James Jones (cestista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
James Jones
James Jones Heat.jpg
Jones con la maglia dei Miami Heat
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 203 cm
Peso 99 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Guardia / ala piccola
Ritirato 2017
Carriera
Giovanili
American Senior High School
1999-2003Miami Hurricanes
Squadre di club
2003-2005Indiana Pacers81 (378)
2005-2007Phoenix Suns151 (1.157)
2007-2008Portland T. Blazers58 (463)
2008-2014Miami Heat266 (1.132)
2014-2017Cleveland Cavaliers153 (560)
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

James Andrew Jones (Miami, 4 ottobre 1980) è un dirigente sportivo ed ex cestista statunitense, attualmente General Manager dei Phoenix Suns..

Jones è stato per 4 anni un letterman alla American High School di Hialeah, Florida. Ha mantenuto una media di 25 punti a partita nel suo anno da senior, guadagnandosi il Class 6A Player of the Year e l'inserimento nel First-team All-State. ha poi continuato a giocare a basket al college per i Miami Hurricanes dell'Università di Miami, dove è stato per tre anni titolare e ha terminato la sua carriera con una media di 11 punti a partita. È stato nominato nel Third-team All-Big East nel suo anno da junior e nel Second-team Verizon Academic All-American nell'annata seguente. È stato quindi introdotto nella University of Miami Sports Hall of Fame nel 2014.

Jones è stato selezionato dagli Indiana Pacers al secondo giro del Draft NBA 2003. nella sua carriera ha quindi giocato per i Pacers, i Phoenix Suns, i Portland Trail Blazers, i Miami Heat e i Cleveland Cavaliers. Nella sua carriera ha vinto tre volte il campionato NBA, due volte con gli Heat e una con i Cavaliers. lui e il suo compagno di squadra LeBron James hanno ragginuto le NBA Finals per sette volte consecutivamente tra il 2011 e il 2017. Jones non è mai stato in una squadra con una record negativo e non ha raggiunto i playoff una sola volta in carriera, nel 2007–08 con i Trail Blazers. Ha terminato terzo nella percentuale del tiro da tre unti nella stagione 2007–08 e ha vinto l'NBA Three-point Shootout nel 2011. Il suo nickname è "Champ".

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

High school[modifica | modifica wikitesto]

Jones è stato per 4 anni un letterman alla American High School di Hialeah, Florida. Ha mantenuto medie di 25.2 punti, 12 rimbalzi, 2.5 assist, 2 palle rubate e 6 stoppate a partita nel suo anno da senior, guadagnandosi l'inserimento nel First-team All-State e nel First-team All-Dade.[1] È stato inoltre nominato come Class 6A Player of the Year e come Miami Herald Boys' Basketball Player of the Year. Jones è stato l'MVP della squadra nei suoi anni da junior e da senior e una volta ha messo a referto 16 stoppate in una partita.[1]

College[modifica | modifica wikitesto]

Jones ha giocato a basket al college per i Miami Hurricanes dell'Università di Miami dal 1999 al 2003.[1] Durante la sua permanenza a Miami si è laureato in finanza, è stato membro della National Honor Society, ed ha avuto 3.41 grade point di media.[1][2] Ha giocato 33 partite, marcando 3.9 punti e 1.9 rimbalzi a partita durante il suo anno come freshman nel 1999. Ha giocato come titolare tutte le 29 partite degli Hurricanes nel suo anno da sophomore, avendo 11.9 punti, 5.9 rimbalzi, 1.2 assist, 1.2 palle rubate e 1.6 stoppate di media a partita. Jones è stato il miglior tiratore da 3 punti della sua squadra, tirando 41-87 da oltre l'arco, con una media del 47.1%.[1] Ha giocato come titolare tutte le 31 partite degli Hurricanes nel suo anno da junior, avendo 12.8 punti, 6.3 rimbalzi, 1.5 assist, 2.4 stoppate e 1.3 palle rubate per partita, guadagnandosi una selezione nel Third-team All-Big East e il riconoscimento di 2002 Verizon Academic All-District III.[1] Ha giocato come titolare tutte le 28 partite degli Hurricanes nel suo anno da senior, mantenendo 16.9 punti, 6.0 rimbalzi, 1.8 assist, 1.6 palle rubate e 1.8 stoppate a partita, guadagnandosi una Honorable Mention per l'All-Big East e una selezione nel Second-team Verizon Academic All-American. Jones è stato il miglior rimbalzista e stoppatore della squadra nel suo anno da senior.[1]

