Rete filoviaria di Torino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rete filoviaria di Torino
Servizio di trasporto pubblico
Tipofilovia urbana
StatiItalia Italia
CittàTorino
Apertura1931
Chiusura1980
 
GestoreATM
Mezzi utilizzatifilobus articolato
 
Lunghezza24 km
Torino mappa rete filoviaria 1975.svg
linee filoviarie nel 1975
Trasporto pubblico

La rete filoviaria di Torino fu una rete di filoveicoli in esercizio nel capoluogo piemontese dal 1931 al 1980.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La rete filoviaria torinese fu progettata e costruita dalla Compagnia Generale di Elettricità, con l'obiettivo di integrare la vasta Rete tranviaria di Torino.

La prima linea, la Ponte del Gatto-Cavoretto, lunga 2,1 km, fu inaugurata il 28 gennaio 1931[1]. negli anni successivi la rete si estese fino a raggiungere i 12 km complessivi negli anni 1940. Le linee di filoveicoli erano:

  • 51 Via Lauro Rossi-stazione Stura
  • 52 Ponte del Gatto-Cavoretto
  • 53 Piazza Sabotino-Aeronautica
  • 55 Piazza Bengasi (Mirafiori)-Nichelino

I danni bellici furono ingenti e nel dopoguerra la rete fu ridisegnata ed estesa, fino a raggiungere nei primi anni 1970 i 24 km di lunghezza. Nel 1975 le linee erano 4:

  • 33 Via Paolo Sacchi-Aeronautica
  • 34 Largo Toscana-Piazza Bengasi
  • 35 (Lingotto) Via Fabio Filzi-Nichelino
    • 35/ Corso Spezia-Nichelino

Nella seconda metà degli anni settanta, visto lo stato di obsolescenza degli impianti, l'Azienda Torinese Mobilità (ATM) che ne gestiva il servizio decise che le 4 linee fossero trasformate in autolinee: la 35 nel 1975, la 33 nel 1976, e infine la 34 nel 1980.

Veicoli[modifica | modifica wikitesto]

Il tipo di filoveicolo utilizzato erano sia filobus semplici sia filobus articolato.

Numeri fino al 1941 Numeri dal 1941 Anno Telaio Carrozzeria Parte elettrica Note
E.1 a E.3 1001 a 1003 1931 Fiat 461 Fiat CGE
B.1 - 1932 Thilling Stevens O.M. Meridionali Thilling Stevens Benzofilobus
B.2 1019 1937 Fiat 656F/533 Fiat Marelli/CGE Benzofilobus
E.4 a E.12 1004 a 1012 1939 Fiat 656F/557 Fiat Marelli 2 unità vendute nel 1948 alla rete di Cuneo
E.13 1013 1940 Fiat 656F/557 Fiat SNOS Savigliano
E.14 1014 1941 Fiat 656F/557 Fiat Marelli
E.15 1015 1941 Fiat 656F/125 Fiat CGE
- 1021 a 1041 1942-1943 Fiat 672F/135 Fiat/OM CGE/TIBB
- 1016 1951 Fiat 656F/125 Fiat TIBB
- 1100 a 1111 1953-1955 Fiat 2401F Cansa CGE
- 1112 a 1121 1956 Fiat 2411F Cansa TIBB
- 1200 a 1214 1958 Fiat 2405F Viberti TIBB

Linee extraurbane[modifica | modifica wikitesto]

Oltre alla rete urbana, erano presenti due linee extraurbane di filobus articolati che collegavano il capoluogo con due importanti città, Chieri:

  • filovia Torino-Chieri, in esercizio dal 1951 al 1979 con capolinea in via Bava, sostituita dall'attuale linea 30 di autobus
  • filovia Torino-Rivoli, in esercizio dal 1955 al 1979 con capolinea all'angolo con corso principe Oddone, sostituita dall'attuale linea 36 di autobus

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolo Gregoris, Francesco Rizzoli, Claudio Serra, Giro d'Italia in filobus, Calosci - Cortona, 2003, pp. 47-50. ISBN 8877851937.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]