Paolo Tofoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paolo Tofoli
Polo Tofoli.JPG
Nazionalità Italia Italia
Altezza 188 cm
Pallavolo Volleyball (indoor) pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex palleggiatore)
Squadra Emma Villas Siena
Ritirato 2009 - giocatore
Carriera
Giovanili
1983-1985 Virtus Fano
Squadre di club
1985-1990 Petrarca Padova
1990-1997 Volley Treviso
1997-1998 4Torri Ferrara
1998-2001 Roma Volley
2001-2005 Trentino Volley
2005-2006 Perugia Volley
2006-2009 M. Roma Volley
Nazionale
1987-2004 Italia Italia 342
Carriera da allenatore
2010-2011 Robursport Pesaro
2012-2013 Volley Brolo
2013 Italia Italia (vice)
2013-2016 Tuscania Volley
2016- Emma Villas Siena
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Argento Atlanta 1996
Bronzo Sydney 2000
Argento Atene 2004
Transparent.png Campionati mondiali di pallavolo maschile
Oro Rio De Janeiro 1990
Oro Atene 1994
Transparent.png Campionati europei di pallavolo maschile
Oro Svezia 1989
Oro Finlandia 1993
Oro Grecia 1995
Oro Austria 1999
Argento Germania 1991
 

Paolo Tofoli (Fermo, 14 agosto 1966) è un ex pallavolista e allenatore di pallavolo italiano.

È uno dei giocatori più vincenti nella storia della pallavolo italiana, avendo fatto parte della formazione che ha dato il via al ciclo vincente della Nazionale ("Generazione di fenomeni").

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Pallavolista[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce in Serie A1 nella stagione 1984-85 con la maglia della Petrarca Pallavolo, dopo aver iniziato con la Virtus Volley Fano in Serie B. Negli anni novanta ottiene le sue maggiori vittorie con il Volley Treviso (scudetti 1993-94 e 1995-96) e la Piaggio Roma (scudetto 1999-00).

Il 21 luglio 2009, dopo ventiquattro anni di attività, annuncia il suo ritiro dall'attività agonistica.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1985, con la maglia della nazionale juniores, raggiunge il secondo posto al mondiale di categoria. Esordisce con la maglia della Nazionale maggiore il 22 maggio 1987 a Montichiari, nell'amichevole vinta dagli azzurri per 3-0 contro la Polonia.

Con la maglia azzurra ha disputato 342 partite, ottenendo 27 medaglie in competizioni internazionali (17 d'oro) e tre ai Giochi olimpici (due argenti e un bronzo).

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Intraprende la carriera di allenatore nella stagione 2010-11, ingaggiato dalla Robursport Volley Pesaro in A1 femminile con cui conquista la Supercoppa italiana 2010, ma viene poi esonerato nel corso dell'annata successiva. Nel campionato 2012-13 passa ad allenare il Volley Brolo, società siciliana partecipante al campionato nazionale maschile di Serie A2. Al termine della stagione, dopo aver raggiunto la salvezza con la formazione isolana, lascia l'incarico per assumere quello di viceallenatore della nazionale femminile, dove rimane per la sola estate 2013. Nell'estate 2013 accetta l'offerta della formazione di Serie B1 della Tuscania Volley, raggiungendo nella prima stagione la promozione Serie A2 e guidando nei due anni successivi la squadra laziale nel secondo campionato nazionale. Nell'annata 2016-17 siede sulla panchina della formazione senese dell'Emma Villas Volley.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Su Tofoli il giornalista sportivo Silio Rossi ha pubblicato il libro Paolo Tofoli, il fuoco e la poesia (2008).


Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Tofoli nel ruolo di allenatore di Pesaro

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Treviso: 1993-1994, 1995-1996
Roma: 1999-2000
Treviso: 1992-1993

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Treviso: 1994-1995
Treviso: 1993-1994
Roma: 2007-2008
Treviso: 1990-1991, 1992-1993
Roma: 1999-2000
Treviso: 1994

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Pesaro: 2010

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 25 luglio 2000. Di iniziativa del Presidente della repubblica.[1]
Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 27 settembre 2004. Di iniziativa del Presidente della repubblica.[2]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Punti Comp Pres Punti Comp Pres Punti Comp Pres Punti Pres Punti
1983-1984 Italia Virtus Volley Fano B  ?  ? - - - - - - - - -  ?  ?
1984-1985 B  ?  ? - - - - - - - - -  ?  ?
1985-1986 Italia Petrarca Padova A1  ?  ? CI  ?  ? - - - - - -  ?  ?
1986-1987 A1  ?  ? - - - - - - - - -  ?  ?
1987-1988 A1  ?  ? CI  ?  ? - - - - - -  ?  ?
1988-1989 A1 2 8 CI  ?  ? - - - - - -  ?  ?
1989-1990 A1 31 101 CI  ?  ? - - - - - -  ?  ?
1990-1991 Italia Sisley Treviso A1 26 90 - - - CEV  ?  ? - - -  ?  ?
1991-1992 A1 31 101 CI  ?  ? - - - - - -  ?  ?
1992-1993 A1 30 127 CI  ?  ? CEV  ?  ? - - -  ?  ?
1993-1994 A1 35 167 CI  ?  ? CdC  ?  ? - - -  ?  ?
1994-1995 A1 30 111 CI  ?  ? CC+SE  ?+?  ?+? - - -  ?  ?
1995-1996 A1 31 85 CI  ?  ? CC+SE  ?+?  ?+? - - -  ?  ?
1996-1997 A1 31 85 CI+SI  ?+?  ?+? CC  ?  ? - - -  ?  ?
1997-1998 Italia 4Torri Ferrara A1 25 81 CI  ?  ? - - - - - -  ?  ?
1998-1999 Italia Roma Volley A1 25 70 CI  ?  ? CEV  ?  ? - - -  ?  ?
1999-2000 A1 33 49 CI  ?  ? CEV  ?  ? - - -  ?  ?
2000-2001 A1 33 49 CI+SI  ?+?  ?+? ECL+SE  ?+?  ?+? - - -  ?  ?
2001-2002 Italia Trentino Volley A1 26 41 CI  ?  ? - - - - - -  ?  ?
2002-2003 A1 31 67 CI  ?  ? - - - - - -  ?  ?
2003-2004 A1 30 49 CI  ?  ? - - - - - -  ?  ?
2004-2005 A1 26 37 CI  ?  ? TTC+CEV  ?+?  ?+? - - -  ?  ?
2005-2006 Italia Perugia Volley A1 28 17 CI  ?  ? ECL  ?  ? - - -  ?  ?
2006-2007 Italia M. Roma Volley A1 31 32 CI  ?  ? - - - - - -  ?  ?
2007-2008 A1 30 9 CI+SI  ?+?  ?+? CEV  ?  ? - - -  ?  ?
2008-2009 A2 30 9 CI-A2  ?  ? - - - - - -  ?  ?

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Paolo Tofoli, quirinale.it. URL consultato l'8 aprile 2011.
  2. ^ Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Paolo Tofoli, quirinale.it. URL consultato l'8 aprile 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]