Oleh Tjahnybok

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Oleh Tjahnybok
Oleh Tyahnybok September 2014.jpg

Leader dell'Unione Pan-Ucraina "Libertà"
In carica
Inizio mandato 14 febbraio 2014
Predecessore Jaroslav Andruškiv

Oleh Jaroslavovyč Tjahnybok (in ucraino: Оле́г Яросла́вович Тягнибо́к?; Leopoli, 7 novembre 1968) è un politico ucraino.

Gioventù[modifica | modifica wikitesto]

Tjahnybok è nato nella città di Leopoli da una famiglia di medici ed è un medico lui stesso.[1][2] Il padre, Jaroslav Tjahnybok, un noto dottore in Ucraina, è stato un medico sportivo, capo medico della boxe squadra nazionale sovietica, e un ex pugile lui stesso che ha ottenuto il titolo di Maestro di Sport dell'URSS.[3] Il bisnonno di Oleh era un fratello di Lonhyn Cehel's'kyj, un politico nella Repubblica Occidentale ucraino popolare.[1] Tjahnybok afferma di ricordare che quando era più giovane dagli agenti del KGB condussero ricerche nell'appartamento della sua famiglia.

Dopo la scuola secondaria, Tjahnybok si iscrive all'istituto di medicina di Leopoli, dove fu anche infermiere part-time, ma dopo il secondo anno è stato chiamato per l'esercito. Dopo il ritorno all'istituto, ha avviato la creazione di un Istituto Mediterraneo Studente Fratellanza - il primo passo nella sua vita di attivista civile. Tjahnybok si laureò presso l'Istituto nel 1993 come chirurgo qualificato (come talvolta cita, laureandosi in urologia). Nel 1994, all'età di 25 anni, Tjahnybok è stato eletto al Consiglio dell'Oblast' di Leopoli, e nel 1998 è stato eletto per la Verchovna Rada.

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 1991 Tjahnybok divenne membro del Partito Social-Nazionale di Ucraina.[4] Egli diventa rappresentante dell'Ucraina di estrema destra. Dal 1994 fino al 1998, Tjahnybok è stato membro del Consiglio regionale di Leopoli.[5] Nel 1998, Tjahnybok è stato eletto la prima volta al Parlamento ucraino come un membro del Social-Partito Nazionale dell'Ucraina;[4] in parlamento è diventato un membro del Movimento popolare di Ucraina.[4] Nel 2002, Tyahnybok è stato rieletto al parlamento ucraino come un membro della Nostra Ucraina di Viktor Juščenko.[4] In Parlamento ha presentato 36 proposte di dibattito, ma il Parlamento ne ha approvate solo quattro.[6] Nella maggior parte dei suoi movimenti, si sono opposti all'introduzione della lingua russa come seconda lingua ufficiale dello Stato; proposto il riconoscimento del ruolo di combattimento dell'Organizzazione dei nazionalisti ucraini e Esercito insurrezionale ucraino durante la seconda guerra mondiale; chiamato per la lustrazione (regolazione di coinvolgimento politico) di ex funzionari comunisti, ufficiali dei servizi di sicurezza e agenti in borghese; e ha chiesto il divieto di ideologia comunista.[6] Nessuna di queste proposte è stata adottata.[6]

Il 20 luglio 2004 Tjahnybok è stato espulso dal gruppo parlamentare Nostra Ucraina[4][7], dopo aver fatto un discorso nei Carpazi davanti alla tomba di un comandante dell'Esercito insurrezionale ucraino.[7] Nel discorso, andato in onda in televisione nell'estate del 2004, ha fatto commenti come:[8]

"Voi siete quelli che la mafia ebraico-moscovita regnante in Ucraina teme di più"[7]

e

«Non avevano paura e non dobbiamo avere paura. Hanno preso le loro armi automatiche sul collo e sono andati nel bosco, e combatterono contro i moscoviti, tedeschi, ebrei e altra feccia che volevano portare via il nostro stato ucraino."[6]