In totale ha giocato 122 partite al college, di cui 89 come titolare, ed ha avuto delle medie di 11.1 punti, 5.0 rimbalzi, 1.2 assist, 1.1 palle rubate e 1.6 stoppate a partita.[3][1] Ha giocato come titolare 89 partite consecutive tra la stagione 2000–01 e la 2002–03. Ha inoltre guadagnato riconoscimenti come Big East All-Academic in tutte le quattro stagioni al college ed è stato il primo Hurricane ad essere selezionato come Verizon Academic All-American.[1] È stato introdotto nella University of Miami Sports Hall of Fame nel 2014.[4]

NBA[modifica | modifica wikitesto]

Indiana Pacers[modifica | modifica wikitesto]

Al Draft NBA 2003 viene selezionato con la 49ª scelta assoluta dagli Indiana Pacers.[5] In totale la sua stagione da rookie, 2003-04, ha giocato solamente 26 minuti[6] divisi su sei partite e ha slatato 66 partite a causa di vari infortuni che lo tormentarono. Per le restanti dieci partite non ha giocato a causa delle decisioni dell'allenatore.[2]

Jones ha giocato in 75 partite, di cui 24 come titolare, per i Pacers durante la stagione 2004-05, segnando 4.9 punti di media a partita mentre si classificò 25º nell'intera NBA e primo della sua squadra per percentuale di tiro da 3 punti: 39.8%.[6][2] Durante questa seconda stagione in Indiana i suoi minuti si sono alzati grazie a una rissa tra i giocatori dei Pacers e quelli dei Detroit Pistons, che ha coinvolto anche alcuni tifosi, datata 19 novembre 2004, che ha causato la squalifica dell'ala piccola Ron Artest per il restodella stagione e della guardia tiratrice Stephen Jackson per 30 partite.[7] Jones non ha giocato per decisione dell'allenatore in sette occasioni.[2] Ha segnato un career-high di 27 punti, con 10-14 al tiro e 6-9 nel tiro da 3, il 28 novembre 2004, contro i Seattle SuperSonics.[8][2]

Phoenix Suns[modifica | modifica wikitesto]

Dopo due stagioni in maglia Pacers passa ai Phoenix Suns, il 25 agosto 2005, in cambio di un scelta al secondo giro del Draft NBA 2008, che si convertirà in Mike tayolor. Durante la sua prima stagione, 2005-06, gioca 75 partite, di cui 24 come titolare, riuscendo a chiudere la stagione con una media di 9.3 punti, massimo in carriera per Jones, e 3.4 rimbalzi in 23.6 minuti per partita. nel suo primo anno in Arizona ha saltato 7 partite a causa di infortuni.[2] La percentuale di palle perse di Jones, 5.23 palle perse per 100 possessi, nella stagione 2005–06 fu un record per l'NBA come più bassa percentuale di turnover per una singola stagione. Attualmente è scivolata all' ottavo posto, al termine della stagione 2018-19.[9] I di dati certi per i turnover nell'NBA cominciano comunque dalla stagione 1977-78.[10]

Jones ha giocato in 76 partite, di cui 7 dall'inizio, per i Suns durante la stagione 2006-07, mantenendo 6.4 punti e 2.3 rimbalzi in 18.1 di media a partita. Non ha giocato per decisione dell'allenatore 7 volte. Jones ha segnato 45 tiri liberi consecutivi dal 5 gennaio al 29 marzo, la più lunga strisci a di liberi consecutivi segnati della stagione NBA 2006–07.[2]

