D'oh!

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Versione artistica di D'oh! nel tipico televisore dei Simpson
« Il sig. Burns e Smithers trovano Homer nel rifugio anti-germico segreto di Burns mentre mangia un panino.
Burns: E tu chi diavolo sei?
Cervello di Homer: Niente panico, inventati una storia credibile!
Homer: Salve, sono il signor Burns.
Cervello di Homer: D'oh! »

D'oh! (pronuncia inglese: ˈdoʊ) è una caratteristica esclamazione comica di Homer Jay Simpson, personaggio immaginario protagonista della serie animata I Simpson. È stato addirittura inserito nell'Oxford English Dictionary nel 2001 come suono onomatopeico[1], scritto "DOH". Attualmente è un marchio registrato della 20th Century Fox[2]. Viene utilizzata da Homer solitamente quando gli accade qualcosa di spiacevole, quando si fa male o quando compie qualche azione stupida. In alcuni episodi viene utilizzata anche da altri personaggi, come Marge, Lisa, Bart o la madre di Homer Mona.

Nel crossover tra I Simpson e I Griffin viene esclamato anche da Peter.

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Fu Finlayson ad inventare la tipica espressione di Homer.

Durante il doppiaggio di un corto dei Simpson per lo show Tracey Ullman Show Homer avrebbe dovuto utilizzare un'espressione di irritazione (nell'originale "annoyed grunt", così come riportato sul copione); Dan Castellaneta (il doppiatore originale di Homer), la rese come "d'ooooooh". Questa espressione è stata presa da Jimmy Finlayson, personaggio della serie cinematografica Stanlio e Ollio; veniva usata dall'attore come una storpiatura dell'ingiuria inglese "Damn!". Matt Groening pensò che sarebbe calzata meglio se avesse avuto una pronuncia più veloce. Così fece Castellaneta, trasformandola nell'espressione che oggi conosciamo[3]. La versione di oggi venne utilizzata per la prima volta nel corto The Krusty the Clown Show (1989), sempre per il Tracey Ullman Show[3]. Nei copioni di doppiaggio originali (in lingua inglese) viene trascritto come "annoyed grunt", e questa espressione appare anche nei titoli originali di alcune puntate.

D'oh! nei titoli[modifica | modifica wikitesto]

Come già detto, in origine la parola non aveva una forma scritta ufficiale, e veniva scritta come "annoyed grunt". Per questo, alcuni titoli in lingua originale riportano la scritta "annoyed grunt" al posto di "d'oh". Ecco una lista:

Vi sono altresì alcuni episodi che riportano la parola D'oh nel titolo originale

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

Il termine D'oh! viene spesso utilizzato dai fan dei Simpson, e non solo. Tale termine è diventato comune nel linguaggio parlato di oggi (anche in Italia), dimostrando così il grande impatto culturale dei Simpson. D'oh! venne aggiunto inizialmente al The New Oxford Dictionary of English nel 1998, con la definizione "usato per commentare una azione percepita come stupida o stolta" (in originale: used to comment on an action perceived as foolish or stupid).[4] Nel Oxford English Dictionary del 2001 viene data la definizione "esprime frustrazione quando qualcosa viene realizzato in malo modo o non come pianificato, o quando qualcuno dice o fa qualcosa di stupido" (in originale: expressing frustration at the realization that things have turned out badly or not as planned, or that one has just said or done something foolish)[5].

Riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel celebre MMORPG World of Warcraft della Blizzard Entertainment è possibile utilizzare comandi (emotes) che fanno compiere al proprio personaggio varie azioni. Tra le tante possibilità, digitando /bonk il sistema indica "You bonk yourself on the noggin. Doh!" (Trad. "Ti dai una botta sulla zucca. Doh!") oppure, se un altro personaggio è selezionato, "You bonk on the noggin. Doh!".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) It's in the dictionary, d'oh!, bbc.co.uk, 14 giugno 2001. URL consultato il 26 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2002).
  2. ^ (EN) Latest Status Info, tarr.uspto.gov. URL consultato il 26 dicembre 2009.
  3. ^ a b (EN) What's the story with . . . Homer's D'oh!, theherald.co.uk, 21 luglio 2007. URL consultato il 26 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il 29 settembre 2007).
  4. ^ (EN) Shewchuk, Blair, D'oh! A Dictionary update, cbc.ca, 17 luglio 2001. URL consultato il 26 dicembre 2009.
  5. ^ (EN) B.J. Sigesmund, 'D'oh!' The Right Thing?, newsweek.com, 15 giugno 2001. URL consultato il 26 dicembre 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]