Valdir Espinosa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Valdir Espinosa
Nome Valdir Ataualpa Ramirez Espinosa
Nazionalità Brasile Brasile
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore
Squadra Grêmio
Carriera
Carriera da allenatore
1979Esportivo
1980Ceará
1981Londrina
1980-1984Grêmio
1984-1985Al-Hilal
1986Grêmio
1987-1988Cerro Porteño
1989Botafogo
1989-1990Flamengo
1990-1991Botafogo
1992-1994Cerro Porteño
1994Atlético Mineiro
1995Palmeiras
1996Portuguesa
1996Corinthians
1997Fluminense
1997Verdy Kawasaki
1998Coritiba
1998-1999Botafogo
2000-2001Fluminense
2001Vitória
2002Atl. Paranaense
2004Fluminense
2005Brasiliense
2005Ceará
2005Fortaleza
2006Flamengo
2006Santa Cruz
2007Cerro Porteño
2007Vasco da Gama
2008Portuguesa
2011Duque de Caxias
2016Metropolitano
2016-GrêmioCoordin. Tecn.
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Valdir Espinosa (Porto Alegre, 17 ottobre 1947) è un allenatore di calcio brasiliano, coordinatore tecnico del Grêmio.

Da manager vince cinque campionati statali brasiliani in sei occasioni e con sei formazioni differenti: a distanza di 21 anni vince il Paranaense prima con il Londrina (1981) poi con l'Atlético Paranaense (2002). I suoi maggiori successi sono la Libertadores 1983 vinta col Gremio – trascinato da Renato – contro i campioni in carica del Peñarol e l'Intercontinentale successiva conquistata ai danni dei campioni d'Europa dell'Amburgo. Allena anche in Arabia Saudita, Paraguay e Giappone, dove continua a ottenere successi.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni statali[modifica | modifica wikitesto]

Ceará: 1980
Londrina: 1981
Atlético Paranaense: 2002
Grêmio: 1986
Botafogo: 1989
Brasiliense: 2005

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Al-Hilal: 1984-1985
Cerro Porteño: 1987, 1994
Tokyo Verdy: 1997

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Grêmio: 1983
Grêmio: 1983

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (DEENIT) Valdir Espinosa, su transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG. Modifica su Wikidata