Portand Trail Blazers[modifica | modifica wikitesto]

nel giugno 2007, Jones è stato scambiato coi Portland Trail Blazers con i diritti per Rudy Fernandez, scelta numero 24 del Draft NBA 2007, in cambio di una somma di denaro.[11] A fine gennaio 2008, Jones era il miglior tiratore da 3 punti della lega per percentuale, leggermente al disopra del 50%.[12][13] ha dovuto saltare 12 partite per un infortunio al ginocchio fra il 4 e il 27 febbraio.[2] Ha saltato 12 partite anche nel novembre 2007 sempre a causa di problemi al ginocchio, risultando per 5 partite nella lista degli inattivi e lasciato a riposo per 7 volte per decisione dell'allenatore.[14][2] Jones ha finito la stagione 2007-08 terzo nella lega per percentuale di tiro da 3 punti, con una media del 44.4%.[15][16] Nonostante le sue buone percentuali non fu selezionato quell'anno per il Three-Point Shootout dell'NBA All-Star Weekend 2008, a causa anche dei fan dei Trail Blazers.[16] ha giocato 58 partite, di cui 3 come titolare, durante la stagione, mettendo a referto 8.0 punti e 2.8 rimbalzi in 22.0 minuti di media a partita.[2][17] I Trail Blazers hanno finito la stagione 2007–08 con un record di 41–41. Questa fu l'unica stagione nella carriera in NBA di Jones nella quale fallì l'accesso ai playoff. Non era inoltre mai stato in una squadra con un record non positivo.[18] Il 26 giugno 2008 ha usato la sua opzione giocatore per liberarsi dal suo contratto con i Trail Blazers, rendendosi un free-agent per la off-season.[19]

Miami Heat[modifica | modifica wikitesto]

Jones in azione con i Miami Heat

Il 9 luglio 2008, Jones ha firmato un contratto con la squadra della sua città, i Miami Heat.[20] Ha guadagnato 4 milioni di dollari nel suo primo anno di un contratto di 5, valevole fino a 23.2 milioni. I primi due anni erano garantiti, mentre gli altri 3 erano a opzione di Jones o della squadra.[21] ha giocato in 40 partite, di cui una da titolare, per gli Heat durante la stagione 2008-09 ha mantenuto medie di 4.2 punti e 1.6 rimbalzi in 15.8 minuti a partita. Jones ha saltato 36 partite a causa di un infortunio al polso destro e ne ha saltate 6 per decisione del coach.[2] Ha giocato da titolare tutte le sette partite degli Heat ai playoff quella stagione.[22] Ha completato due giocate da 4 punti nel giro di 11 secondi in una sconfitta ai playoff con gli Atlanta Hawks il 29 aprile 2009.[23]

Ha giocato 36 partite, di cui 6 da titolare, per la squadra nella stgione 2009-10, segnando 4.1 punti e 1.3 rimbalzi in 14.0 minuti di media a partita. ha saltato una partita a causa di un virus intestinale e 35 per decisione dello staff. Jones era disponibile ma segnato nella lista inattivi in 10 occasioni.[2]

Il 29 giugno 2010 è stato rilasciato dalla squadra per liberare il salary cap di 400,000 dollari.[24] Il 19 luglio 2010 Jones è stato però messo sotto contratto dagli Heat per il minimo salariale.[25] ha giocato 81 partite, di cui 8 come titolare, per gli Heat durante la stagione 2010-11, marcando 5.9 punti e 2.0 rimbalzi in 19.1 minuti di media a partita. Ha saltato una partita per decisione dell'allenatore. Jones fu il giocatore con più presenze per gli Heat con 81 partite giocate, il giocatore con più tiri da 3 punti realizzati con 123e tentati con 287 e quello con più sfondamenti ricevuti con 29.[2] Ha finito settimo nella NBA per percentuale di tiro da 3 punti con il 42.9%.[2][26] Ha avuto inoltre la minor percentuale di turnover durante la stagione, commettendo in media 5.27 turnover ogni 100 possessi. Questa fu allora la seconda miglior prestazione per questa statistica nella storia dell'NBA, dietro solo al record dello stesso Jones di 5.23 della stagione 2005-06. Il 19 febbraio 2011 ha vinto il Three-Point Shootout a Los Angeles, allo Staples Center, durante l'All Star Weekend.[27] Jones segno il suo career-high ai playoff con 25 punti, tirando 5-7 dai 3 punti e 10-10 ai tiri liberi, il 1º maggio 2011, contro i Boston Celtics.[28] Gli Heat riuscirono a raggiungere le Finali NBA 2011 dove vennero sconfitti dai Dallas Mavericks per 4 partite a 2.[29]

