grand Fleet. Nel corso dello scontro con i tedeschi tutte le navi subirono gravi danni. L'Invincible venne colpito dall'incrociatore da battaglia Derfflinger e dalla nave da battaglia König, che penetrarono la trascurabile corazzatura del ponte ed esplosero nel magazzino armi della torretta 'Q', causando l'esplosione dell'adiacente torretta 'P' ed infine di tutta la nave che si spezzò in due ed affondò portando con sé 1.020 uomini dell'equipaggio.

La perdita contemporanea di tre incrociatori da battaglia allo Jutland (gli altri furono la Queen Mary e la Indefatigable) portò alla riorganizzazione della forza in due squadroni, e l'Inflexible e ll'Indomitable furono assegnati al 2nd Battlecruiser. Comunque dopo lo Jutland ci furono poche attività navali significative, grazie agli ordini del Kaiser di Germania che non permise alla sua flotta di uscire dai porti, salvo che non fosse certa della vittoria. La fine della guerra segnò la fine per molti dei vascelli più vecchi tra cui le due navi rimanenti di questa classe. Entrambe furono assegnate alla Reserve Fleet nel 1919, furono decommissionate nel marzo 1920 e smantellate nel dicembre 1922.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Classe Invincible sul sito le.fantasque.free.fr.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]