In sua difesa, Tjahnybok, ha detto che non aveva offeso i russi nel chiedere loro una forza di occupazione, in quanto questo è stato basato su fatti storici. Egli ha anche negato di essere antisemita, dicendo che era pro-ucraino.[9][10] L'ufficio del procuratore inizialmente ha sporto denuncia penale per incitamento all'odio etnico, ma in seguito ha ritirato per mancanza di prove. Da quel momento Tyahnybok ha vinto nove casi giudiziari al riguardo. Con le decisioni dei giudici è stato riconosciuto che il procedimento penale è stato sollevato in violazione di legge, e le azioni di canale televisivo "Inter" che ha mostrato il filmato del discorso di Tjahnybok così come il capo della Derzhkomnatsmihratsia H. Moskal sono stati riconosciuti come quelli che insultano l'onore e la dignità di Oleh Tjahnybok, causandogli danni morali. Le azioni intorno a tale questione ha portato alla creazione del "Programmi in difesa degli ucraini". Tjahnybok ha dichiarato nel 2012 "questo discorso è rilevante anche oggi" e "Tutto quello che ho detto allora, posso anche ripetere ora".[11]

Dal febbraio 2004 Tjahnybok passò in Unione Pan-Ucraina "Libertà".[5]

Nell'aprile 2005, Tjahnybok ha co-firmato una lettera aperta al presidente Juščenko per chiedere una indagine parlamentare sulle "attività criminali dell'ebraismo organizzato in Ucraina."[11][12]

Tjahnybok si candida alla carica di sindaco di Kiev durante le elezioni locali di Kiev nel 2008.[6] Nelle elezioni Leonid Černoveckyj è stato rieletto con il 37,7% dei voti, mentre Tjahnybok ha ricevuto 1,37% dei voti.[6][13]

Risultati di Tjahnybok nelle elezioni presidenziali del 2010

I risultati di Tjahnybok nelle elezioni presidenziali del 2010 per il partito All-ucraina dell'Unione "Libertà" ha ricevuto 352,282 voti, o 1,43% del totale.[14] Ha ricevuto la maggior parte dei suoi voti nelle oblast Halychyna fece -. Lviv Oblast, Ternopil oblast e Ivano-Frankivsk Oblast, e la sua quota di voto in questa regione è stato pari al cinque per cento delle schede totali.[15] Nel secondo turno, Tjahnybok non approva un candidato. Ha fatto presente un elenco di circa 20 richieste che secondo candidato turno Julija Tymošenko ha dovuto compiere prima di ottenere la sua approvazione - che comprendeva pubblicizzare presunti accordi segreti che Tymošenko aveva con Vladimir Putin e liberare se stessa di quella che chiamava Ucraina-haters nei suoi ambienti vicini.[16]

Nel corso del 2010, durante le elezioni locali ucraine, il partito di Tjahnybok ha vinto tra i venti e i trenta per cento dei voti in Galizia orientale dove è diventato una delle principali forze nel governo locale.[1][17]

Durante il 2012 le elezioni parlamentari ucraino Tjahnybok è stato rieletto (era primo candidato della sua lista di partito) per il parlamento ucraino, quando il suo partito ha vinto 38 seggi.[18][19][20] Tjahnybok è stato eletto leader della fazione parlamentare del partito.[21]

Nel giugno 2013, a Tjahnybok e a un altro leader del partito Svoboda gli viene impedito di entrare negli Stati Uniti per il loro aperto antisemitismo, secondo il giornale con sede a Kiev Sevodnya.[22]

Nel marzo 2014, la Russia ha lanciato un procedimento penale contro Tjahnybok e alcuni membri della Assemblea Nazionale ucraina-. Ukrainian National Self Defence per "organizzazione di una banda armata" e che presumibilmente aveva combattuto contro la 76a russo Guardie Air Assault Division nella prima guerra cecena.[23]

Nelle Elezioni presidenziali in Ucraina del 2014 ha ricevuto 1,16% dei voti.[24]

