Valpolicella Ripasso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Valpolicella Ripasso
Valpolicella Ripasso Classico Superiore.JPG
Una bottiglia di Valpolicella Ripasso classico superiore
Dettagli
StatoItalia Italia
Resa (uva/ettaro)n.d.
Resa massima dell'uvan.d.
Titolo alcolometrico
naturale dell'uva
11,0%
Titolo alcolometrico
minimo del vino
12,0%
Estratto secco
netto minimo
n.d.
Riconoscimento
Istituito con
decreto del
24 marzo 2010
Gazzetta Ufficiale del85/2010
Vitigni con cui è consentito produrlo
[senza fonte]

Il Valpolicella Ripasso è un vino rosso DOC[1] del Veneto prodotto esclusivamente nella Valpolicella in provincia di Verona da vitigni autoctoni quali Corvina, Corvinone (nella misura massima del 50% in sostituzione della Corvina), Rondinella ma anche in percentuali minori con Forselina, Negrara e Oseleta. La Molinara uscita recentemente dal disciplinare come obbligatoria è comunque permessa. Sono le stesse uve che vengono utilizzate per la produzione dell'Amarone e del Recioto.

Metodo di produzione[modifica | modifica wikitesto]

La tecnica del ripasso consiste nel versare, prima dell'affinamento in botte, il vino Valpolicella base direttamente nei tini dove è stato precedentemente pigiato l'Amarone, lasciandolo riposare a contatto con le vinacce appena pressate per circa 15-20 giorni. In questo modo il vino riceve dalle vinacce appassite parte dell'aroma che è proprio dell'Amarone. È possibile inoltre effettuare la tecnica del ripasso anche sulle vinacce appena pigiate, il cui mosto darà poi come esito il Recioto.

Caratteristiche organolettiche[modifica | modifica wikitesto]

  • Colore: Rosso rubino tendente all'impenetrabile.
  • Olfatto: Strutturato.
  • Gusto: Frutti di bosco a bacca rossa, a volte tostatura e tabacco, vanigliato, tannini morbidi.

Le Denominazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il Valpolicella Ripasso può ricevere le seguenti denominazioni:

Quindi possiamo avere:

Altri vini della Valpolicella[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Decreto 24 marzo 2010 : Riconoscimento della denominazione di "Valpolícella Ripasso" e e approvazione del relativo disciplinare di produzione, in Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana - Serie Generale, Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, 13 aprile 2010. URL consultato il 31 dicembre 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]