Marco Scardigli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Marco Scardigli (Novara, 11 maggio 1959) è un saggista e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha insegnato a contratto storia coloniale presso l'Università di Pavia. Le sue opere principali riguardano la storia militare ed in particolare la storia della guerra, delle battaglie e della cultura bellica.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

La storia delle battaglie d'Italia[modifica | modifica wikitesto]

I tre volumi La lancia, il gladio, il cavallo, (Arnoldo Mondadori Editore), Le battaglie dei cavalieri, (Arnoldo Mondadori Editore) e Cavalieri, mercenari e cannoni, (Arnoldo Mondadori Editore - Premio Italia Medievale 2015) rappresentano un tentativo organico di riscostruire la storia delle guerre avvenute nella penisola dalle origini fino all’avvento delle armi da fuoco, analizzate sia sotto il profilo storico-tecnico, sia per i risvolti socio-culturali.

Altri scritti storici[modifica | modifica wikitesto]

Le battaglie del Risorgimento, (Rizzoli) ripercorre le vicende militari dell’Unità d’Italia dalla battaglia di Tolentino del 1815 fino alla presa di Porta Pia. La ricostruzione mette in luce l’esistenza di due movimenti risorgimentali profondamente differenti e spesso antagonisti: uno monarchico e uno democratico.

Lo scrittoio del generale. La romanzesca epopea risorgimentale del generale Govone, (UTET) narra la vita e le opere del generale Giuseppe Govone, uno dei protagonisti dell'unificazione nazionale italiana, ricostruite attingendo a centinaia di lettere inedite. Il libro è anche uno spaccato dell'intero Risorgimento raccontato mentre questo avveniva, cogliendo in divenire le speranze, i dubbi, le tragedie e i sogni di quegli anni.

Viaggio nella terra dei morti. La vita dei soldati nelle trincee della Grande Guerra (UTET) è la ricostruzione della quotidianità al fronte italiano ottenuta assemblando testimonianze di tutti i tipi, soprattutto lettere, diari e libri. Alla base di questo testo c’è la convinzione che se nel lavoro storico si utilizzano solo le fonti ufficiali si finisce inevitabilmente per raccontare il punto di vista del potere. Per recuperare quello dei sottoposti bisogna ricorrere a fonti atipiche e non aver timore dell’empatia per i protagonisti umili delle vicende. Il risultato è una descrizione del conflitto molto distante, in qualche caso addirittura opposta, da quella tradizionale, patriottica ed eroica.

Le armi del diavolo. Anatomia di una battaglia. Pavia, 24 febbraio 1525 (UTET) rappresenta un tentativo fatto con Andrea Santangelo di superare la dicotomia abituale fra saggio e narrativa e ricostruire la battaglia di Pavia attraverso gli occhi di sei personaggi inventati, ma in tutto e per tutto credibili: un cavaliere scozzese, una vivandiera dei lanzichenecchi, un archibugiere spagnolo, una nobildonna pavese, un artigliere ferrarese, un mercenario di Giovanni dalle Bande Nere. La somma dei racconti dà lo svolgimento degli scontri e introduce i principali temi storici di quell’evento. Una corposa parte di note serve come approfondimento storico di quanto descritto nella parte narrata.

Il braccio indigeno. Ascari, irregolari e bande nella conquista dell’Eritrea 1885-1911, Franco Angeli è una storia degli Àscari, i reparti di colore delle truppe coloniali italiane. Studiare gli indigeni che hanno militato sotto le bandiere italiane significa addentrarsi nel dimenticato e colpevolmente trascurato passato coloniale nazionale mettendosi dalla parte di quegli africani che si sono staccati dal resto della loro gente, senza però poter integrarsi completamente in quello coloniale dei bianchi.