Nelle elezioni parlamentari dell'ottobre 2014 Tjahnybok era di nuovo il primo della lista elettorale del suo partito; dal momento che il partito, prendendo 4,71%, non riesce a superare la soglia del 5% per vincere posti sulla lista nazionale, egli non è stato rieletto in parlamento.[25][26]

Posizioni politiche[modifica | modifica wikitesto]

« A differenza sia dell'imperialismo che del globalismo, il nazionalismo moderno cerca un sano equilibrio tra sviluppo interno e le relazioni internazionali produttive. I nazionalisti troveranno sempre un linguaggio comune con i patrioti di altri paesi perché il vero nazionalismo significa sia l'amore della propria nazione che il rispetto per gli altri. Solo chi rispetta se stesso ha il potere di rispettare gli altri. » Tjahnybok in un'intervista del gennaio 2010 con il Business Ucraina.

Tjahnybok considera la Russia come la più grande minaccia dell'Ucraina.[8] Egli ha accusato la presidenza Medvedev di "fare la guerra virtuale sull'Ucraina lungo molti fronti -. Nel campo dell'informazione e del settore diplomatico, nel settore del commercio di energia e nelle pubbliche relazioni internazionali.".[1] È pro-NATO e critico dell'Unione europea, ma sostiene un'Europa delle nazioni libere. Secondo i sondaggi, entrambe le posizioni lo misero in contrasto con la maggioranza degli ucraini.[8] Tjahnybok vuole anche privare la Crimea del suo status autonomo e Sebastopoli del suo status speciale.[27][28]

Tjahnybok vuole introdurre una sezione "etnica" nei passaporti ucraini, iniziare un regime di visti con la Russia e richiedono ucraini per superare un test di lingua ucraina per lavorare nella pubblica amministrazione.[29]

Tjahnybok vuole ristabilire l'Ucraina come una potenza nucleare.[29] Si ritiene che questo avrebbe fermato la "guerra virtuale russa in Ucraina" (di cui sopra).[1]

Tjahnybok vuole che l'ucraino sia la lingua ufficiale dello stato di Ucraina, ma ritiene anche che non ci dovrebbero essere discriminazioni nei confronti delle minoranze linguistiche.[30]

Immaginario culturale e politico[modifica | modifica wikitesto]

Leader di opposizione Oleh Tjahnybok, Vitalij Kličko e Arsenij Jacenjuk, affronta i manifestanti, 27 novembre 2013

Nel corso di una visita di Tjahnybok a Sebastopoli, il 6 gennaio 2010, circa 1 500 attivisti di partiti e movimenti pubblici picchettarono il Business and Culture Center dove Tjahnybok ha avuto un incontro con gli elettori.[31]