Il 9 dicembre 2011 firma con gli Heat un contratto di tre anni valevole 4.5 milioni di dollari.[30] nella stagione 2011-12 un impressionante peefcorso di successi culminerà nel primo titolo NBA per Jones, secondo per la franchigia, siccome sconfissero glio Oklahoma City Thunder nelle Finali NBA 2012, 4 partite a 1.[31][32] jones giocò 51 partite, di cui 10 da titolare, per gli Heat durante quella stgione avendo di media 3.6 punti e 1.0 rimbalzi in 13.1 minuti a partita. Non giocò per decisione dei coach per 15 volte. Nel Three-Point Shootout 2012, a Orlando, finì' terzo, dietro a Kevin Love e a Kevin Durant, quest'ultimo battuto poi alle finali per il titolo NBA.[2]

Jones ha giocato 38 partite per gli Heat durante le stagione 2012-13, segnanod 1.6 punti e 0.6 rimbalzi in 5.8 minuti di media a partita.[2] Non ha giocato per decisione dell'allenatore in 43 occasioni e ha saltato un'ulteriore partita per problemi personali.[2] Ha vinto il suo secondo titolo quell'anno, quando gli Heat batterono i San Antonio Spurs in sette partite.[33][34] Questa serie finale viene spesso ricordata grazie ad uno spettacolare tiro da 3 punti di Ray Allen sul finire di gara 6 che permise agli Heat di allungare la serie ed in fine di vincerla in casa in gara 7.[35]

Nella stagione 2013-14, gli Heat raggiunsero ancora le Finali NBA, marcando così la loro presenza nella quarta serie finale consecutiva. Miami si dovette confrontare ancora con gli Spurs ma questa volta persero in 5 partite.[36] Jones giocò 20 partite, di cui 6 da titolare, durante la stagione, segnando 4.9 punti e 1.2 rimbalzi in 11.8 minuti di media a partita.[2] È stato nella lista degli inattivi per 21 partite.[37]

Cleveland Cavaliers[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 2014-2015 passa ai Cleveland Cavaliers assieme al suo compagno LeBron James. Alla prima stagione in maglia Cavaliers raggiunge le Finals (poi perse contro i Golden State Warriors di Stephen Curry). La stagione successiva si laurea nuovamente campione il 19 giugno 2016 vincendo il suo terzo anello dopo aver battuto in gara 7 i Golden State Warriors.

È uno dei due giocatori, insieme e soprattutto grazie a LeBron James, in grado di raggiungere sette finali consecutive senza far parte dei Boston Celtics che dominarono la Lega a cavallo fra gli anni '50 e '60.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

NBA[modifica | modifica wikitesto]

Regular season[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campion. Partite Statistiche tiro Altre statistiche
Pres. Titol. Minuti Tiri da 2 Tiri da 3 Liberi Rimb. Assist Rubate Stopp. Punti
2003-2004 Stati Uniti Indiana Pacers NBA 6 0 26 1/5 1/4 2/2 2 0 1 0 7
2004-2005 Stati Uniti Indiana Pacers NBA 75 24 1330 60/152 66/166 53/62 174 57 31 28 371
2005-2006 Stati Uniti Phoenix Suns NBA 75 24 1772 133/296 110/285 103/121 253 57 38 49 699
2006-2007 Stati Uniti Phoenix Suns NBA 76 7 1376 72/202 90/238 71/81 176 45 28 42 485
2007-2008 Stati Uniti Portland Trail Blazers NBA 58 3 1276 52/122 91/205 86/98 161 34 24 15 463
2008-2009 Stati Uniti Miami Heat NBA 40 1 630 22/53 33/96 26/31 62 20 12 14 169
2009-2010 Stati Uniti Miami Heat NBA 36 6 503 6/29 37/90 23/28 45 17 11 4 146
2010-2011 Stati Uniti Miami Heat NBA 81 8 1549 23/59 123/287 60/72 160 43 29 19 475
2011-2012 Stati Uniti Miami Heat NBA 51 10 666 11/36 46/114 25/30 49 19 17 9 185
2012-2013 Stati Uniti Miami Heat NBA 38 0 221 5/8 16/53 2/4 22 13 2 6 60
2013-2014 Stati Uniti Miami Heat NBA 20 6 236 3/14 28/54 7/11 23 9 3 4 97
2014-2015 Stati Uniti Cleveland Cavaliers NBA 57 2 669 11/26 63/175 39/46 62 24 13 8 250
2015-2016 Stati Uniti Cleveland Cavaliers NBA 48 0 463 17/38 41/104 21/26 50 14 11 10 178
Totale carriera 661 91 10717 416/1040 745/1871 518/612 1239 352 220 208 3585

