Rete A 1

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Rete A 1 è uno dei multiplex della televisione digitale terrestre a diffusione nazionale presenti nel sistema DVB-T italiano. Appartiene a Persidera, una joint-venture che vede coinvolte Telecom Italia e GEDI Gruppo Editoriale.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il multiplex Rete A 1 trasmette in SFN sul canale 44 della banda UHF V, ad eccezione della Liguria, della Toscana, dell'Umbria, della provincia di Viterbo e della Sardegna dove trasmette in SFN sul canale 32 della banda UHF IV.

La copertura del territorio nazionale non è completa; attualmente in Italia sono presenti 735 impianti che trasmettono il mux Rete A 1.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004 Rete A è stata acquistata dal Gruppo editoriale L'Espresso assumendo, prima, il nome di All Music e in seguito Deejay TV.

2008[modifica | modifica wikitesto]

  • 25 giugno 2008: inserito Second TV.

2009[modifica | modifica wikitesto]

2010[modifica | modifica wikitesto]

2011[modifica | modifica wikitesto]

2012[modifica | modifica wikitesto]

2013[modifica | modifica wikitesto]

2014[modifica | modifica wikitesto]

2015[modifica | modifica wikitesto]

2016[modifica | modifica wikitesto]

2017[modifica | modifica wikitesto]

2018[modifica | modifica wikitesto]

2019[modifica | modifica wikitesto]

2020[modifica | modifica wikitesto]

Servizi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Sul multiplex Rete A 1 sono presenti canali televisivi e radiofonici gratuiti dei gruppi Discovery Italia, Sky Italia, Viacom, Mediaset e d'altri editori.

Canali televisivi[modifica | modifica wikitesto]

LCN Canale Note
9
109
509
NOVE FTA
26 cielo
27 Paramount Network
50 Sky TG 24
55 Mediaset Extra
56 HGTV - Home & Garden
63 Zelig Sport
69
569
Deejay TV FTA (HDTV)

Canali radiofonici[modifica | modifica wikitesto]

LCN Canale Note
789 Radio Maria FTA

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gli impianti in Italia - Pagina 234, su www.digital-forum.it. URL consultato il 3 ottobre 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]