Gaetano Giuliano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gaetano Carlo Giuliano

Presidente facente funzioni della Regione Siciliana
Durata mandato 6 gennaio 1980 –
1º maggio 1980
Predecessore Piersanti Mattarella
Successore Mario D'Acquisto

Dati generali
Partito politico Partito Socialista Italiano

Gaetano Carlo Giuliano (Palazzolo Acreide, 23 luglio 1929) è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Avvocato. È stato vice presidente dell'Amministrazione provinciale di Siracusa e segretario della Federazione provinciale del PSI. È stato eletto nel 1971 deputato all'Assemblea regionale siciliana nel collegio della provincia di Siracusa per il PSI. Rieletto all'Ars nel 1976, diviene, nella giunta Bonfiglio assessore al Turismo fino al 1978, quando nel primo governo presieduto da Piersanti Mattarella, diviene anche vice presidente della Regione. Mantiene le due cariche nel marzo del 1979, con il secondo governo Mattarella.[1]

Dopo l'assassinio, il 6 gennaio 1980, di Mattarella, assume le funzioni di Presidente della Regione fino al 1º maggio 1980, e dal marzo 1980, anche la delega alla Sanità.

Non rieletto nel 1981, ha continuato la carriera politica, ed è stato Consigliere Comunale del Psi, fino al 1994, al Comune di di Palazzolo Acreide, ove a tutt'oggi, risiede.

Successivamente fu coinvolto nello scandalo della Sitas, una società mista privati-regione per la costruzione di alberghi a Sciacca e condannato nel luglio 1996 dal tribunale di Palermo[2].

La Corte di Appello di Palermo, nel giugno 2000, lo ha assolto, con formula ampiamente liberatoria.

Lasciata la politica attiva, si è occupato di zootecnia ed ha ricoperto la carica di Presidente provinciale dell'Associazione Allevatori di Siracusa.

Attualmente pensionato, si occupa di energie alternative.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente facente funzioni della Sicilia Successore
Piersanti Mattarella 6 gennaio 1980 - 1º maggio 1980 Mario D'Acquisto