Playoffs[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campion. Partite Statistiche tiro Altre statistiche
Pres. Titol. Minuti Tiri da 2 Tiri da 3 Liberi Rimb. Assist Rubate Stopp. Punti
2005 Stati Uniti Indiana Pacers NBA 13 0 214 9/21 10/25 4/9 27 10 7 7 52
2006 Stati Uniti Phoenix Suns NBA 20 6 353 20/56 8/26 22/26 72 5 5 18 86
2007 Stati Uniti Phoenix Suns NBA 11 6 171 11/18 8/18 9/11 15 3 2 2 55
2009 Stati Uniti Miami Heat NBA 7 7 235 6/10 11/22 22/24 16 5 3 1 67
2010 Stati Uniti Miami Heat NBA 1 0 9 0/0 0/1 2/2 0 0 0 0 2
2011 Stati Uniti Miami Heat NBA 12 0 272 7/14 17/37 13/13 30 2 6 2 78
2012 Stati Uniti Miami Heat NBA 20 0 173 7/13 9/30 10/10 20 2 3 1 51
2013 Stati Uniti Miami Heat NBA 9 0 33 0/3 3/4 0/0 3 0 0 1 9
2014 Stati Uniti Miami Heat NBA 15 0 126 3/8 15/32 2/3 11 5 3 2 53
2015 Stati Uniti Cleveland Cavaliers NBA 20 0 311 4/11 22/64 13/14 29 9 8 3 87
2016 Stati Uniti Cleveland Cavaliers NBA 12 0 55 1/3 1/7 1/4 4 3 0 0 16
Totale carriera 140 19 1952 68/157 104/266 98/116 227 44 37 37 546

Massimi in carriera[modifica | modifica wikitesto]

  • Massimo di punti: 25 vs Boston Celtics (1º maggio 2011)[38]
  • Massimo di rimbalzi: 9 (2 volte)
  • Massimo di assist: 5 vs Atlanta Hawks (24 maggio 2015)
  • Massimo di palle rubate: 2 (6 volte)
  • Massimo di stoppate: 6 vs Dallas Mavericks (26 maggio 2006)

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Miami Heat: 2012, 2013
Cleveland Cavaliers: 2016

