Episodi de I Simpson (prima stagione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: I Simpson.

La prima stagione de I Simpson (serie di produzione 7G) è andata in onda negli Stati Uniti dal 17 dicembre 1989 al 13 maggio 1990.

L'episodio Nati per essere sfrenati ha vinto un Emmy per il miglior programma animato.

In Italia è stata trasmessa per la prima volta dal 1º ottobre al 29 dicembre del 1991 su Canale 5. Il primo episodio trasmesso è Bart, il genio.

Dal 24 settembre 2001 è in vendita il cofanetto contenente la prima stagione completa.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti Italia Codice di produzione Titolo Titolo originale Prima TV
in st. in tot. in st. in tot. Stati Uniti Italia
1 12 18 7G08 Un Natale da cani Simpsons Roasting on an Open Fire 17 dicembre 1989 24 dicembre 1991
2 1 7G02 Bart, il genio Bart the Genius 14 gennaio 1990 1º ottobre 1991
3 6 7G03 L'odissea di Homer Homer's Odyssey 21 gennaio 1990 12 novembre 1991
4 5 7G04 Amara casa mia There's No Disgrace Like Home 28 gennaio 1990 5 novembre 1991
5 10 7G05 Bart il grande Bart the General 4 febbraio 1990 29 novembre 1991
6 2 7G06 Lisa sogna il blues Moaning Lisa 11 febbraio 1990 8 ottobre 1991
7 7G09 Il richiamo dei Simpson The Call of the Simpsons 18 febbraio 1990 13 novembre 1991
8 4 7G07 La testa parlante The Telltale Head 25 febbraio 1990 22 ottobre 1991
9 8 7G11 Nati per essere sfrenati Life on the Fast Lane 18 marzo 1990 19 novembre 1991
10 11 7G10 Homer in the night Homer's Night Out 25 marzo 1990 1º dicembre 1991
11 13 19 7G13 Crêpes alle crêpes, vino al vino The Crepes of Wrath 15 aprile 1990 29 dicembre 1991
12 9 7G12 Krusty va al fresco Krusty Gets Busted 29 aprile 1990 26 novembre 1991
13 3 7G01 Sola, senza amore Some Enchanted Evening 13 maggio 1990 15 ottobre 1991

Un Natale da cani[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Un Natale da cani.
  • Sceneggiatura: Mimi Pond
  • Regia: David Silverman
  • Messa in onda originale: 17 dicembre 1989
  • Messa in onda italiana: 24 dicembre 1991

Marge domanda ai figli cosa vorrebbero ricevere per Natale. Lisa chiede un pony. Bart un tatuaggio. Arrivati al centro commerciale per comperare i regali, Bart scopre un negozio di tatuaggi e mente sulla propria età per farsene fare uno con la scritta «mother» (mamma). Ma Marge lo sorprende a metà del lavoro, lo trascina e, per far rimuovere il tatuaggio incompleto («moth», cioè tarma), spende tutti i risparmi della famiglia, pensando di usare per gli acquisti natalizi la tredicesima di Homer. Ma c'è un inconveniente: il signor Burns non concede alcuna tredicesima ai suoi impiegati. Rimasto dunque senza soldi per i regali, Homer si trova un lavoro come Babbo Natale ai grandi magazzini. Qui si imbatte in Bart: il figlio gli strappa la barba dal viso, rivelando a tutti la sua vera identità. Homer si ritrova senza lavoro e con solo 13 dollari. Così dopo aver ricevuto una soffiata da Barney Gumble, Homer decide di portare Bart al cinodromo, dove però scommette su un altro cane, «Piccolo Aiutante di Babbo Natale». Il cane arriva ultimo. Mentre Homer e Bart avviliti lasciano la pista, Piccolo Aiutante di Babbo Natale viene cacciato dal suo proprietario in seguito all'ennesima sconfitta. Homer seppur riluttante accetta di prenderlo con sé e portarlo a casa. La coppia si avvia con il cane e Homer è pronto ad annunciare alla famiglia che non si sarà alcun Natale. Ma al loro arrivo, Marge e Lisa scambiano il cane per un regalo e tutti festeggiano.

