Mario D'Acquisto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mario D'Acquisto
Mario d'acquisto.jpg

Presidente della Regione Siciliana
Durata mandato 1º maggio 1980 –
23 dicembre 1982
Predecessore Gaetano Giuliano
Successore Calogero Lo Giudice

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature IX, X, XI
Gruppo
parlamentare
DC e CCD
Circoscrizione Sicilia
Collegio Palermo
Incarichi parlamentari
  • Vice presidente della Camera dei deputati
  • Componente della VII COMMISSIONE (DIFESA)
  • Componente della V COMMISSIONE (BILANCIO E PARTECIPAZIONI STATALI)
  • Componente della II COMMISSIONE (GIUSTIZIA)
  • Componente della V COMMISSIONE (BILANCIO E TESORO)
  • Componente della COMMISSIONE SPECIALE PER L'ESAME, IN SEDE REFERENTE, DEI PROGETTI DI LEGGE CONCERNENTI LA RIFORMA DELL'IMMUNITA' PARLAMENTARE
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Democrazia Cristiana
Titolo di studio laurea in giurisprudenza
Professione avvocato, giornalista

Mario D'Acquisto (Palermo, 12 gennaio 1931) è un politico italiano, ex presidente della Regione Siciliana e vice presidente della Camera dei deputati Negli anni Settanta ha ricoperto la carica di primo Cittadino del Comune di Mezzojuso.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in giurisprudenza, avvocato e giornalista, fu segretario provinciale della Democrazia Cristiana di Palermo e venne eletto deputato all'Assemblea regionale siciliana per cinque legislature, dal 1963 al 1983. Nel 1970 diviene assessore al Lavoro, e nel 1971 ai lavori pubblici, e dal 1972 al 1974 al Lavoro.

Dal 1978 al 1980 è assessore al Bilancio fino a quando il 1º maggio del 1980 viene eletto presidente della Regione. Guiderà due governi fino al dicembre del 1982. È il difficile momento della successione a Piersanti Mattarella, assassinato dalla mafia, mentre durante il suo mandato fu ucciso il prefetto Carlo Alberto Dalla Chiesa.

Nel 1983 viene eletto nella lista DC alla Camera dei deputati, dove sarà rieletto per altre due legislature. Farà parte delle commissioni Bilancio e Difesa. Nel 1987 è sottosegretario al Bilancio nel governo Goria, e dall'aprile 1988 al luglio 1989 sottosegretario alla Difesa nel governo De Mita. Dal 1989 al 1990 è presidente della Commissione Bilancio prima e della Commissione Finanze dopo. Nel 1990 diviene vice presidente della Camera dei Deputati. A fine 1993 aderisce al gruppo parlamentare del Centro Cristiano Democratico, ma decide di non ricandidarsi alle elezioni del 1994 e si ritira dalla politica. Durante il II governo Berlusconi viene nominato presidente di Italia Lavoro Sicilia, carica che mantiene fino a giugno 2009.

Predecessore Presidente della Regione Siciliana Successore Sicilia-Stemma.png
Gaetano Giuliano 1º maggio 1980 - 22 dicembre 1982 Calogero Lo Giudice