Nelson Acosta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nelson Acosta
Nelson Acosta.JPG
Nome Nelson Bonifacio Acosta López
Nazionalità Uruguay Uruguay
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex calciatore)
Squadra Fernández Vial
Ritirato 1984 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1969-1971 Huracán Buceo ? (?)
1972-1976 Peñarol ? (?)
1977 CD Everton 10 (0)
1978-1981 O'Higgins 106 (3)
1982-1984 Fernández Vial ? (?)
1984 Lota Schwager ? (?)
Nazionale
1971-1976 Uruguay Uruguay 5 (0)
Carriera da allenatore
1984-1988 Fernández Vial
1988-1991 O'Higgins
1992 Unión Española
1992 Cruz Azul
1993 Cile Cile
1993-1996 Unión Española
1996-2000 Cile Cile
2002-2003 Cobreloa
2003-2004 Bolivia Bolivia
2004-2005 Cobreloa
2005-2007 Cile Cile
2007-2010 CD Everton
2011-2012 Cobreloa
2012-2014 Deportivo Quito
2014-2014 CD Everton
2014-2015 CD Iquique
2016- Fernández Vial DS onorario
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Bronzo Sydney 2000
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Nelson Bonifacio Acosta López (Paso de los Toros, 12 giugno 1944) è un allenatore di calcio ed ex calciatore uruguaiano con passaporto cileno.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Calciatore[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1969 debutta nella squadra uruguaiana dell'Huracán Buceo. Nel 1971 passa al Peñarol dove passa anni di successo, vincendo 3 titoli nazionali in 5 stagioni. Nel 1977 si trasferisce in Cile, al CD Everton, poi all'O'Higgins e al Fernández Vial nel 1984, prima di ritirarsi nel Lota Schwager.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

La carriera da allenatore di Acosta parte in Cile, vincendo nel 1992 e nel 1993 la Coppa del Cile con l'Unión Española. Nel 1996 viene nominato allenatore della nazionale di calcio cilena al posto di Xabier Azkargorta, ottenendo la qualificazione a Francia 1998, tornando al mondiale dopo 16 anni. Nel 2000 vince la medaglia di bronzo ai Giochi della XXVI Olimpiade con il Cile Under-23. Il suo rendimento insoddisfacente nelle qualificazioni per Corea del Sud-Giappone 2002 causa il suo esonero. Ottenuti i titoli di Apertura 2003 e Clausura 2004 alla guida del Cobreloa, nel 2005, viene di nuovo chiamato in nazionale dopo l'esonero di Juvenal Olmos. Il 3 giugno il suo CD Everton vince a sorpresa il Campionato di Apertura 2008 dopo 32 anni senza vittorie.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

1973, 1974, 1975

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

1992, 1993
Apertura 2003, Clausura 2004, Apertura 2008

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]