Claudio Galli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Claudio Galli
Zorzi, Galli, Dvorak - Mediolanum Milano 1990-91.jpg
Da sinistra: Zorzi, Galli e Dvorak al Gonzaga Milano nella stagione 1990-1991
Nazionalità Italia Italia
Altezza 195 cm
Pallavolo Volleyball (indoor) pictogram.svg
Ruolo Centrale
Termine carriera 2000
Carriera
Squadre di club
1981-1984Milano Vittorio Veneto
1984-1987Gonzaga Milano
1987-1990Parma
1990-1994Gonzaga Milano
1994-1998Cuneo
1999-2000Parma
Nazionale
1986-1996Italia Italia214
Palmarès
Wikiproject Europe (small).svg Europei
Oro Turku 1993
Transparent.png World League
Oro Milano 1991
Oro Genova 1992
Transparent.png Grand Champions Cup
Oro Tokyo 1993
Statistiche aggiornate al 2009

Claudio Galli (Milano, 12 luglio 1965) è un ex pallavolista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Dopo avere giocato tra Serie B e A2 con il Milano Vittorio Veneto, squadra dell'omonimo liceo milanese, esordì in Serie A1 nella stagione 1984-85 con i concittadini del Gonzaga Milano; con la squadra biancorossa vinse il suo primo trofeo, la Coppa CEV del 1987. Quando il club fu travolto da una crisi economica, Galli passò al Parma con cui vinse lo scudetto 1989-90, una Coppa Italia, tre Coppe delle Coppe, due Supercoppe europee e un mondiale per club. Con la rinascita del Gonzaga, nel frattempo entrato nella Polisportiva Mediolanum, tornò in Lombardia all'inizio della stagione 1990-91 vincendo altri 2 mondiali di club e una Coppa delle Coppe.

Dopo il secondo periodo milanese passò al Cuneo dove rinfoltì il suo palmarès con le vittorie di 1 Coppa Italia, 1 Coppa CEV, 2 Coppe delle Coppe, 2 Supercoppe europee e 1 Supercoppa italiana; abbandonò una prima volta la pallavolo nel 1998, per poi tornare sui suoi passi e scendere in campo ancora per una stagione, con il Parma, nel campionato 1999-00.

Giocò anche a beach volley partecipando a una tappa del World Tour, e rappresentando l'Italia in una tappa del circuito europeo nel 1994; nello stesso anno arriva secondo al campionato italiano in coppia con Antonio Babini.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Esordì in nazionale ad Aosta il 18 marzo 1986, nella partita vinta dall'Italia contro l'Argentina per 3-2. Vi giocò fino al 1996, facendo parte della cosiddetta generazione di fenomeni con cui collezionò oltre 200 presenze.

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Commenta come parte tecnica alcune partite della Superlega maschile e della A1 femminile per Rai Sport. Milita inoltre nella nazionale Over 40 con cui ha vinto 2 Campionati Europei Veterans (2007 e 2009).

Nel 2011 scrive la prefazione del libro Visto da dentro[1] sulla storia della squadra di Parma, di cui Claudio Galli è stato capitano per due anni.

Il 15 maggio 2020 pubblica il libro In viaggio con i fenomeni[2] dove spiega i segreti che hanno caratterizzato il gruppo di pallavolisti della nazionale italiana degli anni 90, ribattezzata generazione di fenomeni.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

1989-90
1989-90, 1995-96
1996
1987-88, 1988-89, 1989-90, 1992-93, 1996-97, 1997-98
1986-87, 1995-96
1989, 1990, 1996, 1997
1989, 1990, 1992

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • In viaggio con i fenomeni. L'era d'oro del volley italiano raccontata da uno dei protagonisti, Gianluca Iuorio Urbone Publishing, 2020, ISBN 9788832230239.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mario Salvini, Visto da dentro, su chepalle.gazzetta.it, 27 giugno 2011.
  2. ^ Andrea Giambartolomei, Claudio Galli racconta i segreti della “generazione di fenomeni” del volley, su ilfattoquotidiano.it, 12 luglio 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]