Pizzo del Diavolo di Tenda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pizzo del Diavolo di Tenda
Pizzo del Diavolo di Tenda.JPG
Il Pizzo del Diavolo di Tenda visto dal Passo della Selletta
StatoItalia Italia
RegioneLombardia Lombardia
ProvinciaBergamo Bergamo
Sondrio Sondrio
Altezza2 914 m s.l.m.
CatenaAlpi
Coordinate46°02′43″N 9°54′29.5″E / 46.045278°N 9.908194°E46.045278; 9.908194Coordinate: 46°02′43″N 9°54′29.5″E / 46.045278°N 9.908194°E46.045278; 9.908194
Altri nomi e significati"Il Cervino Bergamasco"
Data prima ascensioneSettembre 1870
Autore/i prima ascensioneAlessandro Rossi. Prima salita invernale di Antonio Baroni.
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Pizzo del Diavolo di Tenda
Pizzo del Diavolo di Tenda
Mappa di localizzazione: Alpi
Pizzo del Diavolo di Tenda
Dati SOIUSA
Grande ParteAlpi Orientali
Grande SettoreAlpi Sud-orientali
SezioneAlpi e Prealpi bergamasche
SottosezioneAlpi Orobie
SupergruppoAlpi Orobie Orientali
GruppoGruppo di Coca
SottogruppoGruppo del Pizzo del Diavolo
CodiceII/C-29.I-A.2.c

Il Pizzo del Diavolo di Tenda è una montagna situata nelle Alpi Orobie lungo lo spartiacque che divide la Provincia di Bergamo dalla Provincia di Sondrio, e segna il punto di demarcazione tra val Brembana a sud-ovest, valle Seriana a sud-est e Valtellina a nord. Ha una particolare forma piramidale che lo rende ben riconoscibile, anche per la presenza di una seconda cima quasi speculare alla principale, chiamata Diavolino. Con i suoi 2.914 m s.l.m., il pizzo è la vetta più alta della Val Brembana e la nona vetta in ordine di altezza delle Alpi Orobiche dopo il Pizzo Coca (3.050 m), il Pizzo Redorta (3.038 m), la Punta Scais (3.038 m), il Torrione Curò (3.010 m) , il Pizzo Porola (2.981 m) , il Pizzo del Diavolo della Malgina (2.924 m) , le Cime di Arigna (2.925 m) e il Dente di Coca (2.924 m).

Accessi[modifica | modifica wikitesto]

Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero generare situazioni di pericolo o danni. Le informazioni hanno solo fine illustrativo, non esortativo né didattico. L'uso di Wikipedia è a proprio rischio: leggi le avvertenze.

La via più rapida per raggiungere la vetta da sud parte da Carona, in Val Brembana, dove si prende il sentiero per il Rifugio Fratelli Calvi (strada carrabile parzialmente cementata in alcuni tratti). Giunti al rifugio si scende al Lago Rotondo e si prende il sentiero che dà verso nord in direzione del Passo di Valsecca - Rifugio Baroni al Brunone. Raggiunta la vallata che si apre verso il Passo di Valsecca, anziché seguire in direzione del passo (direzione est) bisogna salire verso nord. Si segue quindi il sentiero tracciato in mezzo ai detriti sui quali giaceva la vedretta del Diavolo di Tenda, ormai completamente sciolta, e si prosegue su per la pietraia fino a giungere alla Bocchetta di Podavit (2.624 m), che segna il confine tra le province di Bergamo e Sondrio. Una volta arrivati alle rocce ci si arrampica seguendo la costa nord/ovest della montagna fino a raggiungere la vetta.

Il percorso, che prevede un dislivello di circa 1.800 metri, è fattibile in circa 6 ore per l'andata e in 4 ore per il ritorno.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]