Monete euro italiane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Situazione aggiornata a gennaio 2015:

██ Zona euro

██ UE non appartenenti all'AEC II

██ UE appartenenti all'AEC II con opt-out

██ UE non appartenenti all'AEC II con opt-out

██ Non UE che usano bilateralmente l'euro

██ Non UE che usano unilateralmente l'euro

Le monete euro italiane presentano da un lato la cifra espressa in numeri corrispondente al valore della moneta, insieme ai paesi dell'UE (faccia comune a tutti i paesi europei), mentre l'altra faccia (quella che varia da paese a paese) presenta soggetti che rappresentano l'arte e la cultura italiana. Ogni moneta è stata disegnata da un artista differente, da quella da 1 centesimo a quella da 2 euro. Gli artisti sono: Eugenio Driutti, Luciana De Simoni, Ettore Lorenzo Frapiccini, Claudia Momoni, Maria Angela Cassol, Roberto Mauri, Laura Cretara e Maria Carmela Colaneri. Ogni soggetto reca le 12 stelle della bandiera europea e la sigla della Repubblica Italiana, RI. Nessuna moneta in euro italiana porta una data precedente al 2002 (anno dell'introduzione della nuova moneta unica), anche se alcune monete sono state coniate prima di quell'anno, per essere introdotte al pubblico già dal dicembre 2001.

La scelta dei soggetti per la faccia italiana di alcune monete è stata lasciata alla popolazione italiana, tramite una votazione telefonica avvenuta l'8 febbraio 1998 durante la trasmissione televisiva Domenica In,[1] nella quale vennero presentati i soggetti da votare. La moneta da 1 euro, invece, non fu sottoposta a voto, in quanto Carlo Azeglio Ciampi, all'epoca ministro dell'Economia, aveva già deciso che dovesse recare il disegno dell'Uomo Vitruviano di Leonardo da Vinci.[2] L'opera di Leonardo è infatti altamente simbolica poiché rappresenta il Rinascimento focalizzato sull'uomo come misura di tutte le cose. Come Ciampi stesso ha osservato, questa rappresenta la "moneta al servizio dell'Uomo" invece dell'Uomo al servizio del denaro.

Nel 1999 vennero battuti 1 179 335 pezzi da 20 centesimi con millesimo 1999 anziché 2002, come previsto dal decreto di emissione, in seguito ad un errore tecnico. L'errore fu scoperto poco dopo, e si procedette così alla deformazione dell'intero lotto, ma ignoti riuscirono comunque a trafugare un numero imprecisato di monete, passibili di sequestro da parte della Guardia di Finanza in quanto proprietà esclusiva dello Stato.[3]

Faccia nazionale[modifica | modifica wikitesto]

0,01 € 0,02 € 0,05 €
0,01 € Italia.jpg 0,02 € Italia.jpg 0,05 € Italia.gif
Castel del Monte ad Andria La Mole Antonelliana di Torino Il Colosseo a Roma
0,10 € 0,20 € 0,50 €
0,10 € Italia.gif 0,20 € Italia.jpg 0,50 € Italia.gif
Particolare della Nascita di Venere di Sandro Botticelli Forme uniche della continuità nello spazio di Umberto Boccioni Statua equestre di Marco Aurelio sul disegno michelangiolesco di Piazza del Campidoglio a Roma
1 € 2 € Bordo 2 €
1 € Italia.jpg 2 € Italia.jpg 2 standard euro edge inscription.svg
L'Uomo Vitruviano di Leonardo da Vinci Ritratto di Dante Alighieri ripreso dall'affresco La Disputa del Sacramento di Raffaello Sanzio

Quantità monete coniate[modifica | modifica wikitesto]

Valore facciale[4] 0,01 € 0,02 € 0,05 € 0,10 € 0,20 € 0,50 € 1 € 2 €
2002 1.348.599.500 1.098.866.250 1.341.442.204 1.142.083.000 1.411.536.000 1.136.418.000 965.725.300 463.402.200
2003 9.637.000 21.555.000 1.844.000 29.714.000 25.893.000 44.563.000 66.230.000 36.098.000
2004 99.925.000 119.925.000 9.925.000 4.925.000 4.925.000 4.925.000 4.925.000 6.925.000
2005 179.943.900 119.943.900 69.943.900 99.943.900 4.943.900 4.943.900 4.943.900 61.943.900
2006 158.951.700 195.951.700 118.951.700 179.951.700 4.951.700 4.951.700 107.951.700 9.951.700
2007 214.955.490 139.955.490 84.955.490 104.955.490 4.955.490 4.955.490 134.955.490 4.955.490
2008 179.956.400 134.956.400 89.956.400 104.956.400 4.956.400 4.956.400 134.956.400 2.456.400
2009 174.953.900 184.953.900 84.953.900 105.953.900 59.953.900 2.453.900 144.953.900 1.953.900
2010 125.448.100 120.243.400 67.618.100 91.328.400 57.787.000 9.209.800 96.533.100 5.788.100
2011 133.954.500 108.954.500 36.954.500 75.954.500 66.954.500 4.954.500 87.954.500 13.954.500
2012 217.959.500 79.959.500 75.959.500 99.959.500 4.959.500 4.959.500 4.959.500 26.959.500
2013 250.000.000 150.000.000 80.000.000 15.000.000 15.000.000 5.000.000 5.000.000 10.000.000
2014 ? ? ? ? ? ? ? ?
/ = non emessa, ? = finora sconosciuto, * = piccole quantità per collezionisti

2 euro commemorativi[modifica | modifica wikitesto]


Il costo di produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il costo per creare una moneta da un centesimo di euro supera il valore nominale della stessa. Questo ammonta, infatti, a 4,5 centesimi. Anche per la produzione della moneta da due centesimi si spende una somma superiore al valore della stessa: 5,2 centesimi.[19]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Archivio RAI
  2. ^ Scoppia la febbre dell'Euro, 9 febbraio 1998. URL consultato l'11 ottobre 2013.
  3. ^ I 20 centesimi del 1999
  4. ^ Circulating Mintage quantities, Henning Agt.
  5. ^ Catalogo lamoneta.it: 2 € commemorativo 2004
  6. ^ Catalogo lamoneta.it: 2 € commemorativo 2005
  7. ^ Catalogo lamoneta.it: 2 € commemorativo 2006
  8. ^ Catalogo lamoneta.it: 2 € commemorativo TdR 2007
  9. ^ Catalogo lamoneta.it: 2 € commemorativo 2008
  10. ^ Catalogo lamoneta.it: 2 € commemorativo UEM 2009
  11. ^ Catalogo lamoneta.it: 2 € commemorativo 2009
  12. ^ Catalogo lamoneta.it: 2 € commemorativo 2010
  13. ^ Catalogo lamoneta.it: 2 € commemorativo 2011
  14. ^ CATALOGO EURO: 2 Euro 2012 10º Anniversario dell'Euro
  15. ^ [1]
  16. ^ [2]
  17. ^ [3]
  18. ^ [4]
  19. ^ espresso.repubblica.it

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]