M. Roma Volley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
M. Roma Volley
Pallavolo Volleyball (indoor) pictogram.svg
Logo M Roma Volley.png
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Nome sponsorizzato M. Roma Volley
Colori sociali 600px Verde Lime e Nero.png Verde lime e nero
Dati societari
Città Roma
Paese Italia Italia
Confederazione CEV
Federazione FIPAV
Campionato Serie B2
Fondazione 2006
Presidente Italia Massimo Mezzaroma
Palazzetto Palazzetto dello Sport
(3.500 posti)
Palmarès
Coppa CEV trophy.svg
Titoli nazionali 1 Campionato Serie A2
Trofei internazionali 1 Coppa delle Coppe/Coppa CEV
Titoli giovanili 1 Scudetto Under-18
Altri titoli 1 Coppa Italia Serie A2
Si invita a seguire le direttive del Progetto Pallavolo

La M. Roma Volley è una società pallavolistica maschile di Roma nata nel 2006 per volere di Massimo Mezzaroma, con l'intento di riportare il volley di Serie A nella capitale italiana. In pochi anni seppe conquistare diversi trofei, di cui uno a livello continentale, ma dal 2012 ha abbandonato la pallavolo di alto livello, disputando attualmente il campionato di Serie B2, dopo essere scesa anche nel campionato regionale di Serie C laziale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il panorama pallavolistico romano vide, negli anni 2000, il declino della Roma Volley, campione d'Italia nel campionato 1999-2000. Questa formazione, dopo la retrocessione, rinunciò a proseguire l'attività nel 2002, lasciando la capitale senza una squadra di vertice. Il grande successo di pubblico del Campionato europeo del 2005, le cui finali si tennero al PalaLottomatica, stimolò l'industriale romano Massimo Mezzaroma a riproporre la pallavolo di alto livello a Roma, dandò così inizio al progetto di fondazione della M. Roma Volley.

La nascita della nuova società, della quale si era cominciato a parlare durante tutta la stagione 2005-06, si verificò grazie all'acquisizione dei diritti della neopromossa Pallavolo Reima di Crema che, per mancanza di mezzi economici, rinunciò alla promozione in A1 (la stessa Crema acquisì i diritti di A2 da Gioia del Colle). Nello stesso anno, curiosamente, vi fu il ritorno del volley di alto livello anche nella seconda metropoli italiana, Milano, con la Sparkling.

La squadra poté godere, già dal primo anno di vita, d'una formazione competitiva messa insieme nel corso di un'importante campagna acquisti estiva; il progetto pluriennale prevedeva di arrivare alla vittoria dello scudetto nell'arco cinque anni. L'alzatore Paolo Tofoli, capitano della squadra, e lo schiacciatore cubano Osvaldo Hernandèz, che avevano vinto lo scudetto del 2000 con la maglia della Piaggio, fecero così ritorno nella capitale. Primo acquisto e "uomo immagine" fu il centrale della Nazionale italiana Luigi Mastrangelo, cui si unirono altri due azzurri, Cristian Savani e Andrea Semenzato; per il ruolo di allenatore fu scelto Roberto Serniotti.

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Serie A1 2006-2007 (pallavolo maschile).

La prima stagione vide la formazione capitolina arrivare in finale di Coppa Italia, dove fu sconfitta per 3-0 dalla Sisley Treviso[1], dopo aver sconfitto nei quarti di finale l'Acqua Paradiso Gabeca Montichiari (3-2) e in semifinale la Maggiora Latina (3-1). La squadra si qualificò poi ai play-off scudetto, avendo chiuso la stagione regolare al secondo posto in classifica, dietro la BreBanca Lannutti Cuneo e dopo essere stata a lungo in testa. Nei quarti i neroverdi superarono la Prisma Taranto, giunta settima, con un facile 2-0, frutto di due vittorie per 3-1 al Palazzetto dello Sport e in trasferta.

In semifinale la M. Roma incontrò i campioni in carica di Treviso, giunti al terzo posto in stagione regolare subito dietro alla formazione capitolina. Nella prima gara, giocata a Roma, la formazione di casa si portò sul 2-0, prima di subire la rimonta dei trevigiani, che si aggiudicarono il match per 3-2. Nelle due gare successive Roma non riuscì a reagire, subendo due sconfitte (entrambe per 3-1); la serie si concluse così per 3-0 in favore dei futuri Campioni d'Italia. Nonostante l'eliminazione in semifinale, la squadra capitolina si qualificò per disputare nella stagione successiva la Coppa CEV.

La squadra schierata all'inizio della prima gara casalinga della sua storia.

Il mercato estivo della M. Roma puntò a rafforzare l'organico della squadra e a mettere a disposizione del confermato coach Serniotti una rosa più folta per poter affrontare il doppio impegno in campionato e coppa. I colpi di mercato della squadra romana furono l'ingaggio del palleggiatore Manuel Coscione, dello schiacciatore cubano Leonel Marshall e dell'opposto serbo Ivan Miljković; la società scelse di dare in prestito due dei suoi più giovani giocatori italiani: il palleggiatore Ivan Zaytsev e lo schiacciatore Matteo Martino, rispettivamente a Latina e Milano.

