Russofobia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«I Moscoviti nati-schiavi, godono nel vivere sotto la tirannia e a opprimere le altre nazioni»

(Philip Sidney[senza fonte])
Mappa "serio-comica" dell'Europa del 1900, con la Russia disegnata come un'enorme piovra

La russofobia (in russo: Русофобия?, traslitterato: Rusofobija) è un sentimento legato a pregiudizio, paure, avversioni e discriminazione verso il popolo russo, oltre che alla loro nazione, lingua e cultura. Nel linguaggio della politica internazionale moderna, il termine russofobia viene usato in modo più specifico dalle autorità russe [1]per descrivere questioni derivanti dall'epoca della guerra fredda[senza fonte].

Molti pregiudizi spesso presentano elementi conneessi alla guerra politica contro l'Unione Sovietica (meglio noti come antisovietismo), ma che continuano a essere utilizzati tuttora nei dibattiti delle attuali relazioni con la Russia.[senza fonte] La russofobia varia considerevolmente da un paese all'altro e dipende non solo dalla geografia, ma anche dalla storia o da altri fattori.[non chiaro]

Spesso è controverso se il sentimento ostile verso la Russia (sia ora che in passato) sia il risultato di una valutazione razionale delle politiche russe o se sia un sistema composto da credenze e pregiudizi stereotipati che va al di là di azioni o politiche concrete.[senza fonte] Nella seconda metà degli anni 2010, il governo russo e altri governi ad esso alleati hanno denunciato un clima di russofobia nei paesi occidentali, sostenendo che la stessa sia la causa delle accuse sulle responsabilità del governo Putin in una serie di eventi, quali le guerre civili in Ucraina e in Siria, la Brexit[senza fonte], l'ascesa del populismo nei paesi dell'Unione europea e la vittoria presidenziale di Donald Trump negli Stati Uniti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La russofobia è stata usata in passato con precisi scopi politici, ad esempio il falso testamento di Pietro il Grande. La Francia di Luigi XV, con l'aiuto di aristocratici polacchi, decise di redigere un finto testamento dello zar russo in cui sembrasse che l'obiettivo della Russia fosse quello di conquistare tutta l'Europa[senza fonte]. Ovviamente il finto testamento fu usato in chiave antirussa con la proposta di costituire una unione per formare una barriera impenetrabile tra Europa e Russia. Nonostante il finto testamento fosse stato smascherato già nel 1879, il contenuto ne ha influenzato il pensiero della politica europea ed occidentale in generale, se pensiamo che Truman nel 1945 fece riferimento a questo documento, probabilmente "dimenticando" il fatto che fosse falso[senza fonte].

Pregiudizi[modifica | modifica wikitesto]

Le persone che hanno ostilità nei confronti dei Russia considerano la popolazione russa composta da[senza fonte]:

  • barbari
  • espansionisti
  • annessionisti
  • aggressivi

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Envoy complains Britons mistreat Russians, Reuters, 8 luglio 2007. URL consultato il 30 luglio 2007.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Guy Mettan, Russofobia. Mille anni di diffidenza, Sandro Teti Editore, 2016

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Russia Portale Russia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Russia