Bart, il genio[modifica | modifica wikitesto]

  • Sceneggiatura: Jon Vitti
  • Regia: David Silverman
  • Messa in onda originale: 14 gennaio 1990
  • Messa in onda italiana: 1º ottobre 1991

Dopo aver fatto arrabbiare Homer durante una partita a Scrabble, Bart inizia a deridere il preside della sua scuola Seymour Skinner disegnando un murale in cui è rappresentato in stato sovrumano. Tuttavia l'alunno più studioso della scuola, Martin Prince, rovina ogni occasione di Bart facendolo scoprire da Skinner che gli dice di essersi cacciato in guai grossi. Bart decide così di dimenticare la rabbia provata per Martin, ma appena entra in classe scopre che la Scuola Elementare di Springfield ha preparato un test per valutare il quoziente intellettivo degli alunni per il quale non ha studiato. Trovandosi in difficoltà, Bart prova a scambiare il suo test con quello di Martin, il quale, dopo aver fatto voltare il banco a Bart in modo che non potesse copiare, aveva già finito e aveva avuto il permesso dalla professoressa Caprapall di andare in giardino a meditare. Quel pomeriggio il preside Skinner convoca Homer e Marge per avvertirli del murale disegnato da Bart, ma il colloquio viene successivamente interrotto dallo psicoanalista della scuola, il Dr.J. Loren Pryor; egli informa il preside ed i genitori di Bart che il bambino ha preso il voto più alto della classe nell'ultimo test d'intelligenza proponendo di trasferirlo in un'accademia adatta agli allievi più studiosi. Sfortunatamente, quando Bart viene iscritto nella scuola, le sue capacità vengono di meno e viene deriso da tutti i compagni di classe, mentre Homer e Marge apprezzano la "falsa" bravura del figlio. Bart decide così di andare nella sua vecchia scuola a chiedere aiuto ai suoi ex compagni di scuola, ma questi lo scacciano via per averli abbandonati e credendo che sia divenuto un genio. Un giorno Bart, dopo essere arrivato ad ungersi di verde nel fallire un esperimento di chimica, confessa di aver imbrogliato il test dinanzi al Dr. Pryor che lo riscrive alla sua vecchia scuola. Tornato a casa, Bart decide di confessare la sua marachella anche ad Homer mentre questi lo ripulisce dicendo d'altra parte che si è divertito a passare questi giorni soprattutto con lui. Malgrado però questo, un Homer inferocito insegue Bart per strangolarlo e addirittura picchia sulla porta della camera del figlio in cui questi si è rinchiuso.

  • Guest star: Marcia Wallace (voce di Edna Kaprapall), Jo Ann Harris, Pamela Hayden, Russi Taylor (voce di Martin Prince)
  • Frase alla lavagna: Non sprecherò più il gesso. In italiano viene pronunciata la frase: Non disegnerò donne nude in classe
  • Gag del divano: Bart, dopo essersi seduto, salta in alto, uscendo dall'inquadratura e poco dopo cade a terra davanti alla TV.

L'odissea di Homer[modifica | modifica wikitesto]

  • Sceneggiatura: Jay Kogen e Wallace Wolodarsky
  • Regia: Wesley Archer
  • Messa in onda originale: 21 gennaio 1990
  • Messa in onda italiana: 12 novembre 1991

La classe di Bart va in visita alla centrale nucleare. Homer, nel tentativo di fingersi indaffarato per fare una figura migliore con Bart, va a sbattere contro un tubo, rompendolo. A causa di quest'incidente viene immediatamente licenziato dal supervisore della centrale. Depresso e incapace di trovare un nuovo lavoro, Homer tenta di suicidarsi. Salvato dalla sua famiglia decide di vendicarsi del suo ex capo, diventando un attivista della sicurezza antinucleare. Per mettere a tacere le proteste ed evitare che la centrale venga chiusa, Burns decide di riassumere Homer come ispettore alla sicurezza della centrale.

  • Guest star: assente
  • Frase alla lavagna: Non andrò con lo skateboard per i corridoi
  • Gag del divano: I Simpson si siedono, ma il divano cede e cadono a terra.

Amara casa mia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sceneggiatura: Al Jean e Mike Reiss
  • Regia: Gregg Vanzo e Kent Butterworth
  • Messa in onda originale: 28 gennaio 1990
  • Messa in onda italiana: 5 novembre 1991

Durante il picnic aziendale, Homer nota come le altre famiglie siano più calme e felici della sua, dove i litigi sono all'ordine del giorno. Decide allora di portare la sua famiglia da uno psichiatra (Marvin Monroe), credendo di poterla cambiare per il meglio. Vende addirittura la TV per pagare la terapia familiare, creando malumore tra i familiari. La terapia si rivela un fallimento, al punto che Marvin, in crisi di nervi, li rimborsa profumatamente (il doppio del costo della parcella) pur di toglierseli dai piedi. Sulla via del ritorno, Marge asserisce che non c'è niente da curare in loro e che l'unica cosa importante è l'amore reciproco. Allora, i Simpson pensano di ricomprare il loro vecchio televisore, ma Homer lo definisce un valvolone e preferisce comprarne uno nuovo, grazie al generoso rimborso dello psichiatra.