Il primo impegno stagionale la M. Roma fu la Supercoppa italiana (in qualità di finalista di Coppa Italia), e a Trieste, il 23 settembre 2007, incontrò nuovamente la Sisley Treviso. La gara contro la corazzata campione d'Italia terminò con una netta sconfitta per 3-0[2]. Nel corso della stagione la squadra raggiunse nuovamente la finale di Coppa Italia, ma fu nuovamente sconfitta per 3-0, questa volta dalla Lube Banca Marche Macerata[3], dopo aver sconfitto nei quarti di finale la Copra Piacenza per 3-1 e in semifinale la Sisley Treviso, sempre per 3-1.

Il 24 marzo 2008 la squadra conquistò il primo trofeo della sua storia aggiudicandosi la Coppa CEV. Nella Final Four, disputata proprio a Roma, la squadra neroverde sconfisse per 3-0 in semifinale i russi del Fakel Novyj Urengoj, detentori del trofeo, ed in finale i belgi del Noliko Maaseik, con lo stesso parziale[4]. Diversi giocatori della squadra capitolina ricevettero premi individuali: l'alzatore Coscione fu nominato MVP, lo schiacciatore Ivan Miljković Miglior attaccante e il centrale Luigi Mastrangelo per il Miglior servizio e il Miglior muro.

La squadra concluse la stagione regolare al quarto posto, dopo essere stata a lungo in testa al campionato. Un netto calo di rendimento fu accusato nelle ultime giornate, ma nonostante ciò la squadra riuscì a superare al primo turno dei playoff Macerata, giunta al quinto posto in regular season. Vincendo la gara casalinga per 3-0 e quella in trasferta per 3-2 (dopo essere stata sotto 0-2), la M. Roma passò i quarti di finale. In semifinale dovette affrontare l'Itas Diatec Trentino, prima in stagione regolare, perdendo la serie per 2-0 con un doppio 3 a 0.

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Serie A2 2008-2009 (pallavolo maschile).

L'11 giugno 2008 la M. Roma Volley non si iscrisse al successivo campionato, rinunciando di fatto alla partecipazione alla Serie A1 2008-09.[5][6]. Questa scelta fu dovuta allo scarso interesse dimostrato delle autorità locali per la pallavolo, problema questo che fu incontrato già diverse volte dalle formazioni delle grandi metropoli italiane. Il presidente Mezzaroma, sull'accaduto, disse:

« Ho cercato di dimostrare che il nostro era un progetto serio, ma nessuno ci ha seguito, di aiuti concreti se ne sono visti pochi o nulla. […] Sono molto amareggiato perché in questi due anni mi sono reso conto che il mondo della pallavolo non è fatto per le grandi città, merita di stare in provincia. »
(Massimo Mezzaroma, corriere dello sport.it, 11 giugno 2008)

Il 27 giugno la società decise di presentare alla Lega Pallavolo Serie A la richiesta d'iscrizione alla Serie A2 2008-09, mantenendo inoltre il suo impegno nel settore giovanile. Il nuovo allenatore fu scelto il 30 giugno in Ermanno Piacentini, e per la squadra vennero richiamati nella capitale due romani come Simone Spesca e Alberto Elia, entrambi cresciuti nelle giovanili della scomparsa Roma Volley. Dopo essere arrivata al nono posto in classifica al termine della regular season, l'ultimo utile per qualificarsi ai play-off, la M. Roma avanzò sconfiggendo 2-1 al primo turno i Volley Lupi Santa Croce (giunta al secondo posto), ma perse poi con lo stesso risultato nelle semifinali contro Gioia del Colle. La stagione 2007-2008 non fu però completamente avaro di soddisfazioni: la formazione Under-18, infatti, conquistò il titolo di Campione d'Italia di categoria.

Nel 2009 la squadra ingaggiò un nuovo allenatore, con l'intento di tornare nella stagione successiva in Serie A1: il 10 giugno 2009 venne annunciato l'arrivo di Andrea Giani. Dopo pochi mesi il nuovo allenatore conquistò, nella finale di Montecatini Terme, la Coppa Italia Serie A2, sconfiggendo per 3-0 la Zinella Volley Bologna[7]. La squadra di Mezzaroma (nel frattempo diventato presidente anche dell'Associazione Calcio Siena[8]) terminò la regular season con il 3º posto finale, permettendo la partecipazione ai play-off promozione. La squadra conquistò la promozione in Serie A1 sconfiggendo in sole due partite di finale la Samgas Crema[9] (curiosamente la squadra dalla quale venne acquistato il diritto sportivo che diede il via all'avventura della M. Roma Volley).

Per la nuova avventura nella massima serie vennero effettuati degli acquisti di spicco: gli arrivi principali risposero ai nomi di Martin Lébl, Mirko Corsano ed Alberto Cisolla, tutti provenienti dalla Lube Macerata. Con l'8º posto al termine della stagione regolare, la formazione capitolina tornò a disputare i play-off scudetto, ma dovette subito fermarsi durante il girone a 3 squadre dei quarti di finale, terminato alle spalle della Trentino Volley. La stagione si concluse con due ulteriori sconfitte nei play-off per l'ingresso in Challenge Cup, patite entrambe contro Belluno.