Record[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i James Jones, hurricanesports.com. URL consultato il 21 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 22 giugno 2016).
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r James Jones, nba.com. URL consultato il 25 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 25 giugno 2016).
  3. ^ James Jones, in sports-reference.com, Sports Reference LLC. URL consultato il 10 febbraio 2017.
  4. ^ Degnan, Susan Miller e Navarro, Manny, Miami natives James Jones, Andre Johnson set to join UM Sports Hall of Fame, miamiherald.com, 10 aprile 2014. URL consultato il 21 giugno 2016.
  5. ^ Trail Blazers Acquire James Jones and Draft Rights to Rudy Fernandez, Waive Steve Francis, nba.com. URL consultato il 27 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 20 febbraio 2009).
  6. ^ a b Brunner, Conrad, Pacers Obtain Pick from Suns for Jones, nba.com, 25 agosto 2005. URL consultato il 27 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2009).
  7. ^ Tomasson, Chris, Brawl haunted Pacers, but led to James Jones thriving, foxsports.com, 23 maggio 2013. URL consultato l'8 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 9 luglio 2016).
  8. ^ James Jones Game Finder, in basketball-reference.com, Sports Reference LLC. URL consultato il 26 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2016).
  9. ^ NBA & ABA Single Season Leaders and Records for Turnover Pct, in basketball-reference.com, Sports Reference LLC. URL consultato il 26 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2016).
  10. ^ Grasso, John, Historical Dictionary of Basketball, Scarecrow Press, 2010, pp. 358.
  11. ^ Brown, Jerry, Suns trade James Jones to Blazers, eastvalleytribune.com, 29 giugno 2007. URL consultato il 27 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 13 settembre 2007).
  12. ^ Holdahl, Casey, James Jones wants to go, trailblazerscentercourt.blogspot.com, 25 gennaio 2008. URL consultato l'11 febbraio 2017.
  13. ^ Quick, Jason, Jonesing for James, oregonlive.com, 19 gennaio 2008. URL consultato l'11 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 12 febbraio 2017).
  14. ^ Quick, Jason, The essence of James Jones, oregonlive.com, 5 gennaio 2008. URL consultato l'11 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 12 febbraio 2017).
  15. ^ 2007-08 NBA Leaders, in basketball-reference.com, Sports Reference LLC. URL consultato il 27 giugno 2016.
  16. ^ a b Holdahl, Casey, James Jones: 'My name is too plain', trailblazerscentercourt.blogspot.com, 7 febbraio 2008. URL consultato il 27 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 27 giugno 2016).
  17. ^ Blazers edge Sonics, ending 5-game skid, in Associated Press, usatoday30.usatoday.com, 22 febbraio 2008. URL consultato l'11 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale l'11 febbraio 2017).
  18. ^ Deveney, Sean, James Jones' NBA luck goes far deeper than LeBron James, sportingnews.com, 10 giugno 2016. URL consultato il 21 giugno 2016.
  19. ^ Quick, Jason, Jones opts out of contract, becomes free agent, in The Oregonian, Behind the Blazers Beat, oregonlive.com, 26 giugno 2008. URL consultato il 27 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 27 giugno 2016).
  20. ^ HEAT Sign James Jones, in NBA.com, 9 luglio 2008. URL consultato il 25 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 27 giugno 2016).
  21. ^ Jones signs five-year contract with hometown Heat, espn.com, 9 luglio 2008. URL consultato l'11 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale l'11 febbraio 2017).
  22. ^ Winderman, Ira, Has The Magic Opened Eyes To James Jones?, sun-sentinel.com, 1º giugno 2009. URL consultato l'11 febbraio 2017.
  23. ^ James Jones for 4 - twice in 11 seconds, in Associated Press, gainesville.com, 29 aprile 2009. URL consultato il 26 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2016).
  24. ^ HEAT Waive James Jones, in NBA.com, 29 giugno 2010. URL consultato il 25 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 27 giugno 2016).
  25. ^ HEAT Re-Signs James Jones, in NBA.com, 20 luglio 2010. URL consultato il 25 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 27 giugno 2016).
  26. ^ 2010-11 NBA Leaders, in basketball-reference.com, Sports Reference LLC. URL consultato il 26 giugno 2016.
  27. ^ Felton, Robert, Miami Heat: James Jones Wins The 3-Point Shootout, bleacherreport.com, 19 febbraio 2011. URL consultato il 27 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 27 giugno 2016).
  28. ^ James Jones Game Finder, in basketball-reference.com, Sports Reference LLC. URL consultato il 26 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 27 giugno 2016).
  29. ^ 2011 NBA Finals, in basketball-reference.com, Sports Reference LLC. URL consultato il 27 giugno 2016.
  30. ^ HEAT Re-Signs James Jones, in NBA.com, 9 dicembre 2011. URL consultato l'11 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 27 giugno 2016).
  31. ^ 2012 NBA Finals, in basketball-reference.com, Sports Reference LLC. URL consultato il 27 giugno 2016.
  32. ^ Miami Heat Franchise Index, in basketball-reference.com, Sports Reference LLC. URL consultato il 27 giugno 2016.
  33. ^ 2013 NBA Finals, in basketball-reference.com, Sports Reference LLC. URL consultato il 27 giugno 2016.
  34. ^ HEAT Bio: James Jones, nba.com. URL consultato il 27 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 27 giugno 2016).
  35. ^ Miami Heat beat San Antonio Spurs 103–100 in overtime to force Game 7 in NBA Finals, in Fox News, 18 giugno 2013. URL consultato il 18 giugno 2013.
  36. ^ 2014 NBA Finals, in basketball-reference.com, Sports Reference LLC. URL consultato il 27 giugno 2016.
  37. ^ James Jones stats, details, videos, and news. | NBA.com, su web.archive.org, 11 febbraio 2017. URL consultato il 14 settembre 2019 (archiviato dall'url originale l'11 febbraio 2017).
  38. ^ James Jones Career Bests and Rankings, Cleveland Cavaliers, News, Rumors, NBA Stats, NCAA Stats, Game Logs, Awards - RealGM, su basketball.realgm.com. URL consultato il 14 settembre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]