  • Guest star: assente
  • Frase alla lavagna: Non rutterò più in classe
  • Gag del divano: Homer viene schiacciato dagli altri componenti della famiglia e cade a terra.

Bart il grande[modifica | modifica wikitesto]

  • Sceneggiatura: John Swartzwelder
  • Regia: David Silverman
  • Messa in onda originale: 4 febbraio 1990
  • Messa in onda italiana: 29 novembre 1991

Bart, per difendere i dolcetti preparati da Lisa delle prepotenze dei bulli della scuola, è vittima di un pestaggio da parte del capo dei bulli Nelson Muntz. Decide di rivolgersi a Homer per chiedere consigli su cosa fare per difendersi ma il padre non sa come consigliarlo. Ad aiutarlo sarà invece il nonno, che gli presenta Herman, il gestore di un negozio di cimeli di guerra, un uomo con un solo braccio esperto di strategie di guerriglia. Col suo aiuto Bart organizza un esercito di bambini per combattere Nelson che alla fine verrà sconfitto da un bombardamento di palloncini pieni d'acqua. Alla fine Herman fa firmare a Nelson un armistizio in cui gli viene impedito di picchiare e maltrattare Bart in futuro. L'episodio si conclude con un discorso di Bart sulla guerra rivolto al pubblico.

  • Guest star: assente
  • Frase alla lavagna: assente
  • Gag del divano: assente

Lisa sogna il blues[modifica | modifica wikitesto]

  • Sceneggiatura: Al Jean e Mike Reiss
  • Regia: Wesley Archer
  • Messa in onda originale: 11 febbraio 1990
  • Messa in onda italiana: 8 ottobre 1991

La scuola, gli amici e la famiglia: nulla sembra andare per il verso giusto a Lisa che per questo cade in depressione. Riguadagnerà la felicità incontrando un anziano sassofonista blues, Gengive Sanguinanti Murphy, con il quale si ritrova ogni sera per raccontarsi la propria vita e suonare il sax, strumento detestato dalla famiglia perché considerato soltanto una fonte di assordante rumore.

  • Guest star: Ron Taylor (voce di Gengive Sanguinanti Murphy)
  • Frase alla lavagna: Non fomenterò la rivolta
  • Gag del divano: Maggie salta verso l'alto, ma pochi istanti dopo cade tra le braccia di Marge.

Il richiamo dei Simpson[modifica | modifica wikitesto]

  • Sceneggiatura: John Swartzwelder
  • Regia: Wesley Archer
  • Messa in onda originale: 18 febbraio 1990
  • Messa in onda italiana: 13 novembre 1991

Homer decide di trascorrere un po' di tempo con la famiglia, noleggiando un camper e facendo una gita nei boschi. Homer, però, non riesce a governare il mezzo e finisce fuori strada. I Simpson riescono a uscire dal camper che, un secondo dopo, cade in un burrone, lasciando la famiglia senza viveri. Homer e Bart decidono di cercare aiuto, ma finiscono in una cascata e perdono i loro vestiti (si coprono con dei cespugli) mentre Lisa e Marge si rivelano molto più adatte alla vita nella foresta, costruendo un rifugio e accendendo un fuoco. Maggie, nel frattempo, viene rapita da alcuni orsi, con i quali fa amicizia. Homer cercando cibo, viene attaccato dalle api e finito in una pozza di fango, viene scambiato per Bigfoot da dei turisti: i giornali cominciano a parlarne, e le autorità lo catturano. Solo in seguito si scoprirà il malinteso.

  • Guest star: Albert Brooks (voce di Bob)
  • Frase alla lavagna: Non disegnerò donne nude in classe
  • Gag del divano: I Simpson si siedono sul divano senza che succeda nulla.

