Rete filoviaria di Verona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rete filoviaria di Verona
Servizio di trasporto pubblico
Filobus Verona staz Porta Nuova.jpg
Vettura in sosta davanti alla stazione di Porta Nuova
Tiporete filoviaria urbana ed extraurbana
StatiItalia Italia
CittàVerona
Apertura1937
Chiusura1975
Linee impiegatenel 1964: 7
 
GestoreSAER (1937-1955)
AMT (1955-1975)
Mezzi utilizzativedi
 
Lunghezzanel 1964: 29,9 km
Elettrificazione600 V cc
Trasporto pubblico

La rete filoviaria di Verona fu in esercizio nella città scaligera dal 1937 al 1975.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1935, la rete tranviaria di Verona, il cui esercizio risultava deficitario da ormai cinque anni, fu ceduta in gestione dal Comune alla SAER, che decise per una sua riconversione in un sistema di filovie[1].

La prima linea filoviaria veronese, collegante le due stazioni di Porta Nuova e di Porta Vescovo passando per piazza delle Erbe, fu attivata il 9 maggio 1937. Ad essa, negli anni successivi, fecero seguito altre linee.

La trasformazione in filovie delle tranvie extraurbane veronesi e di una parte della Ferrovia Verona-Caprino fu approvata con Decreto ministeriale n. 3451 del 30 novembre 1955, che concretizzava quanto previsto dalla Legge n. 1221 del 5 agosto 1952. Le tratte interessate erano la Verona-Grezzana, Verona-San Bonifacio, Caldiero-Tregnago e Verona-Domegliara[2].

Dopo il periodo bellico, che lasciò ingenti danni, la rete fu riparata e ampliata, e il 31 dicembre 1955 la gestione passò dalla SAER alla municipalizzata AMT.

Il declino della rete iniziò alla fine degli anni sessanta; le ultime linee cessarono l'esercizio nel maggio 1975.

La rete extraurbana[modifica | modifica wikitesto]

Oltre alla rete urbana, era presente una vasta rete extraurbana, elettrificata alla tensione di 1200 V, costituita dalle seguenti linee[3]:

  • Verona-Domegliara, 19,520 km, in esercizio dal 1961 al 1979, realizzata in sostituzione della prima tratta della ferrovia Verona-Caprino-Garda;
  • Verona-Grezzana, 9,400 km, in esercizio dal 1958 al 1980, realizzata in sostituzione della preesistente tranvia Verona-Grezzana;
  • Verona-San Bonifacio, 22,992 km, in esercizio dal 1959 al 1981, realizzata in sostituzione della preesistente tranvia Verona-Caldiero-San Bonifacio;
  • Bivio Villabella-Soave, 1,692 km, in esercizio dal 1959 al 1981, realizzata in sostituzione della preesistente tranvia Verona-Caldiero-San Bonifacio e diramazione della filovia Verona-San Bonifacio;
  • Verona-Tregnago, 12,325 km, in esercizio dal 1959 al 1980, realizzata in sostituzione della preesistente tranvia Caldiero-Tregnago.

Per il servizio vennero acquistati 21 filobus articolati a tre assi (201÷221) costruiti dalle Officine Meccaniche della Stanga su telaio FIAT 2405 con equipaggiamenti elettrici TIBB, contraddistinti da un caratteristico schema di coloritura rosso/panna. Ad essi si aggiunsero tre filobus FIAT 2405 Macchi/CGE a due assi (301÷303), che non si mostrarono affidabili e furono dunque precocemente accantonati e ulteriori 5 filobus articolati (222÷226) sostanzialmente analoghi ai precedenti.

Veicoli utilizzati[modifica | modifica wikitesto]

Rete urbana[modifica | modifica wikitesto]

Numeri sociali Costruzione Radiazione Telaio Carrozzeria Equipaggiamento elettrico Note
151-169 1937 1961 Breda 80/2 Breda Breda
191-198 1938 1973 Fiat 656F Cansa CGE Acquistati nel 1962 dalla rete di Firenze
200-205 1941 1961 Breda GU Breda Breda
206-208 1949 1973 Fiat 668F/131 Cansa Marelli
209-224 1953-1954 1973 Breda 2G Breda Breda
225-230 1957 1975 Fiat 2411 Viberti TIBB Venduti nel 1975 alla rete di Bari
231-234 1961 1975 Fiat 2411 Cansa TIBB Venduti nel 1975 alla rete di Bergamo
135-136 1961 1975 Fiat 2411 Cansa TIBB Venduti nel 1975 alla rete di Bergamo
137-138 1963 1975 Fiat 2405 Casaro TIBB Venduti nel 1975 alla rete di Bari
139-144 1963 1975 Fiat 2405 Casaro CGE Venduti nel 1975 alla rete di Bari
145-156 1966 1975 Fiat 2411 Cansa CGE Venduti nel 1975 alle reti di Bergamo e di Salerno

Rete extraurbana[modifica | modifica wikitesto]

Numeri sociali Costruzione Radiazione Telaio Carrozzeria Equipaggiamento elettrico Note
201-221 1958 1981 Fiat 2405 Stanga TIBB Filoarticolati
222-226 1963 1981 Fiat 2405 Stanga TIBB Filoarticolati
301-303 1963 1980 Fiat 2405 Macchi CGE

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Quando a Verona c'erano i tram, in Mondo ferroviario, n. 45, marzo 1990, p. 10.
  2. ^ Giorgio Chiericato, Le filovie di Verona, op. cit.
  3. ^ Gregoris, Rizzoli, Serra, op. cit., pp. 118-122.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolo Gregoris, Francesco Rizzoli, Claudio Serra, Giro d'Italia in filobus, Calosci - Cortona, 2003, pp. 113-117. ISBN 8877851937.
  • Giorgio Chiericato, Le filovie di Verona, in Mondo ferroviario, n. 11, febbraio 1987, p. 4.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]