Cameron Mitchell (attore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cameron Mitchell in Amami o lasciami (1955)

Cameron Mitchell (Dallastown, 4 novembre 1918Pacific Palisades, 6 luglio 1994) è stato un attore statunitense, attivo per cinquant'anni (fin dal 1945), in oltre 230 pellicole e produzioni cinematografiche e televisive.

È stato diretto da registi quali John Ford, Orson Welles, Raoul Walsh, Charles Vidor: tra gli anni sessanta e settanta sono molte le sue interpretazioni in film italiani, soprattutto per la regia di Mario Bava.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di un ministro di culto, Cameron Mitchell si arruolò nella Marina statunitense: venne reclutato su un bombardiere, dove combatté durante la Seconda guerra mondiale. La sua carriera, prevalentemente di caratterista, iniziò nel 1945 quando ebbe modo di interpretare piccoli ruoli in pellicole minori.

"Il volto rozzo e i modi aggressivi lo hanno portato a interpretare ruoli di duro o di antagonista in molti film western"[1]: per un ventennio si specializzò in un enorme numero di ruoli secondari, generalmente in generi quali western, peplum, ma anche in commedie (si ricordi il ruolo di Tom Brookman in Come sposare un milionario, 1953). Non accreditato, prestò la voce (non il ruolo, che venne interpretato da un altro attore) a Gesù ne La tunica (1953).

Dagli anni sessanta, la sua attività si sposta spesso in Italia: Mario Bava lo dirige in film quali Gli invasori (1961), Sei donne per l'assassino (1964), I coltelli del vendicatore (1966), ritagliandosi anche un piccolo spazio nella storia degli horror a basso costo prodotti in quegli anni.

Ruoli televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Ai confini dell'Arizona.

La sua notorietà in USA è principalmente legata al ruolo di Buck Cannon nella serie televisiva Ai confini dell'Arizona (1967-1971), dove interpretò il personaggio in tutti gli episodi delle 4 stagioni della serie.

In seguito partecipò ad altri film horror minori e soprattutto fu attivo sul piccolo schermo, partecipando a svariate serie televisive fra gli anni settanta e anni ottanta.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Si è sposato 3 volte: dal primo matrimonio, con Johanna Mendel, figlia di un facoltoso imprenditore canadese, nacquero 4 figli (Robert Cameron Mitchell, 1941; Camille, attrice anch'essa, così come il fratello Cameron Mitchell Jr., attivo a teatro; il quarto figlio, Fred - morto nel 1998 - è stato presidente della grande ditta Mitchell's Gourmet Foods di proprietà della famiglia). Il matrimonio terminò col divorzio nel 1960.

Dal secondo matrimonio (1973-1976), con Lissa Mitchell, nacquero Jake, Jono and Kate: una terza volta si sposò con Margaret Mozingo (dal 1973 al 1976).

È morto di cancro dopo aver combattuto a lungo con la malattia, nel 1994, all'età di 75 anni: è sepolto al cimitero Desert Memorial Park a Riverside County, in California[2].

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori Italiani[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cenni biografici su MYmovies.it
  2. ^ www.findagrave Consultato il 10 luglio 2009

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 46964353 LCCN: n86143687