La testa parlante[modifica | modifica wikitesto]

  • Sceneggiatura: Al Jean, Mike Reiss, Sam Simon e Matt Groening
  • Regia: Rich Moore
  • Messa in onda originale: 25 febbraio 1990
  • Messa in onda italiana: 22 ottobre 1991

Dando ascolto ad alcuni teppisti, Bart decapita la statua del fondatore di Springfield, Jebediah Springfield. Il fatto crea rabbia e stupore tra i cittadini, determinati a ritrovare la testa e il vandalo che l'ha tolta. Quando Bart, però, si rende conto dell'errore da lui commesso, decide di rimettere a posto la testa insieme a Homer. I cittadini li vedono e cominciano a rincorrerli. Sembra ormai tutto perduto, ma Bart sale sulla statua e spiega ai cittadini che solo grazie a quest'atto vandalico, la città ha ricominciato ad interessarsi di Jebediah. I cittadini, commossi, decidono di perdonarlo.

  • Guest star: assente
  • Frase alla lavagna: Non ho mai visto Elvis. In italiano viene pronunciata la frase Non ho mai visto il fantasma di Elvis
  • Gag del divano: Bart, dopo essersi seduto, salta in alto, uscendo dall'inquadratura e poco dopo cade a terra davanti alla TV.

Nati per essere sfrenati[modifica | modifica wikitesto]

  • Sceneggiatura: John Swartzwelder
  • Regia: David Silverman
  • Messa in onda originale: 18 marzo 1990
  • Messa in onda italiana: 19 novembre 1991

Per il suo 34º compleanno Homer regala a Marge una palla da bowling, sicuro che Marge, non volendola, la lascerà usare a lui. Per ripicca Marge decide di imparare davvero a giocare a bowling, e si fa dare lezioni dal playboy Jacques, che la corteggia e se ne innamora. Marge, però, resta fedele a Homer e, quando Jacques la invita a casa sua, in un primo momento accetta, ma poi, sulla strada per l'appartamento, imbocca un bivio e va alla centrale nucleare, a trovare suo marito.

  • Guest star: Albert Brooks (voce di Jacques)
  • Frase alla lavagna: assente
  • Gag del divano: assente

Homer in the night[modifica | modifica wikitesto]

  • Sceneggiatura: Jon Vitti
  • Regia: Rich Moore
  • Messa in onda originale: 25 marzo 1990
  • Messa in onda italiana: 1º dicembre 1991

Bart compra tramite posta una macchina fotografica-spia, con la quale fotografa Homer mentre balla e si diverte con una danzatrice del ventre, ad una festa di addio al celibato. Marge lo scopre e medita di lasciare Homer per sempre. Lo obbliga quindi a cercare la danzatrice del ventre e a mostrare a Bart che le donne non sono solo oggetti.

  • Curiosità: Quando Homer pensa tristemente che la sua famiglia non gli voglia più bene, ricorda l'episodio di Maledetti Scarafaggi "Buon compleanno" quando Oggy pensa tristemente che Jack non gli voglia più bene.
  • Guest star: assente
  • Frase alla lavagna: Non chiamerò più la mia maestra "bella gnocca"
  • Gag del divano: I Simpson si siedono, ma il divano cede e cadono a terra.

Crêpes alle crêpes, vino al vino[modifica | modifica wikitesto]

  • Sceneggiatura: George Meyer, Sam Simon, John Swartzwelder e Jon Vitti
  • Regia: Wesley Archer e Milton Grey
  • Messa in onda originale: 15 aprile 1990
  • Messa in onda italiana: 29 dicembre 1991

Mentre mostra le Elementari di Springfield a sua madre, il direttore Skinner incontra Bart e i suoi amici. Quando la signora Skinner si allontana per andare in bagno, Bart butta un petardo nel water e poi tira l'acqua. Esplodendo, il petardo fa saltare in aria la madre di Skinner. Esasperato dal diabolico comportamento di Bart, Skinner riesce a convincere Homer e Marge ad aderire a un programma di scambio degli studenti. Aspettandosi una grandiosa vacanza, Bart parte entusiasta per la Francia, mentre i Simpson danno il benvenuto al loro studente alla pari, Cavil Hoxha, dell'Albania. Bart arriva a Parigi solo per scoprire che i suoi ospiti, Ugolin e Cesar, vogliono fare di lui uno schiavo. A Springfield, intanto, Cavil chiede a Homer di fargli visitare la Centrale Nucleare. Una volta dentro, fotografa le apparecchiature e, di nascosto, trasmette le informazioni in Albania. Ugolin e Cesar obbligano Bart a sperimentare il loro vino allungato con l'antigelo per vedere se è velenoso. Quando lo mandano a comprare altro antigelo, Bart stupisce sé stesso, riuscendo a parlare in francese e a chiedere aiuto a un poliziotto. Nel frattempo, l'FBI rintraccia i segnali via satellite usati da Cavil per trasmettere il materiale segreto e arresta il ragazzo. Stessa sorte tocca, in Francia, agli aguzzini di Bart, che viene acclamato come un eroe nazionale per aver salvato il prezioso vino francese.

