Westinghouse Desilu Playhouse

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Westinghouse Desilu Playhouse
Lucille Ball Aldo Ray, William Lundigan Desilu Playhouse 1958.JPG
Foto pubblicitaria della serie. Da sinistra William Lundigan, Aldo Ray, e Lucille Ball.
Paese Stati Uniti d'America
Anno 1958-1960
Formato serie TV
Genere drammatico
Stagioni 2
Episodi 48
Durata 60 min
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 1,33 : 1
Colore bianco e nero
Audio mono
Crediti
Ideatore Desi Arnaz
Interpreti e personaggi
Musiche John Waldo
Produttore esecutivo Bert Granet, Quinn Martin
Casa di produzione Desilu Productions
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Dal 6 ottobre 1958
Al 10 giugno 1960
Rete televisiva CBS
Opere audiovisive correlate
Spin-off Ai confini della realtà
Gli intoccabili

Westinghouse Desilu Playhouse (conosciuta anche come Desilu Playhouse) è una serie televisiva statunitense in 48 episodi trasmessi per la prima volta nel corso di 2 stagioni dal 1958 al 1960.

Due dei suoi 48 episodi furono utilizzati come pilot per le serie televisive degli anni 60 Ai confini della realtà e Gli intoccabili.[1][2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

È una serie televisiva di tipo antologico in cui ogni episodio rappresenta una storia a sé. Gli episodi sono storie di genere vario e vengono presentati da Desi Arnaz.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La serie fu prodotta da Desilu Productions[3] e girata negli studios della Desilu a Culver City in California.[4]

Tra il 1951 e il 1957, Desi Arnaz e Lucille Ball interpretarono e produssero (tramite la loro società di produzione Desilu), la popolare sitcom I Love Lucy. Nei primi mesi del 1958, Desi Arnaz convinse la CBS ad acquistare una nuova serie, Desilu Playhouse, con la promessa che avrebbero incluso nell'offerta una serie Lucille Ball-Desi Arnaz Show (poi trasmessa come The Lucy-Desi Comedy Hour). La Westinghouse pagò l'allora cifra record di 12 milioni di dollari per sponsorizzare la serie che portò alla cancellazione dell'altra prestigiosa serie antologica Westinghouse Studio One, anch'essa sponsorizzata dalla Westinghouse.

Lo spettacolo debuttò il 6 ottobre 1958; gli episodi erano presentati da Desi Arnaz, con Betty Furness che prestava la sua voce come narratrice (come per Westinghouse Studio One). Il primo episodio fu Lucy Goes to Mexico, con Maurice Chevalier come guest star. L'episodio drammatico Bernadette (una biografia di Bernadetta Soubirous), interpretato da Pier Angeli, fu trasmesso nella seconda settimana.[1] Gli episodi seguenti si alternano tra i generi commedia, drammatico e musical, alcuni interpretati da Lucille Ball.

Nel mese di ottobre del 1959, la serie cambiò palinsesto e si trasferì al venerdì sera. La serie fu prorogata per solo un altro anno a causa della incapacità di attrarre grandi guest star, della crescente popolarità di serie western e poliziesche concorrenti (una tra tutte 77 Sunset Strip), e del divorzio tra Arnaz e la Ball nel 1960. Appena prima della loro rottura coniugale, Ball e Arnaz, insieme a Vivian Vance, William Frawley, e Keith Thibodeaux, girarono l'ultimo episodio di The Lucy-Desi Comedy Hour dal titolo Lucy Meets The Mustache, con le guest star Ernie Kovacs e Edie Adams. L'episodio finale di Westinghouse Desilu Playhouse, intitolato Murder is a Private Affair, andò in onda il 10 giugno 1960.

Registi[modifica | modifica wikitesto]

Tra i registi della serie sono accreditati:[5]

Attori[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli attori che hanno preso parte a Westinghouse Desilu Playhouse vi sono: Desi Arnaz, Lucille Ball, Martin Balsam, Richard Benedict, John Beradino, Neville Brand, Rory Calhoun, Wally Cassell, Pat Crowley, Frank DeKova, Abel Fernandez, William Frawley, Betty Furness, Bruce Gordon, Jean Hagen, Donald Harron, Richard Keith, Barton MacLane, Joe Mantell, Margo, Sid Melton, Martin Milner, George Murphy, Barbara Nichols, Hugh O'Brian, Roger Perry, Paul Picerni, Aldo Ray, Joe De Santis, Mickey Simpson, Red Skelton, Robert Stack, Barry Sullivan, Vivian Vance, Bill Williams, Walter Winchell, James Westerfield, Jack Weston, Jesse White, Ed Wynn, Keenan Wynn.

Spin-off[modifica | modifica wikitesto]

Nell'autunno del 1958, l'episodio The Time Element, con William Bendix, ebbe diverse recensioni positive. Scritto da Rod Serling, l'episodio servì da pilot per la successiva serie televisiva cult Ai confini della realtà, che debuttò nell'autunno del 1959.[2]

Nel febbraio del 1959, andò in onda un episodio di Westinghouse Desilu Playhouse diviso in due parti intitolato The Untouchables. Per quell'episodio Paul Monash aveva adattato le memorie del 1947 dell'agente del Tesoro Eliot Ness, interpretato nell'episodio da Robert Stack. In seguito, la CBS ne produsse una versione settimanale, Gli intoccabili, che fu un grande successo e fu prorogata per quattro stagioni (1959-1963).

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La serie fu trasmessa negli Stati Uniti dal 1958 al 1960 sulla rete televisiva CBS.[3]

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Prima TV USA
Prima stagione  ? 1958-1959
Seconda stagione  ? 1959-1960

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Anderson, Christopher. Hollywood TV: The Studio System in the Fifties. Austin, Texas: University of Texas Press, 1994. ISBN 0292704577
  • Andrew, Bart. The "I Love Lucy" Book. New York: Doubleday, 1985. ISBN 0385190336
  • Sanders, Coyness Steven, and Tom Gilbert. Desilu: The Story of Lucille Ball and Desi Arnaz. New York: William Morrow, 1993. ISBN 0688135145

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Westinghouse-Desilu Playhouse, The Museum of Broadcast Communications. URL consultato il 23 dicembre 2008.
  2. ^ a b Westinghouse-Desilu Playhouse, Television Heaven. URL consultato il 23 dicembre 2008.
  3. ^ a b Westinghouse Desilu Playhouse - Crediti compagnia. URL consultato il 1º dicembre 2011.
  4. ^ Westinghouse Desilu Playhouse - Luoghi delle riprese. URL consultato il 1º dicembre 2011.
  5. ^ Westinghouse Desilu Playhouse - Cast e credit completi. URL consultato il 1º dicembre 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione