Corpo Nazionale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Corpo Nazionale
Эмблема Национального корпуса.png
LeaderAndrіj Bіlec'kij
StatoUcraina Ucraina
SedeKiev
Fondazione14 ottobre 2016
IdeologiaNeonazismo
Nazionalismo
CollocazioneEstrema destra
Sito webnationalcorps.org/

Corpo Nazionale (in ucraino: Національний корпус?, traslitterato: Nacional'nyj korpus) è un partito politico ucraino neo-nazista fondato nel 2016 e guidato da Andrіj Bіlec'kij.[1] Le basi del partito sono formate dai veterani del Battaglione Azov della Guardia Nazionale Ucraina e dai membri del Corpo Civile Azov, un'organizzazione non governativa e non militare associata al battaglione.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 ottobre 2016 circa 300 delegati provenienti da tutta l'Ucraina hanno partecipato al congresso di fondazione del partito a Kiev . Il partito è stato inizialmente registrato come "Patrioti Ucraini" (in ucraino: Патріот України?). Il congresso ha eletto all'unanimità Andrіj Bіlec'kij (membro del parlamento ucraino) come leader, ed eletto Nazariy Kravchenko (Comandante della Guardia Nazionale di Azov) come vice leader e nominato membro del consiglio di governo del partito. Il congresso si è concluso con una "Marcia Nazionale", che ha organizzato con Pravyj Sektor (un'altra organizzazione di estrema destra). Circa 5.000 persone hanno preso parte alla marcia dalla Statua della Madre Patria (nel Museo della storia dell'Ucraina nella seconda guerra mondiale) alla Cattedrale di Santa Sofia. Alcuni dei manifestanti indossavano o portavano il simbolo giallo e blu con la runa Wolfsangel del Battaglione Azov; questo simbolo è associato alle Waffen-SS in Ucraina. Il 14 ottobre è il Giorno dei Difensori dell'Ucraina, giorno festivo dal 2015.[3]

Ideologia[modifica | modifica wikitesto]

Il partito promuove l'espansione dei poteri al Presidente dell'Ucraina conferendogli l'autorità di essere il Comandante Supremo delle Forze Armate dell'Ucraina oltre che il capo del governo .[2][4]

Il Corpo Nazionale è favorevole al ripristino dello status di potenza nucleare dell'Ucraina e alla nazionalizzazione delle imprese che erano di proprietà della RSS Ucraina quando l'Ucraina ha acquisito l'indipendenza nel 1991. È contro l'adesione dell'Ucraina all'Unione europea e alla NATO. Vuole creare l'Unione "Intermarium" con le nazioni del Mar Baltico e del Mar Nero (includendo Ucraina, Bielorussia, Polonia, Lituania, Lettonia, Estonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, eccetera) [5]). Il partito promuove inoltre l'espansione del porto d'armi e avviare una discussione pubblica sul ripristino della pena capitale per i casi di alto tradimento e l'appropriazione indebita di importi eccessivi di fondi governativi da parte dei funzionari.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]