Quattordici parole

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Le Quattordici Parole[1] costituiscono due slogan utilizzati da neonazisti e sostenitori del potere bianco ("white power").

I due slogan "We must secure the existence of our people and a future for White children" (dobbiamo assicurare l'esistenza del nostro popolo e un futuro per i bambini bianchi) e "Because the beauty of the White Aryan woman must not perish from the earth." (Poiché la bellezza della donna bianca ariana non deve sparire dalla terra) sono stati coniati da David Lane[1], un membro di un'organizzazione neonazista The Order. I due slogan vengono indicati semplicemente con il numero 14 e spesso vengono accostati al numero 88 (14/88). Il numero 88 ha una doppia valenza: esso si riferisce sia agli 88 precetti coniati da David Lane[1], sia alle 88 parole di un paragrafo situato nell'ottavo capitolo del primo libro del Mein Kampf di Adolf Hitler.[2] Oltretutto il numero 8 corrisponde alla lettera H dell'alfabeto inglese, e quindi 88 diventa la sigla HH, acronimo di Heil Hitler.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Le 14 parole e gli 88 precetti su daemuk.ch
  2. ^ A Normie’s Guide to the Alt-Right – Daily Stormer, su web.archive.org, 14 agosto 2017. URL consultato il 31 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 14 agosto 2017).
  3. ^ Hate symbols: 1488

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]