Naziskin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Skin88)
Jump to navigation Jump to search
Skin neonazista tedesco nel 2005

Con il termine naziskin si indicano gli skinhead d'ideologia neonazista, che si caratterizzano per l'uso della simbologia nazista e il ricorso a metodi violenti e intimidatori, in particolare verso le minoranze etniche e religiose, gli omosessuali e i tossicodipendenti.[1]

I naziskin sono indubbiamente la componente skinhead più organizzata e più conosciuta al mondo, che si distingue per la sua potente e rigida organizzazione. Gruppi naziskin esistono quasi ovunque ma la frangia più attiva del movimento è quella statunitense, che si riunisce nella Confederate Hammerskins[2] (diffusa anche in Europa), mentre molto attivi sono anche gli aderenti alla britannica Blood & Onor;[3] entrambe le associazioni sono legate a movimenti e partiti politici di estrema destra.

Spesso i naziskin utilizzano la denominazione di skinhead 88 o skin88, in cui i due numeri 8 indicano la doppia H (in quanto ottava lettera dell'alfabeto latino), ovvero il saluto nazista Heil Hitler.

Poiché accusati di razzismo, spesso non vengono considerati parte integrante del movimento skinhead dagli SHARP e dai RASH. Questi ultimi, e anche gran parte dei punk, indicano invece dispregiativamente i naziskin come bonehead, che in inglese significa letteralmente "testa d'osso".[4]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Questa corrente è una divisione della sottocultura skinhead nata in Inghilterra verso la fine degli anni sessanta in seguito alla propaganda operata all'interno della cultura skin ai concerti Oi!/Street punk e allo stadio da parte dei partiti dell'estrema destra britannica (vanno citati soprattutto a tal proposito il National Front e il British National Party). Assunse la forma di movimento politico giovanile fondato sul primato della razza bianca, l'antisemitismo e il richiamo ai regimi nazionalsocialisti. Il più celebre gruppo musicale skinhead furono gli inglesi Skrewdriver guidati dal leader della scena Skin88 mondiale Ian Stuart Donaldson. Egli avviò il circuito politico-musicale mondiale neonazista WPR (White Power Rock), che crebbe in Europa e mise le proprie radici anche negli Stati Uniti. Del primo movimento skinhead, l'attitudine razzista dei successivi naziskin venne incarnata dagli skinhead che già all'epoca praticavano il cosiddetto paki bashing, ovvero "pestaggio di pakistani". Molti skins temevano che l'afflusso di stranieri, soprattutto pakistani ed asiatici, stesse danneggiando le loro prospettive di lavoro e i valori tradizionali. Era quindi una sintesi di conservatorismo estremista e di razzismo ideologico, anche legati a pensieri patriottici.

Abbigliamento e stile[modifica | modifica wikitesto]

Lo stile naziskin si caratterizza per le tipiche teste rasate a zero, l'utilizzo del bomber, spesso di colore nero, jeans stretti o pantaloni mimetici, stivali militari e di decorazioni derivanti dalla tradizione celtica o in linea con il loro pensiero politico.[1][5]

In Italia[modifica | modifica wikitesto]

Skinhead 88, graffito a Torino (2017)

I centri più attivi sono in Veneto, Lombardia (Milano), Piemonte (Torino) e nel Lazio. La prima e più strutturata organizzazione italiana di naziskin fu il Veneto Fronte Skinhead (di matrice musicale) che si legò con la scena White Power Rock britannica. Nell'area milanese venne fondata l'associazione di skinhead di estrema destra conosciuta come Azione Skinhead. Anche la realtà naziskin romana si raccordò con la scena WPR internazionale nei diversi gruppi ultras laziali[6]. Nel 1990 nacque l'associazione Skinhead d'Italia, composta da Azione Skinhead e Veneto Fronte Skinhead.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Symbolique-bonehead.jpg
  1. Versione stilizzata della Croce celtica
  2. Lettera "ᛟ" (Odal) dell'alfabeto runico
  3. Pugno bianco (White Power)
  4. Croce di ferro con la Svastica
  5. SS
  6. Totenkopf

Politica[modifica | modifica wikitesto]

Gran parte dei naziskin si rifà principalmente ad un misto di ideologie fasciste e naziste con contenuti razzisti. Il razzismo propugnato si basa sulla credenza, adottata particolarmente dalla Germania nazista e successivamente dall'Italia fascista (dopo la promulgazione delle cosiddette "leggi razziali"), che biologicamente esistano delle razze umane dai tratti distinguibili oggettivamente e scientificamente ("razzismo biologico"). Questo razzismo è in contrasto con quello "spirituale" ideato dal filosofo Julius Evola, il quale è diventato maggioritario nei movimenti di estrema destra italiani dopo la Seconda guerra mondiale. I naziskin si rifanno solitamente all'ideologia "biologica" del razzismo.

Sono spesso protagonisti di atti di violenza verso minoranze etniche e militanti di sinistra[7]. I naziskin sono oggi numerosi in Italia, soprattutto al nord. A partire dal 2004 si sono molto intensificati i rapporti fra il partito di estrema destra della Fiamma Tricolore e in parte minore il partito nazionalista, Forza Nuova, con i gruppi organizzati di naziskin (come il Veneto Fronte Skinhead) o gruppi composti da un forte numero di naziskin (come il Movimento Politico o Base Autonoma).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Naziskin, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 29 novembre 2017.
  2. ^ http://www.hammerskins.net
  3. ^ https://bloodandhonour.com
  4. ^ Bonehead su The Free Online Dictionary
  5. ^ Naziskin, in Dizionario di Italiano, Corriere della Sera. URL consultato il 29 novembre 2017.
  6. ^ (EN) Christos Kassimeris, European futball's nwe 'disease', in European Football in Black and White: Tackling Racism in Football, Lexington Books, 2007, pp. 54.
  7. ^ (IT) Skinhead di estrema destra fanno irruzione nella riunione di Como senza frontiere: "Nessun rispetto per voi" - Il Fatto Quotidiano, in Il Fatto Quotidiano, 29 novembre 2017. URL consultato il 09 dicembre 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Nazismo Portale Nazismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di nazismo