Nell'estate del 2012, dopo due anni in Serie A1, avvenne la seconda rinuncia alla massima serie nella storia della società. Questa volta il club ripartì dalla Serie B2, e si presentò con una squadra prettamente giovanile e naturalmente senza giocatori illustri. Il girone F della Serie B2 si rivelò particolarmente difficile, e a fine stagione si conteranno sole 8 vittorie su 26 partite e, con 26 punti finali, la squadra retrocesse in Serie C, abbandonando di fatto la pallavolo professionistica.

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria della M. Roma Volley
Semifinale dei play-off scudetto.
Finale di Coppa Italia.
Semifinale dei play-off scudetto.
Sconfitta in Supercoppa italiana.
Finale di Coppa Italia.
Coppa CEV trophy.svg Vincitrice della Coppa CEV (1º titolo).
  • 2008: Rinuncia all'iscrizione in Serie A1.
Red Arrow Down.svg Retrocessione in Serie A2.
Semifinale dei play-off promozione.
Semifinale di Coppa Italia A2.
Scudetto.svg Campione d'Italia Under-18.
Green Arrow Up.svg Vincitrice dei play-off promozione.
Coccarda Italia.svg Vincitrice della Coppa Italia A2 (1º titolo).

2º posto nel girone A dei quarti di finale del play-off scudetto.
Semifinle dei play-off d'ingresso in Challenge Cup.
  • 2012: Rinuncia all'iscrizione in Serie A1.
Red Arrow Down.svg Ripartenza dalla Serie B2.
Red Arrow Down.svg Retrocessione in Serie C.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[10]

2009-10
2009-10

Competizioni internazionali

2007-08

Giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Pallavolisti della M. Roma Volley
Gigi Mastrangelo, centrale dei primi due anni in Serie A1.
Ivan Miljković, opposto dal 2007 al 2008.
Logo M Roma Volley.png
Giocatori illustri

Campionati disputati[modifica | modifica wikitesto]

La società venne fondata nel 2006, e grazie all'acquisizione del diritto sportivo di una neopromossa, partecipò subito alla Serie A1. Dopo due anni di militanza in Serie A2 ritornò, nel 2010, nella massima serie, per poi ripartire dalla Serie B2 due anni più tardi e dalla Serie C l'anno successivo.

Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione

A1

4 2006-2007 2011-2012

A2

2 2008-2009 2009-2010

B2

1 2012-2013 2012-2013

C

1 2013-2014 2013-2014

Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante il monopolio del calcio nel panorama della tifoseria romana, gli appassionati di volley sono molto legati alla loro formazione, seguendola durante le lunghe trasferte di campionato. Fin dal primo anno di vita, il 2006, la tifoseria della M. Roma Volley è legata da rapporti di amicizia con quella della Trentino Volley[11]. Questo gemellaggio si è mantenuto vivo anche durante gli anni di militanza della squadra romana in Serie A2. A testimonianza di ciò vi è un significativo fatto avvenuto il 31 gennaio 2010 a Montecatini Terme, sede delle finali di Coppa Italia A1 e A2: appena conquistato il trofeo, i sostenitori nero-verdi portarono la coppa nella curva trentina, con intento buonaugurante per il match che si sarebbe giocato di lì a poco tra Itas Diatec Trentino e BreBanca Lannutti Cuneo. Tuttavia anche se la squadra è fallita, il gruppo di ultras rimane unito, anche se alcuni membri si sono dedicati al tifo della Virtus Roma e dell'A.S. Roma.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Coppa Italia 2006-2007, legavolley.it. URL consultato il 14 maggio 2010.
  2. ^ Supercoppa italiana 2007-2008, legavolley.it. URL consultato il 14 maggio 2010.
  3. ^ Coppa Italia 2007-2008, legavolley.it. URL consultato il 14 maggio 2010.
  4. ^ Final Four Coppa CEV 2007-2008, legavolley.it. URL consultato il 14 maggio 2010.
  5. ^ Presentate le domande di iscrizione ai campionati 2008-2009, legavolley.it. URL consultato l'11 giugno 2008.
  6. ^ La M.Roma scende in Serie B, corrieredellosport.it. URL consultato l'11 giugno 2008.
  7. ^ Coppa Italia A2 2009-2010, legavolley.it. URL consultato il 14 maggio 2010.
  8. ^ Massimo Mezzaroma si prende il Siena, asromalive.com. URL consultato il 14 maggio 2010.
  9. ^ Finale Play Off A2 2009-2010, legavolley.it. URL consultato il 14 maggio 2010.
  10. ^ legavolley.it - Piazzamenti M. Roma Volley, legavolley.it. URL consultato il 14 maggio 2010.
  11. ^ RS - L'Itas vince la Coppa Italia, trentinovolley.it. URL consultato il 1º febbraio 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]