Classe Duke of Edinburgh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Classe Duke of Edinburgh
La capoclasse prima del 1914
La capoclasse prima del 1914
Descrizione generale
Naval Ensign of the United Kingdom.svg
Tipo Incrociatore corazzato
Numero unità 6
Proprietà Naval Ensign of the United Kingdom.svg Royal Navy
Ordinata 1902
Caratteristiche generali
Lunghezza 154 m
Larghezza 22,4 m
Pescaggio 7,9 m
Propulsione 20 caldaie Babcock
Due assi
23.500 Shp
Velocità 23,5 nodi
Equipaggio 700-850
Armamento
Armamento
  • 6 cannoni da 233,7 mm singoli
  • 10 cannoni da 152,4 mm singoli
  • 22 cannoni da 47 mm
  • 3 tubi lanciasiluri da 450 mm sommersi

dati tratti da [1]

voci di classi di incrociatori presenti su Wikipedia

La classe Duke of Edinburgh è stata una classe di incrociatori corazzati della Royal Navy britannica ordinata nel 1902. Inizialmente venne prevista la costruzione di sei navi, ma il progetto delle ultime quattro unità era sensibilmente differente da quello delle prime due, portando le ultime navi costruite ad essere considerate spesso come una classe a parte, la classe Warrior. Furono le prime unità ad essere disegnate dal nuovo Director of Naval Construction, Philip Watts.

Progetto[modifica | modifica wikitesto]

Navi[modifica | modifica wikitesto]

Nome Costruttori Motori Impostazione Varo Completamento Costo
secondo il
BNA 1914 [2]
Classe Duke of Edinburgh
Duke of Edinburgh Pembroke Dockyard Hawthorn Leslie 11 febbraio 1903 14 giugno 1904 20 gennaio 1906 £1,201,687 *
Black Prince Thames Ironworks, Blackwall Thames Ironworks 3 giugno 1903 8 novembre 1904 17 marzo 1906 £1,193,414 *
Classe Warrior
Warrior Pembroke Dockyard Wallsend 5 novembre 1903 25 novembre 1905 12 dicembre 1906 £1,186,395 *
Cochrane Fairfield, Govan Fairfield 24 marzo 1904 20 maggio 1905 18 febbraio 1907 £1,193,121 *
Achilles Armstrong, Elswick Hawthorn 22 febbraio 1904 17 giugno 1905 22 aprile 1907 £1,191,103 *
Natal Vickers, Barrow Vickers 6 gennaio 1904 30 settembre 1905 5 marzo 1907 £1,218,244 *

Servizio[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Morris, op. cit., p. 100.
  2. ^ Brassey's Naval Annual 1914, p192-199

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Douglas Morris, Cruisers of the Royal and Commonwealth navies, Liskeard, Maritime Books, 1987, ISBN 0-907771-35-1.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina