The Simpsons Skateboarding

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Simpsons Skateboarding
videogioco
The Simpson Skateboarding.jpg
PiattaformaPlayStation 2
Data di pubblicazioneFlags of Canada and the United States.svg 12 novembre 2002
Zona PAL 6 dicembre 2002
GenereSkateboarding
OrigineRegno Unito
SviluppoThe Code Monkeys
PubblicazioneFox Interactive, Electronic Arts
Modalità di giocoGiocatore singolo, Multiplayer
Periferiche di inputJoypad
SupportoCompact disk
Fascia di etàESRBT · VRC: GA

The Simpsons Skateboarding è un videogioco pubblicato per PlayStation 2 nel 2002. Il videogioco, basato sulla serie animata omonima, è stato sviluppato dalla The Code Monkeys e pubblicato dalla Fox Interactive e dalla Electronic Arts. Tutti i personaggi nel gioco sono doppiati dai veri doppiatori della serie televisiva animata.

Nato come parodia di altri giochi di questo genere, il gioco è stato stroncato dalla critica per via delle grafiche e i comandi e venne considerato uno dei peggiori videogiochi dei Simpson.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Nel gioco, Springfield è stata convertita in una enorme pista per skateboard per l'annuale gara. Il giocatore può scegliere uno fra i nove personaggi disponibili, in modo da poter partecipare alla gara di skate. Ogni personaggio è dotato delle proprie peculiarità e tecniche speciali. È inoltre possibile giocare in multiplayer nella modalità "testa a testa" in cui due giocatori possono affrontarsi fra di loro. Le altre modalità di gioco sono "Freeskate", "Skate Fest", "Trick Contest" e la modalità "H-O-R-S-E". Vincendo il gioco nelle varie modalità si possono sbloccare ulteriori personaggi, nuove location e nuovi skateboard. Il giocatore ha inoltre la possibilità di imparare tutte le tecniche prima di entrare nella modalità di gioco vera e propria, nella modalità "Skillz School".[1]

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Shred and Grind Springfield in the Simpsons Skateboarding, in Business Wire, 12 novembre 2002. URL consultato il 14 marzo 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]