Villa Da Sacco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Villa Da Sacco
Villa Albertini-Da Sacco.jpg
Facciata lato giardini
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàArcè
Coordinate45°28′48.64″N 10°50′50.14″E / 45.480179°N 10.847261°E45.480179; 10.847261Coordinate: 45°28′48.64″N 10°50′50.14″E / 45.480179°N 10.847261°E45.480179; 10.847261
Informazioni generali
Condizioniabitato
Costruzione1840
Inaugurazione1856
Usocivile
Realizzazione
ArchitettoFrancesco Ronzani
Proprietarioconti Da Sacco

Villa Albertini, Da Sacco, Bottura, detta "Villa Giulia" è una villa veneta risalente al 1840. Essa si trova ad Arcè, nel comune di Pescantina, in Valpolicella, nella provincia di Verona.

Si hanno notizie della villa fin dal 1713 quando era di proprietà del conte Alessandro Sansebastiani. Nel 1825 passa di proprietà venendo acquistata dal conte Alberto degli Albertini.

Tra il 1840 e il 1856 fu oggetto di sostanziali restauri da parte del celebre architetto Francesco Ronzani.

Nel 1919 con il matrimonio di Giulia degli Albertini con Alberto Da Sacco, la villa entrò nei beni dei conti Da Sacco.

L'edificio signorile ha la forma rettangolare con due facciate quasi uguali, una a nord verso il giardino e una a sud verso l'Adige. La villa è strutturata su tre piani, con al centro un ampio salone.

Al di fuori del muro di cinta si trovano alcuni antichi rustici che costituivano la darsena sull'Adige.

Nella cappella si trova una tela attribuita a Giorgio Vasari, raffigurante una "Madonna e Santi".

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pierpaolo Brugnoli e Sandrini Arturo (a cura di), L'architettura a Verona nell'età della Serenissima, Verona, Edizioni B.P.V., 1988, ISBN non esistente.
  • Pierpaolo Brugnoli e Sandrini Arturo (a cura di), L'architettura a Verona dal periodo napoleonico all'età contemporanea, Verona, Edizioni B.P.V., 1994, ISBN non esistente.
  • Mario Luciolli, Ville della Valpolicella, Verona, Jago edizioni, 2008, ISBN 9788889593097.
  • Giuseppe Conforti, Villa Albertini, in Centootto Ville della Valpolicella, testo di Giuseppe Conforti, foto di Lou Embo e Fulvio Roiter, Verona, 2016, pp. 414-425.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]