Il viaggiatore di battaglie, (UTET) è il racconto dei viaggi per i campi di battaglia d'Italia, dall'antichità fino alla seconda guerra mondiale, fatti per scrivere i libri di storia militare. Agli itinerari geografici si sovrappongono le riflessioni sulla memoria storica, soprattutto riguardo agli avvenimenti formativi dell'identità nazionale - il Risorgimento e le due guerre mondiali - e su come spesso si assista allo scontro tra realtà storica, celebrazione e mitizzazione.

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine del Novecento sono usciti due romanzi: Pete Rhoner e il mistero delle code di lucertola, (Sperling & Kupfer) un giallo comico-demenziale e Lilibum, (Liber) un romanzo-favola scritto con Roberto Viglino.

Del 2016 è Celestina. Il mistero del volto dipinto (Mondadori). La vicenda trae spunto da un fatto veramente accaduto a Novara nel 1902: l’uccisione di una prostituta di alto bordo ritrovata col volto dipinto di nero. Il racconto presenta diversi personaggi molto distanti e differenti fra loro: un ufficiale dell’esercito in disgrazia, un delegato di polizia emarginato dai colleghi, una sartina sfortunata in amore, un rappresentante di commercio tedesco. Il turbine di avvenimenti scatenato dall’omicidio travolgerà queste figure che alla fine vedranno i loro destini radicalmente cambiati.

Altre pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Sulla cucina, grande passione dell’autore: La golosa erudizione, una raccolta di aneddoti, aforismi e cultura varia da usare a tavola e in cucina.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Storia della guerra e delle battaglie
    • Il braccio indigeno. Ascari, irregolari e bande nella conquista dell’Eritrea 1885-1911, Franco Angeli, Milano, 1996
    • Diario della seconda guerra mondiale (collaborazione), De Agostini, Novara, 1996
    • Lo scrittoio del generale. La romanzesca epopea risorgimentale del generale Govone, UTET, Torino, 2006
    • Alfonso Lamarmora e il suo tempo e Gli ascari e la nascita della Colonia eritrea in Gli Italiani in guerra, UTET Grandi Opere, 2008, direttore scientifico Mario Isnenghi
    • La lancia, il gladio, il cavallo. Uomini, armi e idee nelle battaglie dell'Italia antica, Arnoldo Mondadori Editore, Milano, 2010
    • Le grandi battaglie del Risorgimento, Rizzoli, Milano, 2010
    • Le battaglie dei cavalieri. L'arte della guerra nell'Italia medievale, Arnoldo Mondadori Editore, Milano, 2012
    • Cavalieri, mercenari e cannoni. L'arte della guerra nell'Italia del Rinascimento, Arnoldo Mondadori Editore, Milano, 2014 (Premio Italia Medievale 2015)
    • Viaggio nella terra dei morti. La vita dei soldati nelle trincee della Grande Guerra, UTET DeAgostini libri, Novara, 2014
    • Le armi del diavolo. Anatomia di una battaglia. Pavia, 24 febbraio 1525, con Andrea Santangelo, UTET DeAgostini libri, Novara, 2015
    • Guerre d’indipendenza in Italia (a cura di Marco Scardigli), collana Grandangolo – Le guerre nella storia, RCS Mediagroup, 2016
    • Il viaggiatore di battaglie. Sulle tracce delle piccole e grandi guerre combattute in Italia, UTET, DeA Planeta Libri, Novara, 2017
  • Narrativa
  • Varia
    • Vivono fra noi? Materiali di lavoro per l'analisi della stampa quotidiana italiana sull'immigrazione africana, Università di Pavia, Med-Campus, 1994
    • La golosa erudizione. Aforismi e aneddoti, citazioni e riflessioni da spendere a tavola e in cucina, Liber internazionale, Pavia, 1994
    • Italia e Africa, un posto al sole, in AA.VV., Dentro e Fuori la globalizzazione, strumenti per l'educazione allo sviluppo e alla cooperazione popolare, CISPI, Milano, 1999
Controllo di autoritàVIAF (EN44530963 · ISNI (EN0000 0000 7843 0562 · BNF (FRcb14502338k (data)