S14 (gruppo ucraino)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

S14, noto anche come Sich[1] (in ucraino: С14 (Січ)?), è un gruppo ultra-nazionalista ucraino fondato nel 2010[2] che ha acquisito notorietà nel 2018 per essere stato coinvolto in violenti attacchi ai campi rom in Ucraina.[3][4][5]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

S14 nasce nel 2010 come ala giovanile del partito politico ultranazionalista Svoboda.[1]

S14 è stato uno dei gruppi di estrema destra attivi durante il movimento Euromaidan (novembre 2013-febbraio 2014).[1] Sono stati coinvolti in scontri violenti con i manifestanti filo-governativi.

All'inizio del 2018 la città di Kiev e l'S14 hanno firmato un accordo che consente all'S14 di istituire una "guardia municipale" per pattugliare le strade della città.[6]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo sostiene che S14 assomiglierebbe alla parola Sich, il nome dato ai centri amministrativi e militari per i cosacchi nel 16-18 secolo,[1] L'organizzazione Terrorism Research & Analysis Consortium, sostiene che il numero 14 nel nome del gruppo sia un riferimento allo slogan Quattordici parole coniato dallo statunitense suprematista bianco David Lane.[1][6] Il leader dell'S14, Yevhen Karas, si è difeso ripetutamente dalle accuse di professare l'ideologia nazista,[1] in quanto i suoi principali "scontri" sono avvenuti con "gruppi etnici non ucraini che controllavano le forze politiche ed economiche dell'Ucraina", a sui dire, i russi e gli ebrei.[1] Il politologo tedesco, Andreas Umland, ritiene che il gruppo S14 potrebbe qualificarsi come neonazista.[1] Radio Free Europe ha riferito, nel giugno 2018, che i membri del gruppo aveva espresso apertamente opinioni neonaziste.[3]

Nel 2017, S14 è stato accusato dall'attivista di sinistra contrario alla guerra del Donbass,[7][8] Stas Serhiyenko, di essere stato coinvolto nel suo accoltellamento.[9][6] Il giorno dopo il leader dell'S14, Karas, rivendica l'attacco, accusando Serhiyenko di aver sostenuto i disordini filo-russi del 2014 a Charkiv e l'annessione russa della Crimea nel 2014.[10]

Nel febbraio 2018, la pagina di S14 su facebook ha fatto un post in onore di Andriy Sereda, leader della band nazista "Komu Vnyz".[11]

Nel giugno 2018, S14 ha acquisito notorietà internazionale dopo esser stato coinvolto in violenti attacchi ai campi rom nei pressi di Leopoli.[3][4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h A Fine Line: Defining Nationalism and Neo-Nazism in Ukraine, Hromadske.TV, 10 May 2018. URL consultato l'11 febbraio 2019.
  2. ^ trackingterrorism.org, https://www.trackingterrorism.org/group/c14-aka-sich-ukraine. URL consultato l'11 febbraio 2019.
  3. ^ a b c Christopher Miller, Ukrainian Militia Behind Brutal Romany Attacks Getting State Funds, Radio Free Europe/Radio Liberty, 14 June 2018. URL consultato l'11 febbraio 2019.
  4. ^ a b Ukraine Roma camp attack leaves one dead, su bbc.com, 24 giugno 2018.
  5. ^ SBU opens case against C14 nationalists for detention of Brazilian mercenary – lawyer, in unian.info, 18 June 2018. URL consultato l'11 febbraio 2019.
  6. ^ a b c Josh Cohen, Commentary: Ukraine’s neo-Nazi problem, 20 March 2018. URL consultato l'11 febbraio 2019.
  7. ^ (RU) Волонтер рассказал об одном из "левых" студентов, бросивших тортом в замминистра финансов, in unian.net, 31 August 2016. URL consultato l'11 febbraio 2019.
  8. ^ (UK) rev.org.ua, http://rev.org.ua/zayava-start/. URL consultato l'11 febbraio 2019.
  9. ^ (RU) Template:Ill, https://strana.ua/news/67174-v-kieve-zhestoko-izbili-uchastnika-akcii-s-tortom-protiv-otmeny-stipendij.html. URL consultato l'11 febbraio 2019.
  10. ^ (UK) Template:Ill, https://censor.net.ua/blogs/1105081/chergove_safar_na_separv. URL consultato l'11 febbraio 2019.
  11. ^ Facebook post, su web.archive.org, 10 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2020).