Tyahnybok è stato votato "Persona dell'anno" 2012 dai lettori della rivista di notizie principale del paese, Korrespondent.[11] Tyahnybok è stato classificato 43º nella lista dei "Top 100 ucraini più influenti" di Korrespondent 2012.[32]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Ukrainian nationalist leader thriving in hard times Archiviato l'11 aprile 2015 in Internet Archive., Business Ukraine (20 gennaio 2011)
  2. ^ Katya Gorchinskaya, Svoboda tames radicals to get into parliament, in Kyiv Post. URL consultato il 22 novembre 2012.
  3. ^ (UK) 1984: радянський фільм про батька Тягнибока, in Ukraïns'ka pravda, 13 dicembre 2012. URL consultato il 20 maggio 2013.
  4. ^ a b c d e (EN) Олег Тягнибок, Ukrinform
  5. ^ a b Political Pulse: Presidential field takes shape, Kyiv Post (11 novembre 2009)
  6. ^ a b c d e f Shekhovtsov, Anton (2011)."The Creeping Resurgence of the Ukrainian Radical Right? The Case of the Freedom Party". Europe-Asia Studies Volume 63, Issue 2. pp. 226. DOI10.1080/09668136.2011.547696 (source also available here)
  7. ^ a b c Yushchenko Finally Gets Tough On Nationalists, The Jamestown Foundation (3 agosto 2004)
  8. ^ a b c Tyahnybok: Nationalist, fearful of Russia, favors NATO, Kyiv Post (29 ottobre 2008)
  9. ^ Interview published in the Ukrainian newspaper Silski Visti on 13 agosto 2004, source: Ukrainian MP denies inciting racial hatred., accessmylibrary.com (17 agosto 2004)
  10. ^ Ukrainian party picks xenophobic candidate Archiviato il 9 giugno 2012 in Internet Archive., Jewish Telegraphic Agency (25 maggio 2009)
  11. ^ a b c Svoboda: The rise of Ukraine's ultra-nationalists, BBC News (26 dicembre 2012)
  12. ^ http://www.ncsj.org/AuxPages/042005Ukr_letter.shtml[collegamento interrotto] Ukraine Notables Sign Anti-Semitic Letter, Anti-Semitism in Ukraine, NCSJ, 04.20.2005
  13. ^ Yan Liang, Ukraine's Kiev mayor wins re-election, in www.chinaview.cn, Xinhua, 29 maggio 2008. URL consultato il 16 giugno 2008 (archiviato dall'url originale il 18 febbraio 2009).
  14. ^ (EN) ЦВК оприлюднила офіційні результати 1-го туру виборів, Gazeta.ua (25 gennaio 2010)
  15. ^ (EN) Election results and map by region, Ukrainska Pravda (4 febbraio 2010)
  16. ^ Tymoshenko’s Looming Defeat: How Did She Make It Inevitable? Archiviato l'11 novembre 2013 in Internet Archive., Serhiy Kudelia (29 gennaio 2010)
  17. ^ Local government elections in Ukraine: last stage in the Party of Regions’ takeover of power, Centre for Eastern Studies (4 ottobre 2010)
  18. ^ Q&A:Ukrainian parliamentary election, BBC News (23 ottobre 2012)
  19. ^ Ukraine election:President Yanukovych party claims win, BBC News (29 ottobre 2012)
  20. ^ Parties spend over Hr 600 million on elections, according to report, Kyiv Post (16 novembre 2012)
  21. ^ Five factions, including Communist Party, registered in parliament, Kyiv Post (12 dicembre 2012)
  22. ^ [Ukrainian Far Right Nationalists Barred From U.S. for Anti-Semitic Hatred http://forward.com/articles/179415/ukrainian-far-right-nationalists-barred-from-us-fo/#ixzz3TzHrdPDj]
  23. ^ http://en.interfax.com.ua/news/general/195991.html
  24. ^ Poroshenko wins presidential election with 54.7% of vote - CEC, su nrcu.gov.ua, 29 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2014).
    (RU) Results election of Ukrainian president, Телеграф (29 maggio 2014)
  25. ^ Poroshenko Bloc to have greatest number of seats in parliament Archiviato il 10 novembre 2014 in Internet Archive., Ukrainian Television and Radio (8 novembre 2014)
    People's Front 0.33% ahead of Poroshenko Bloc with all ballots counted in Ukraine elections - CEC, Interfax-Ukraine (8 novembre 2014)
    Poroshenko Bloc to get 132 seats in parliament - CEC, Interfax-Ukraine (8 novembre 2014)
  26. ^ Template:Uk icon Party list All-Ukrainian Union "Freedom", Ukraïns'ka pravda (3 ottobre 2014)
  27. ^ Tyahnybok: Crimean autonomy should be cancelled[collegamento interrotto], Inter~Media (12 agosto 2008)
  28. ^ Nationalist presidential candidate in Ukraine calls for downgrading Crimea status, Kyiv Post (7 gennaio 2010)
  29. ^ a b Tiahnybok’s virulent brand of nationalism shows no strength, Kyiv Post (14 gennaio 2010)
  30. ^ The Media War Behind the Ukraine Crisis, The Moscow Times (11 marzo 2014)
  31. ^ 1,500 activists of over 10 parties protest arrival of nationalist leader in Sevastopol, Kyiv Post (6 gennaio 2010)
  32. ^ (RU) 43 место Олег Тягнибок, in Korrespondent. URL consultato il 20 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 14 maggio 2013).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN310712570
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie