The Longest Daycare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Longest Daycare
The Longest Daycare.png
Titoli di testa
Titolo originaleThe Longest Daycare
Paese di produzioneUSA
Anno2012
Durata4.30 min
Genereanimazione
RegiaDavid Silverman
SceneggiaturaJames L. Brooks, Matt Groening, Al Jean, David Mirkin, Joel H. Cohen, Michael Price
ProduttoreJames L. Brooks, Matt Groening, Al Jean, Richard Sakai, Richard Raynis
MontaggioRoger Injarusorn
MusicheHans Zimmer
Art directorDima Malanitchev

The Longest Daycare è un cortometraggio di 4 minuti, che ha come protagonista assoluta Maggie Simpson, una dei protagonisti della serie animata I Simpson. Il cortometraggio è diretto da David Silverman.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La storia inizia con Marge Simpson che lascia la figlioletta Maggie in un asilo. La bimba, viene classificata come "nulla di speciale" in seguito all'esame di un body scanner che prevede il futuro dei bambini, viene lasciata a sé stessa in un'area isolata dell'asilo, insieme agli altri bambini, classificati allo stesso modo. In quell'area vi è anche il nemico di Maggie, il poppante dal monociglio Gerald. Si vede il bambino che schiaccia con un martello giocattolo alcune farfalle, creando così dei quadretti alla parete. Nel frattempo Maggie trova un bruco, e vedendo in un libro a figure tridimensionali che si trasformerà in farfalla (il bruco era già racchiuso nella crisalide), Maggie inizia a scappare da Gerald, con in mano il vaso dove stava avvenendo la metamorfosi da bruco a farfalla. La piccola inciampa e, mentre la crisalide si apre ed esce la farfalla, Maggie la lancia verso una finestra aperta, ma viene uccisa da Gerald, che aveva abbassato la tapparella. A quel punto Marge torna a prelevare la bimba, che triste per la morte dell'insetto, vede Gerald che la saluta con aria soddisfatta. Quando il poppante alza la tapparella scopre che prima di buttare la farfalla verso la finestra, Maggie l'aveva scambiata con il suo fiocco blu (colore anche della farfalla), e alla fine si vede la farfalla che vola via, e Maggie che la saluta, mentre torna a casa.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Il cortometraggio è stato candidato all'edizione 2013 dei Premi Oscar, nella categoria Miglior Corto d'Animazione.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]