  • Guest star: assente
  • Frase alla lavagna: La gomma all'aglio non è un bello scherzo
  • Gag del divano: Homer viene schiacciato dagli altri componenti della famiglia e cade a terra.

Krusty va al fresco[modifica | modifica wikitesto]

  • Sceneggiatura: Jay Kogen e Wallace Wolodarsky
  • Regia: Brad Bird
  • Messa in onda originale: 29 aprile 1990
  • Messa in onda italiana: 26 novembre 1991

Homer va al Jet Market per comprare del gelato per una serata in famiglia. Diventa, però, il testimone di una rapina da parte di Krusty il clown, idolo del figlio. Krusty viene arrestato, in quanto è stato ripreso dal video della sorveglianza. Bart non riesce a crederci, ma Homer deve testimoniare contro la celebrità che viene dichiarato colpevole. Nel frattempo, Telespalla Bob, la spalla comica di Krusty, ha preso il suo posto e inizia a condurre uno show nel quale legge brani tratti da famosi libri e dedica parte del programma ad istruire i ragazzi. Bart e Lisa ancora non riescono a credere che Krusty sia il colpevole. Vanno così a parlare con Telespalla Bob, il quale regala loro due biglietti per il suo show. Mentre partecipano al programma, Bart rivela quanto hanno scoperto: il Krusty visto sul video della sorveglianza usava un microonde e stava leggendo la rivista letteraria "Springfield Review of Books", due attività che non poteva svolgere in quanto ha un pacemaker ed è analfabeta, per cui non può essere stato lui. Telespalla liquida le prove dicendo che il suo amico non era solito ascoltare il medico e che per leggere "Springfield Review of Books" non serve saper leggere. All'improvviso Bart si rende conto che proprio Telespalla Bob, con i suoi piedi enormi (il ladro aveva dei piedi giganteschi, mentre Krusty ha piedi normali), è il vero colpevole. La polizia arresta Telespalla Bob, che confessa di avere incastrato Krusty perché per anni gli ha fatto fare i lavori peggiori e le gag più pericolose e umilianti. Nel frattempo Krusty viene liberato e riceve le scuse di Homer per averlo ingiustamente giudicato.

  • Guest star: Kelsey Grammer (voce di Robert G."Telespalla Bob" Terwilliger)
  • Frase alla lavagna: Loro ridono di me, non con me.
  • Gag del divano: Maggie salta verso l'alto, ma pochi istanti dopo cade tra le braccia di Marge.

Sola, senza amore[modifica | modifica wikitesto]

  • Sceneggiatura: Matt Groening e Sam Simon
  • Regia: David Silverman e Kent Butterworth
  • Messa in onda originale: 13 maggio 1990
  • Messa in onda italiana: 15 ottobre 1991

Marge è molto insoddisfatta del proprio matrimonio: la famiglia non la ringrazia mai e sembra che Homer nemmeno la veda. Decide di chiamare uno psichiatra radiofonico, il Dottor Marvin Monroe e gli parla dei suoi problemi. Le viene detto che deve metterci una pietra sopra e troncare la relazione. Homer, al lavoro, sente la telefonata alla radio e consigliato da Boe, per rimediare, le offre dei fiori e la porta fuori a cena per poi passare la notte in hotel. Bart, Lisa e Maggie vengono lasciati soli con la baby-sitter, la signorina Coz. Alla televisione, Lisa e Bart vedono il profilo di Coz e capiscono che la donna è ricercata dalla polizia, in quanto pericolosa ladra. I ragazzi riescono a catturarla, ma quando i genitori ritornano la liberano, pensando che i figli avessero giocato alla baby-sitter un tiro mancino. La polizia e la televisione arrivano a casa Simpson e Homer si rende conto del madornale errore, facendo una figuraccia davanti alla TV nazionale.

  • Guest star: Penny Marshall (voce della signorina Coz)
  • Frase alla lavagna: Non griderò "Al fuoco" in una classe affollata
  • Gag del divano: I Simpson si siedono sul divano senza che succeda niente.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

I Simpson Portale I Simpson: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di I Simpson